Carmentalia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carmentalia
Tipo di festa religiosa
Periodo 11 gennaio e il 15 gennaio
Celebrata a Roma
Religione Religione romana
Oggetto della celebrazione Festività romane in onore della ninfa Carmenta

I Carmentalia erano una festività romana che si celebrava l'11 e il 15 gennaio in onore della ninfa Carmenta, un antico oracolo poi deificato, che aveva un tempio alle pendici del Campidoglio, presso la porta Carmentale, istituita fin dai tempi di Romolo e Tito Tazio.[1]

Il rito sacro[modifica | modifica sorgente]

Si trattava di una festività osservata principalmente dalle donne; non sono noti particolari della celebrazione, se non che Carmenta era invocata con gli epiteti di Postvorta e Antevorta, in riferimento alla sua capacità di guardare indietro al passato e in avanti al futuro. Plutarco ci informa che alcuni ritenevano che Carmenta fosse la Moira addetta alla procreazione degli uomini. In questo caso la venerano soprattutto le madri.[2] Altri invece pensano che fosse la madre di Evandro, una profetessa che si pronunciava in versi (infatti i Romani chiamano Carmina i componimenti poetici in versi, da Carmenta), in realtà chiamata Nicostrata.[2] Altri ancora forniscono una versione che a Plutarco sembra la più plausibile, e cioè che il termine Carmenta significhi, priva di senno, a causa dei deliri provocati dall'essere posseduta dagli Dei. Carere in latino significa infatti essere privo, mentre per mentenm si intende l'intelletto.[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Plutarco, Vita di Romolo, 21, 1.
  2. ^ a b Plutarco, Vita di Romolo, 21, 2.
  3. ^ Plutarco, Vita di Romolo, 21, 3.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Fonti primarie
Fonti secondarie
  • William Smith, Dictionary of Greek and Roman Antiquities, 1870 (testo on-line sul sito LacusCurtius dell'edizione del 1875 (EN) ).