Canis lupus dingo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Dingo" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Dingo (disambigua).
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Dingo
Dingo3.jpg
Canis lupus dingo
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Carnivora
Famiglia Canidae
Genere Canis
Specie Canis lupus
Sottospecie C. l. dingo
Nomenclatura trinomiale
Canis lupus dingo
Meyer, 1793
Sinonimi

Canis familiaris ssp. dingo

Areale

Dingo-map.png

Il dingo (Canis lupus dingo) è un mammifero canide introdotto dall'uomo in Australia. Presumibilmente la sua origine è asiatica; si crede infatti che esso si sia stabilito nel continente australiano circa 3 500 anni fa al seguito degli insediamenti umani dall'Asia.

Oltre che in Australia il dingo è presente anche in Thailandia, nel sud-est della Cina, nel Laos, in Malesia, in Indonesia, nel Borneo, nelle Filippine e in Nuova Guinea.

Habitat[modifica | modifica sorgente]

Il dingo si può rinvenire nelle foreste, nelle pianure, nelle aree montuose e in quelle rurali dell'Australia occidentale e orientale, ma anche nelle aree desertiche dell'Australia centrale; nelle regioni asiatiche è facile incontrarlo nelle vicinanze dei villaggi dove gli è più facile procurarsi il cibo.

Dieta[modifica | modifica sorgente]

Sono animali carnivori e le loro prede sono principalmente uccelli e rettili, ma non disdegnano anche piccoli canguri, pecore e animali come i conigli introdotti dai coloni europei. In genere cacciano la preda da soli, ma nel caso di grandi prede, come per esempio i canguri, possono cacciare in gruppo.

Minacce[modifica | modifica sorgente]

Areale di Canis lupus dingo e dei suoi ibridi in Australia

Nei paesi asiatici, invece, dove vivono nelle vicinanze dei villaggi, i dingo si nutrono soprattutto degli avanzi dell'uomo e spesso cacciano anche lucertole e topi. I nemici naturali del dingo sono l'uomo, il coccodrillo e altri Canidi; spesso i dingo vengono uccisi da altri dingo appartenenti ad altri gruppi, durante le dispute territoriali. I piccoli sono spesso preda di grandi uccelli rapaci. Il dingo viene apprezzato dagli australiani perché si ritiene che aiuti a mantenere controllate le popolazioni di piccoli marsupiali e soprattutto quella dei conigli, che rappresentano una vera e propria calamità. Sono però anche il nemico principale per gli allevatori che spendono migliaia di dollari per costruire recinti di protezione per le pecore; comunque il dingo preferisce prede naturali e caccia pecore e capre solo in condizioni di scarsa disponibilità di cibo, tanto che esse rappresentano solo il 4% della loro dieta. In Australia il dingo è protetto solo nei parchi e nelle riserve naturali; in genere non è considerato un animale a rischio di estinzione. Il vero problema è quello dell'ibridazione con il cane domestico e in questo senso la protezione è attuata solo allo scopo di mantenere la razza più pura possibile. In Asia il dingo è apprezzato anche come carne e viene regolarmente venduto e consumato. Il dingo può vivere fino a 10 anni in natura e oltre 13 in cattività.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Canis lupus dingo in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi