Bandiera dell'Afghanistan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Bandiera dell'Afghanistan
Flag of Afghanistan.svg
Proporzioni 2:3
Simbolo FIAV Bandiera nazionale
Colori RGB

██ (R:0 G:0 B:0)

██ (R:191 G:0 B:0)

██ (R:0 G:153 B:0)

██ (R:255 G:255 B:255)

Tipologia nazionale
Adozione 4 gennaio 2004
Nazione Afghanistan
Altre bandiere ufficiali
Stendardo presidenziale bandiera Stendardo presidenziale Simbolo vessillologico Bandiera normale o bandiera di diritto

La bandiera dell'Afghanistan è simile a quella utilizzata dall'Afghanistan tra il 1930 e il 1973. La differenza consiste nell'aggiunta della shahada sopra lo stemma al centro. Questa nuova bandiera è stata adottata dall'Autorità transitoria per l'Afghanistan nel 2002. La vecchia bandiera afghana potrebbe venire riadottata se la monarchia verrà reintrodotta nel paese.

La bandiera è composta da tre bande verticali di colore nero (lato dell'asta), rosso e verde. Questi colori sono stati presenti in quasi tutte le bandiere dell'Afghanistan eccetto quelle degli ultimi 20 anni. Lo stemma al centro è tipicamente afghano e rappresenta un mihrab di fronte alla Mecca con un pulpito a fianco.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Fu nel 1929, dopo un suo viaggio in Europa, che il re Amanullah introdusse un tricolore come bandiera nazionale afghana. Il nero simboleggiava il passato, il rosso il sangue versato per l'indipendenza e il verde la speranza nel futuro. Da allora la forma della bandiera afghana è cambiata molte volte. Il 21 aprile del 1980 venivano stabilite anche le nuove interpretazioni attribuite a quegli stessi colori: il nero ricordava così le bandiere adottate dall'Afghanistan nel passato, il rosso stava ad indicare il sangue degli eroi ed il verde il simbolo dell'islamismo, della prosperità e della vittoria sull'imperialismo. Dopo la caduta del regime comunista, nel 1992, lo stemma di Stato ed il colore rosso vennero soppressi. Nel gennaio 1993 il paese adottò un nuovo vessillo a bandiere orizzontali verde-bianco-nero, dove il verde indicava lo sviluppo ed il progresso, il bianco la pace e la riconciliazione, il nero l'ignoranza e l'arretratezza del passato. Al centro della fascia bianca, il nuovo stemma di Stato che raffigurava una moschea islamica con due bandiere nazionali, circondata da due fasci di grano, simbolo della prosperità agricola afghana. Due grosse spade facevano da cornice ed illustravano il successo della lotta della Jihad per la libertà e l'integrità del territorio afghano. In alto la scritta in arabo "Allah è grande, Maometto è il suo profeta".

La bandiera del regime talebano era bianca con la shahada scritta in nero.

Periodo Bandiera Proporzioni Governo Note
1747-1823 Flag of Herat until 1842.svg 2:3 Impero Durrani La bandiera dell'Impero Durrani era a tre bande orizzontali di colore verde, bianco e verde.[1] Dopo il rovesciamento degli scià Durrani, si continuò ad usare ad Herat sino al 1842.
1880-1901 Flag of Afghanistan (1880–1901).svg 2:3 Emirato dell'Afghanistan Bandiera sventolata durante il governo di Abdur Rahman Khan.
1901-1919 Flag of Afghanistan (1901–1919).svg 3:5 Emirato dell'Afghanistan Bandiera adottata da Habibullah Khan. Habibullah aggiunse alla bandiera del padre un simbolo precursore dell'attuale emblema dell'Afghanistan.
1919-1926 Flag of Afghanistan (1919–1921).svg 2:3 Emirato dell'Afghanistan Prima bandiera sventolata sotto il regno di Amanullah Khan/Shah, che aggiunse al simbolo paterno dei raggi emanati da questo a forma di ottogramma; questo nuovo stile era usuale nell'Impero Ottomano. L'Afghanistan divenne poi un regno nel 1926.
1926-1928 Flag of Afghanistan (1926–1928).svg 2:3 Regno dell'Afghanistan Seconda bandiera del regime di Amanullah Shah. Rimosso l'ottogramma, allargò e modificò leggermente l'emblema.
1928-1929 Flag of Afghanistan (1928–1929).svg 2:3 Regno dell'Afghanistan Terza ed ultima bandiera sventolata per Amanullah Shah. Viene adottato per la prima volta il tricolore nazionale nero, rosso e verde, rappresentante rispettivamente il passato (la precedente bandiera), il sangue versato per l'indipendenza (terza guerra anglo-afghana) e la speranza per il futuro, fu probabilmente il prodotto delle influenze avute da Khan in una sua visita in Europa nel 1927. Il nuovo stemma mostra il sole nascente sopra due montagne innevate, e riporta un cerchio di grano e una stella gialla. Si pensa che lo stemma, simile a quello sovietico, fosse stato pensato per allearsi col potente vicino.
1929 Flag of Afghanistan (1929).svg 2:3 Emirato dell'Afghanistan Bandiera adottata da Habibullah Kalakānī o Habibullah Khan, conosciuto anche come Bacha-i-Saqao. Il tricolore rosso, bianco e nero era la stessa bandiera dell'Afghanistan quando era assoggettato ai Mongoli nel XIII secolo.
1929-1930 Flag of Afghanistan (1929–1931).svg 2:3 Regno dell'Afghanistan Prima bandiera del regime di Mohammed Nadir Shah. Fu ripristinato il tricolore precedente; l'ottogramma della prima bandiera di Amanullah Shah rimpiazzò il sole e le montagne innevate.
1930-1973 Flag of Afghanistan (1931–1973).svg 2:3 Regno dell'Afghanistan Seconda bandiera del regno di Mohammed Nadir Shah, ed usata successivamente anche dal figlio, Mohammed Zahir Shah. Il solito tricolore tradizionale fu mantenuto, l'ottogramma rimosso, e l'emblema ingrandito. Tra la mosche e il simbolo venne inserita la scritta ١٣٤٨ (1348 del calendario islamico, o 1929 del calendario gregoriano), l'anno in cui iniziò la dinastia di Mohammed Nadir Shah. Dal 1972, la stessa bandiera fu adottata dalla Repubblica d'Afghanistan, che rimosse soltanto la scritta ١٣٤٨.
1974-1978 Flag of Afghanistan (1974–1978).svg 2:3 Repubblica dell'Afghanistan Seconda bandiera sventolata per la repubblica afghana. Vennero usati gli stessi colori, ma il significato reinterpretato: nero per il passato oscuro, rosso per il sangue versato per l'indipendenza, e verde per la prosperità agricola. Nel cantone apparve un nuovo emblema, con un'aquila ad ali spiegate, un pulpito sul ventre dell'animale (per una moschea), grano intorno all'uccello, e sopra di esso i raggi del sole (per la nuova repubblica). Quando, nel '78, il leader della repubblica fu ucciso, fu instaurato un governo comunista. Per quell'anno fu adottata, in maniera provvisoria, la stessa bandiera ma senza emblema.
1978 Flag of Afghanistan (1978).svg 2:3 Repubblica dell'Afghanistan Terza bandiera sveltolata per la repubblica afghana. Del tutto simile a quella usata nel periodo 1974-1978, ma priva dell'emblema con l'aquila nel cantone.
1978 Flag of the People's Democratic Party of Afghanistan.svg 1:2 Repubblica Democratica dell'Afghanistan Lo sfondo rosso e l'emblema giallo nel cantone erano tipici dei regimi comunisti; la spiga di grano rappresentava l'agricoltura mentre la ruota dentata rappresentava l'industria. Questa bandiera, già adottata negli anni precedenti dal Partito Popolare Democratico, in seguito alla rivoluzione comunista divenne la bandiera ufficiale del paese.
1978-1979 Flag of Afghanistan (1978-1980).svg 1:2 Repubblica Democratica dell'Afghanistan Questa bandiera era totalmente rossa con un emblema giallo nel cantone, disegno tipico dei regimi comunisti. Rimase la ghirlanda di grano, ma fu aggiunta una stella in cima (che rappresentava le cinque etnie della nazione) e la scritta 'Khalq' in Arabo (che significa "popolo") al centro. Questa bandiera era anche usata come emblema del Partito Popolare Democratico della fazione Khalq.
1979-1987 Flag of Afghanistan (1980-1987).svg 1:2 Repubblica Democratica dell'Afghanistan Dopo la caduta della fazione Khalq a favore di quella Parcham (guidata da Babrak Karmal), la bandiera fu cambiata. Il nuovo governo ripristinò il tricolore nero, rosso e verde, a rappresentare il passato, il sangue versato per l'indipendenza, e la fede islamica. Fu disegnato un nuovo emblema, con un sole nascente (in riferimento al vecchio nome, Khorasan, che significa "Terra del Sole Nascente"), un pulpito e il Corano per l'Islam, fiocchi coi colori nazionali, una ruota dentata per l'industria, e una stella rossa per il comunismo.
1987-1992 Flag of Afghanistan (1987–1992).svg 1:2 Repubblica dell'Afghanistan Uguale alla precedente versione, eccetto per l'emblema nazionale: la ruota dentata viene spostata dalla cima al fondo, la stella rossa e il libro vengono rimossi, il campo verde piegato a rappresentare l'orizzonte.
1992 Flag of Afghanistan (1992).svg 1:2 Repubblica dell'Afghanistan Le forze sovietiche si ritirarono nel 1989. Venne proposta questa bandiera che riportava il tricolore tradizionale eliminando il rosso perché ricordava il passato periodo comunista e inserendo la shahada.
1992-1996 Flag of Afghanistan (1992-1996; 2001).svg 1:2 Stato islamico dell'Afghanistan Le strisce verdi e nere vengono prese dalla bandiere precedente, mentre la shahada viene rimossa ma viene inserito l'emblema tradizionale.
1996-1997 Flag of Taliban (original).svg Sconosciuta Emirato islamico dell'Afghanistan I Talebani adottarono una bandiera completamente bianca.
1997-2001 Flag of Taliban.svg 2:3 Emirato islamico dell'Afghanistan Apparve sulla bandiera bianca la shahada.
2001 Flag of Afghanistan (2001-2002).svg 1:2 Stato Islamico dell'Afghanistan La bandiera dell'alleanza del nord, diventata, in seguito alla sconfitta dei talebani, la bandiera provvisoria del paese.
2001-2004 Flag of Afghanistan (2002-2004).svg 1:2 Stato Islamico dell'Afghanistan Questa bandiera è composta da tre strisce verticali dei colori nero, rosso e verde, colori presenti sulla maggior parte delle bandiere afghane degli ultimi anni. L'emblema centrale è quello classico dell'Afghanistan con una moschea con le sue mihrab rivolte verso la Mecca. Questa bandiera è simile a quella usata in Afghanistan durante la monarchia, tra il 1930 e il 1973 ma ha proporzioni diverse.
2004-attuale Flag of Afghanistan.svg 2:3 Repubblica dell'Afghanistan L'attuale bandiera con l'emblema giallo.
Lo stendardo reale dell'Afghanistan dal 1931 al 1973.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ membres.lycos.fr

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

vessillologia Portale Vessillologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di vessillologia