Bandiera del Kurdistan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bandiera del Kurdistan.

La bandiera del Kurdistan (in curdo Kurdistan Alay o Alaya Kurdistanê ئاڵای کوردستان, detta anche Alaya Rengin, "La bandiera colorata") fu disegnata durante i tentativi d'indipendenza curdi dall'Impero Ottomano.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Probabilmente fu creata nel 1900 dall'organizzazione di Xoybûn (o Khoyboon). Una versione precedente di questa bandiera fu quella della Repubblica di Ararat, nazione presente tra il 1927 e il 1931 in Anatolia. Una bandiera simile fu poi utilizzata dallo stato sovietico della Repubblica di Mahabad nel 1946. Attualmente è utilizzata come bandiera ufficiale della regione autonoma del Kurdistan in Iraq, sotto il controllo del governo regionale del Kurdistan. La bandiera è stata bandita in Turchia, Siria e Iran.

Simbolismo[modifica | modifica sorgente]

La principale caratteristica della bandiera curda è l'emblema al centro dello stendardo, il sole d'oro ardente, che è un antico simbolo religioso dei curdi e rappresenta nello Zoroastrismo la saggezza. Il disco solare ha 21 raggi, uguali per forma e dimensione. Il numero 21 ha un'importanza anche nelle antiche tradizioni religiose dei curdi Yazdani. Anche i colori della bandiera hanno un significato simbolico: il rosso simboleggia il sangue dei martiri curdi e la continua lotta per la libertà e l'indipendenza del Kurdistan; il verde simboleggia la bellezza dei paesaggi del Kurdistan; il bianco simboleggia la pace e l'uguaglianza; il giallo rappresenta la vita e la luce.

Antiche bandiere curde[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Kurdistan: Short-lived independent states
vessillologia Portale Vessillologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di vessillologia