Bandiera delle Filippine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Watawat ng Pilipinas
Flag of the Philippines
Watawat ng Pilipinas  Flag of the Philippines
Proporzioni 1:2
Simbolo FIAV Bandiera nazionale e bandiera navale nazionale
Colori RGB

██ (R:0 G:56 B:168)

██ (R:206 G:17 B:38)

██ (R:255 G:255 B:255)

██ (R:252 G:209 B:22)

Uso Bandiera civile e di Stato
Altre bandiere ufficiali
Bompresso bandiera di bompresso
Stendardo presidenziale bandiera Stendardo presidenziale
Fotografia
Philippines flag.jpg

La bandiera delle Filippine presenta un sole ad otto raggi e tre stelle, tutti in oro, su un triangolo equilatero bianco posto sul lato del pennone. La metà superiore dell'area rimanente è blu, mentre quella inferiore è rossa. Le proporzioni della bandiera sono 1:2.

La bandiera venne concettualizzata per la prima volta nel 1897 da Emilio Aguinaldo. La prima bandiera venne cucita a Hong Kong da Marcela de Agoncillo, sua sorella Lorenza, e Josefina Herbosa de Natividad, nipote di José Rizal. (Secondo altre fonti il nome della nipote era Delfina Herbosa de Natividad.)

Questa è una rappresentazione della bandiera originale delle Filippine, come venne concepita dal Gen. Emilio Aguinaldo. Il blu aveva una tonalità più chiara dell'attuale, il sole aveva molti più raggi, anche se aveva comunque otto punte, ed aveva una faccia.

Secondo la Dichiarazione di indipendenza delle Filippine del 12 giugno 1898, il triangolo bianco è l'emblema distintivo del Katipunan, che tramite il suo tributo di sangue ispirò il popolo delle Filippine a sollevarsi nella rivoluzione. Le tre stelle rappresentano i tre gruppi di isole della nazione: Luzon, Visayas, e Mindanao, anche se nella dichiarazione di indipendenza una delle tre stelle rappresentava in origine l'isola di Panay, invece che le Visayas. Entrambe le raffigurazioni rappresentano la stessa idea: l'unione di popoli e culture separate in una nazione. Gli otto raggi di sole rappresentano le prime otto province, Manila, Cavite, Bulacan, Pampanga, Nueva Ecija, Tarlac, Laguna, e Batangas, che si ribellarono al dominio spagnolo.

Mentre oggi molte persone pensano a Manila come ad una città, l'aggiunta di Manila a questo raggruppamento è storicamente appurata, in quanto, nel 1898, Manila e i suoi sobborghi erano amministrati come una provincia indipendente. Questa provincia è oggi conosciuta come Regione Capitale Nazionale.

I significati dei colori, rosso, bianco e blu, vengono attualmente descritti come segue: il triangolo bianco rappresenta l'uguaglianza e la fratellanza; il blu sta per pace, verità e giustizia; e il rosso per patriottismo e valore. Comunque, l'originale dichiarazione di indipendenza dichiarava che i tre colori erano ispirati alla bandiera statunitense, come manifestazione della gratitudine dei filippini verso gli USA, per il loro aiuto contro gli spagnoli.

Questa è la prima bandiera ufficiale intesa a rappresentare la nazione. Venne creata dai Katipunan a Naic (Cavite) nel 1897.

La particolare tinta di blu usata nella bandiera è stata oggetto di controversia per quasi novant'anni. Dal 1920 al 1985, la tonalità era blu mare, ma il Presidente Ferdinand E. Marcos ordinò che venisse cambiata in blu cielo, su consiglio dei circoli storici, per renderla uguale a quella usato nella bandiera cubana, che era vista come un alleato contro la Spagna. A causa di una mancanza di standard e di materiale durante la Guerra filippino-americana, i sostenitori della tonalità blu mare e quelli della tonalità blu cielo hanno entrambi prove documentarie che sostengono e contraddicono le argomentazioni di ognuno. Si veda Bandiere della rivoluzione filippina.

Mentre i documenti rivoluzionari ufficiali documentano chiaramente che la tonalità di blu usata sulla prima bandiera era azul oscura, a quale tonalità esatta faccia riferimento questo termine, resterà materia di dibattito per anni a venire. Gli storici oggi concordano che azul oscura è una tonalità più scura del blu cielo, ma più chiara del blu mare.

Allo scopo di far cessare la controversia, la tonalità attualmente richiesta è il blu reale, secondo l'Atto della Repubblica N. 8491. Sfortunatamente, questo atto ha creato controversia tra storici e politici, sul fatto che il Governo abbia o meno il diritto di alterare il significato originale e storico di questi simboli per motivi di convenienza.

La bandiera filippina è unica in quanto può indicare lo stato di guerra. Quando la bandiera è rovesciata, ovvero con il rosso in alto (o a sinistra se è esposta verticalmente), significa che le Filippine sono in guerra. La prima volta che venne sventolata in questo modo fu il 4 febbraio 1899, all'inizio delle ostilità della Guerra filippino-americana del 1899-1913.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]