Habibullah Kalakānī

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Habibullāh Kalakāni
Habibullah Kalakani of Afghanistan.jpg
Emiro dell'Afghanistan
In carica 17 gennaio 1929 - 16 ottobre 1929
Predecessore Amānullāh Khān (come re)
Successore Mohammed Nadir Shah (come re)
Nascita Kalakan, Afghanistan, 1890 circa
Morte Kabul, 3 novembre 1929

Habibullāh Kalakāni (Kalakan, 1890Kabul, 3 novembre 1929) è stato un emiro afghano, noto anche come Habibullah Ghazi e con il soprannome "Bacha-i-Saqao".

Fu emiro dell'Afghanistan dal gennaio all'ottobre del 1929. Dopo aver deposto re Amanullah Khan con l'aiuto di varie tribù ghilzai che si opponevano alla modernizzazione dell'Afghanistan messa in atto dal re in quel periodo, si proclamò emiro dell'Afghanistan e ricostituì il vecchio emirato e si nominò "Habibullah Khadem-e DIN-e Rasūlallāh" ("il servitore della religione del messaggero di Dio").

Egli stesso fu rovesciato e giustiziato il 3 novembre 1929 dall'esercito del futuro re Mohammed Nadir Shah con l'aiuto delle tribù afghane provenienti da tutto il paese. Durante il suo breve regime Habibullah adottò una bandiera a tre bande verticali (rossa, nera e bianca), che era la stessa usata durante il periodo della dominazione mongola nel XIII secolo. Durante il regime fu anche introdotto in Afghanistan il burqa.

La bandiera adottata da Habibullah Kalakānī

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]