Antonio De Nino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Antonio De Nino (Pratola Peligna, 15 giugno 1833Sulmona, 1 marzo 1907) è stato uno storico e antropologo italiano.

Nacque a Pratola Peligna, in provincia dell'Aquila e si occupò, nei suoi studi e nelle sue opere, con passione ed interesse degli usi e dei costumi della sua gente. Collaborò con Gabriele D'Annunzio alla stesura di alcune tragedie, nella parte riguardante la ricerca delle fonti e dei contesti storico-culturali, delle tradizioni e del retaggio abruzzese, ove collocare lo svolgimento delle scene.

Come ispettore della provincia dell'Aquila, esplorò la necropoli di Alfedena (Notizie degli Scavi 1877, pp. 115 e 276-279; Notizie degli Scavi 1879, pp. 320-324; Notizie degli Scavi 1882, pp. 68-82; Notizie degli Scavi 1885, pp. 344-392), effettuò ricerche nella valle dell'Alento (L’età della pietra nella valle dell’Alento, in Riforma XVI, 1882), a nel territorio di San Benedetto in Perillis (Notizie degli Scavi 1892, pp. 484-485).

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • La figura e l'opera di Antonio De Nino, Atti del Convegno (Castelvecchio Subequo, 28.11.1997), La Moderna, Sulmona 1988.
  • A. De Gubernatis, «Dizionario biografico degli scrittori contemporanei», Le Monnier, Firenze 1879, ad vocem.
  • «Dizionario biografico degli Italiani», vol. XXXVII, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, Roma 1990, ad vocem.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]