Antonino Lo Surdo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antonino Lo Surdo

Antonino Lo Surdo (Siracusa, 4 febbraio 1880Roma, 7 giugno 1949) è stato un fisico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu professore di fisica superiore all'Istituto di Fisica di Roma dal 1919, e ne divenne direttore alla morte di Mario Orso Corbino, nel 1937.

Studioso di fisica terrestre, si occupò anche di sismologia e di geofisica quando il terremoto di Messina del 1908 lo privò di tutti i suoi parenti più vicini, tranne il fratello. Contribuì alla fondazione dell'Istituto Nazionale di Geofisica appoggiato dal Consiglio Nazionale delle Ricerche, quando ne era Presidente Guglielmo Marconi.

Il suo nome però resta legato alla scoperta (realizzata indipendentemente anche da Johannes Stark) nel 1913 dell'effetto di un campo elettrico sullo spettro di emissione di un gas, noto come effetto Stark-Lo Surdo (conosciuto al di fuori dall'Italia semplicemente come effetto Stark). La sua scoperta contribuì notevolmente allo sviluppo della teoria quantistica. Compì altre ricerche notevoli nel campo dell'ottica fisica (studio delle microonde), dell'elettricità atmosferica (sonde di potenziale radioattive), della sismologia, della meteorologia (nefoscopio a prospettiva) e dell'acustica fisiologica (potere localizzatore dell'audizione biauricolare).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 261119770