Gilberto Bernardini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gilberto Bernardini (Fiesole, 28 agosto 1906Fiesole, 4 agosto 1995) è stato un fisico italiano. Ha studiato e si è laureato alla Scuola Normale Superiore di Pisa nel 1928 e due anni dopo assunse l'incarico di assistente alla facoltà di fisica a Firenze dove collaborò con Giuseppe Occhialini allo sviluppo di nuove tecniche e strumenti per la ricerca di particelle atomiche. Negli anni che vanno dal 1934 al 1937 si trasferì in Germania, dove studiò presso la Società Kaiser Wilhelm di Berlino. Professore all'Università di Camerino nel 1937, Bernardini ha insegnato a Bologna dal 1938 al 1946, indi a Roma, dove ricoprì prima la cattedra di Spettroscopia e poi quella di Fisica Sperimentale, infine dal 1964 a Pisa fino al ritiro avvenuto nel 1977. Ha fatto parte del gruppo italiano degli specialisti dei raggi cosmici. In questo campo spiccano i suoi lavori sugli sciami elettromagnetici, sul decadimento dei muoni, sulla teoria dei processi moltiplicativi, nonché sullo studio della fotoriproduzione dei pioni.
Dopo un soggiorno di sette anni negli Stati Uniti, a Urbana e Chicago, dove produsse studi sui pioni, divenne il primo presidente dell'istituto nazionale di fisica nucleare fino al 1959; è stato direttore del gruppo di ricerca del protosincrotone del CERN di Ginevra nel periodo 1957-60. A partire dal 1964 ha assunto la direzione della Scuola Normale Superiore di Pisa. Membro di numerose accademie e società, nel 1968 è stato uno dei fondatori dell'European Physical Society e suo primo presidente fino al 1970.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Direttore della Scuola Normale Superiore di Pisa Successore SNS.jpg
Giulio Giannelli 1960 - 1964 Giovanni Pugliese Carratelli