Alessi (comico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Alessi (in greco antico Ἄλεξις, traslitterato in Álexis; Thurii, 372 a.C.270 a.C.) è stato un commediografo greco antico, attivo tra il IV e il III secolo a.C.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a Thurii, in Magna Grecia (odierna Calabria), si trasferì ad Atene, dove divenne cittadino e svolse la sua attività. Fu zio di Menandro. Sappiamo che vinse alle Dionisie del 347 a.C. Secondo Plutarco sarebbe vissuto 106 anni. Certamente fu abbastanza longevo da essere sia protagonista della Commedia di mezzo sia attivo autore della Commedia nuova.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Secondo il lessico Suda fu autore di 245 commedie. Ci restano 130 titoli e 340 frammenti, sufficienti non a ricostruire la trama di alcuna commedia, ma ad illustrare la raffinatezza e l'umorismo dell’autore. Gli antichi lo lodarono per la grande cura con cui dipingeva i personaggi, in particolare i parassiti. Le sue commedie erano ancora molto apprezzate in epoca romana e alcune di esse ispirarono Plauto (il cui Poenulus, in particolare, riprende il Cartaginese di Alessi). Alcune tra le sue opere furono Esopo, Lino e Archiloco.

Edizione dei frammenti[modifica | modifica sorgente]

  • R. Kassel, C. Austin, Poetae Comici Graeci, II, Berlino, New York, de Guyter, 1983, pp. 21-195.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • G.A. Privitera, R. Pretagostini, Storia e forme della letteratura greca, Milano, Einaudi, p. 525.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]