Abbone di Fleury

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sant'Abbone
Trattato di Sant'Abbone.
Trattato di Sant'Abbone.

Abate

Nascita 945
Morte 13 novembre 1004
Venerato da Chiesa cattolica
Ricorrenza 13 novembre

Sant' Abbone di Fleury, conosciuto anche come Sant'Abbo o in latino Abbo Floriacensis (Orléans, 945La Réole, 13 novembre 1004), fu un abate francese, filosofo, scrittore e poligrafo ed è ricordato inoltre per i suoi studi di matematica, diritto canonico ed astronomia; è venerato come santo dalla Chiesa cattolica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Monaco dell'abbazia di Ramsey (Cambridgeshire) dall'autunno 985 alla primavera 987, approfondì i suoi studi a Parigi e a Reims dove ebbe come insegnante Gerberto di Aurillac; divenne abate dell'abbazia di benedettina di Fleury (oggi Saint-Benoît-sur-Loire) nel 988. Pertanto prese parte ai concili di Saint-Basle del 991 e di Reims del 995. Morì in seguito alle ferite riportate in uno scontro tra francesi e guasconi nel 1004. Fu sempre legato alla dinastia dei Capetingi.

Scritti e pensiero[modifica | modifica wikitesto]

Il biografo Aimoino di Fleury cita tra i suoi scritti il trattato sulla dialettica De propositionibus et syllogismis, il Computus vulgaris qui dicitur Ephemerida Abbonis, le Quaestiones grammaticae, un commento al Calculus di Vittorio d'Aquitania e l'Apologeticus.

Per Abbone, lo studio delle sette arti liberali vale come guida alla verità divina, che tuttavia per sua natura resta irraggiungibile; se è utile lo studio delle verità di questa terra, delle cose visibili, ancor più sarà utile e necessario lo studio di ciò che a questa terra non appartiene, ossia delle cose invisibili. La filosofia deve mirare a comprendere la perfezione di Dio attraverso la percezione dell'armonia della creazione divina.

L'Apologeticus[modifica | modifica wikitesto]

Abbone era molto legato ai Capetingi, tanto che dedicò al re Ugo Capeto la sua opera più importante, l'Apologeticus, nome completo del Liber apologeticus ad Hugonem et Robertum reges Francorum, scritto intorno al 998. In questa opera l'abate sostiene, allo scopo di difendere i privilegi degli ordini monastici, che la società debba essere considerata come suddivisa in tre ordini, tre ceti in cui si suddivideva la cristianità: monaci, chierici e laici (quest'ultimo suddiviso ulteriormente in militari e contadini). I monaci, con la preghiera intercedono presso Dio, i chierici – preti e vescovi - si dedicano allo studio e all'organizzazione della Chiesa, i nobili provvedono alle necessità della guerra e della pace, mentre i contadini devono provvedere con il loro lavoro a mantenere tutte le altre classi.

Abbone sostenne anche la tesi di un potere assoluto da riservare al Papa - la plenitudo potestatis – in contrasto con l'opinione, al suo tempo prevalente, che identificava nel papa il primo dei vescovi, ma detentore del solo potere religioso. Nell'Apologeticus narra altresì, a proposito della fine del mondo che sarebbe dovuta avvenire nell'anno 1000, di aver sentito «...predicare in una chiesa di Parigi che alla fine dell'anno mille sarebbe sopraggiunto l'Anticristo, e il giudizio universale. Respinsi con forza l'affermazione appoggiandomi al Vangelo, all'Apocalisse e al Libro di Daniele».

Culto[modifica | modifica wikitesto]

La sua Memoria liturgica cade il 13 novembre

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Patrologia latina, 139.

Studi[modifica | modifica wikitesto]

  • Storia della teologia del Medioevo, Casale Monferrato, 1996.
  • C. Frova, Cultura aritmetica nel X secolo: il caso di Abbone di Fleury in La matematica e il suo insegnamento in epoca medioevale, Atti del Convegno internazionale di studio, a cura di P. Freguglia, L. Pellegrini, R. Paciocco, Napoli, 1999. ISBN 8881148188.
  • Abbon de Fleury. Philosophie, sciences et comput autour de l'an mil in Cahiers du Centre d'Histoire des Sciences et des Philosophies Arabes et Médiévales, Parigi, 2006.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Abbone di Fleury in Santi, beati e testimoni - Enciclopedia dei santi, santiebeati.it.

Successioni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Abate di Saint-Benoît-sur-Loire Successore Prepozyt.png
 ? 988 ca. - 1004  ?

Controllo di autorità VIAF: 9966678 LCCN: n82150366