Congregazione sublacense

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Congregazione sublacense dell'Ordine di San Benedetto è stata fondata dall'Abate Pier Francesco Casaretto nel 1843 e fu eretta canonicamente nel 1872 con il titolo di Congregazione cassinese della primitiva osservanza; nel 1959 ha assunto l'attuale nome.

I monaci che ne fanno parte si dedicano alla vita contemplativa secondo la Regola di san Benedetto.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sorse per iniziativa di Pier Francesco Casaretto (1810-1878), sacerdote e monaco benedettino nell'abbazia cassinese di Santa Maria del Monte, presso Cesena.

Il 23 gennaio 1843, per incarico dei superiori, aprì un monastero a Pegli (Genova), ponendovi come base dell'osservanza il ritorno alla perfetta vita comune. Il progetto ottenne l'appoggio di papa Pio IX e di Carlo Alberto ed il 28 luglio 1846 il Casaretto ottenne dalla Santa Sede l'approvazione di 18 articoli da lui preparati e che dovevano costituire un primo concreto piano di esistenza per la nuova comunità.

Il 28 maggio 1850 venne costituita una nuova Provincia della Congregazione Cassinese, denominata Sublacense (cioè di Subiaco), immediatamente soggetta alla Santa Sede: comprendeva i monasteri di San Giuliano d'Albaro, di Finalpia (presso Savona), di Santa Scolastica a Subiaco e di San Giovanni Evangelista (Parma).

Essa, dopo l'aggregazione e la fondazione di altri monasteri, anche fuori d’Italia (Ramsgate, Dendermonde, La Pierre-qui-Vire, Montserrat), si rese autonoma dalla congregazione cassinese e assunse il nome di Congregazione Cassinese nella Primitiva Osservanza, approvata ad experimentum nel 1867 e definitivamente nel 1872.

L'8 agosto 1879, per volere di papa Leone XIII, le fu unita la Congregazione verginiana.[1]

Dopo la morte del fondatore, nel 1880 ebbe il suo volto giuridico definitivo ed al capitolo generale del 1959 assunse definitivamente il nome di Congregazione sublacense.

Con l'aggiornamento voluto dal Concilio Vaticano II, la congregazione ha introdotto nella sua legislazione i principi del pluralismo nell'osservanza a livello di monasteri e di province e della sussidiarietà negli organi di governo.

La congregazione oggi[modifica | modifica wikitesto]

La Congregazione è suddivisa in sette Province (d'Italia, Britannica e Americana, di Francia, del Belgio, Ispanica, d'Africa e Madagascar, del Vietnam) e due Pro-Province (Germania e Filippine): conta attualmente 1250 monaci suddivisi in 64 tra monasteri, abbazie e priorati diffusi in 24 stati.

Ai monaci che fanno parte della Congregazioni vanno aggiunte circa 975 monache benedettine suddivise in 45 monasteri aggregati alla Congregazione Sublacense.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La Congregazione Verginiana, Santuario di Montevergine. URL consultato il 5 settembre 2014.
cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo