Vicky Krieps

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vicky Krieps al Festival di Berlino 2018

Vicky Krieps (Lussemburgo, 4 ottobre 1983) è un'attrice lussemburghese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Krieps nasce il 4 ottobre 1983 a Lussemburgo, da madre tedesca e padre lussemburghese.[1] È la nipote dell'ex presidente del Partito Operaio Socialista Lussemburghese e partigiano lussemburghese Robert Krieps (1922-1990).[1][2] Dopo aver avuto le sue prime esperienze di recitazione al liceo, studia recitazione al Conservatoire de Luxembourg.[3] Nel 2004, terminati gli studi, partecipa per un anno a un progetto umanitario facendo volontariato nella scuola elementare di un villaggio sudafricano nei pressi di Knysna.[3] In seguito all'esperienza, decide di perseguire una carriera da attrice e si iscrive all'Università delle Arti di Zurigo.[4]

Inizia a recitare a teatro presso lo Schauspielhaus di Zurigo, mentre nel 2009 debutta sul grande schermo con un piccolo ruolo da comparsa nel film lussemburghese House of Boys. Dopo aver recitato in alcuni cortometraggi,[5] nel 2011 ottiene i suoi primi ruoli di supporto in tre film stranieri, il tedesco Wer wenn nicht wir, il britannico Hanna di Joe Wright e lo statunitense Anonymous di Roland Emmerich. Tra il 2012 e il 2013, torna in Europa, recitando nel film drammatico tedesco-norvegese Due vite e in una serie di film francesi, tra cui Möbius e Avant l'hiver.

L'anno seguente fa il suo debutto in un ruolo in lingua inglese con il thriller La spia - A Most Wanted Man. Tra il 2014 e il 2015 recita in una serie di film per la televisione tedesca, tra cui Elly Beinhorn - Alleinflug, nel suo primo ruolo da protagonista, quello della pioniera dell'aviazione tedesca Elly Beinhorn.[1] La fine del 2014 porta alla Krieps un altro ruolo da protagonista, nel film indipendente Das Zimmermädchen Lynn,[6] mentre l'anno seguente si fa notare nuovamente a livello internazionale recitando nel film Colonia, ambientato durante il golpe cileno del 1973 e interpretato da Emma Watson e Daniel Brühl.[7]

Grazie alla sua interpretazione in Das Zimmermädchen Lynn, l'attrice viene notata dal regista Paul Thomas Anderson,[8] che le offre il ruolo della co-protagonista del dramma Il filo nascosto, in cui recita al fianco di Daniel Day-Lewis.[9][10] Per la sua interpretazione, Krieps viene candidata a diversi premi e ottiene il riconoscimento da parte della critica internazionale.[11][12] Sempre nel 2017 compare ne Il giovane Karl Marx di Raoul Peck nel ruolo di Jenny von Westphalen, moglie del filosofo tedesco.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Ha una relazione con l'attore tedesco Jonas Laux, con cui ha una figlia, Elisa, e vive a Berlino.[1][2]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Documentario[modifica | modifica wikitesto]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (DE) Eric Leimann e Matthias Probst, Pionierin der Lüfte. Vicky Krieps als Elly Beinhorn, in Télécran, 2014, p. 38.
  2. ^ a b (EN) Kate Kellaway, Actor Vicky Krieps: 'I spent a whole day staring into greenery to avoid Daniel Day-Lewis', in The Guardian, 21 gennaio 2018.
  3. ^ a b (DE) Jean-Louis Scheffen, Vicky und der Schmetterling, in Télécran (archiviato dall'url originale il 10 settembre 2016).
  4. ^ (DE) Theater der Künste (Archiv): Vicky Krieps, su Theaterderkuenste.ch. URL consultato il 9 aprile 2017.
  5. ^ (EN) Rick Wallace, Five Things You Didn’t Know About Vicky Krieps, su TVOvermind, 30 dicembre 2017.
  6. ^ (DE) Das Zimmermädchen Lynn: Vicky Krieps, Ingo Haeb - TV-Tipp am Sa, su arthouse-cinema.de, 15 ottobre 2016.
  7. ^ Chi è Vicky Krieps in 'Colonia', su news.popcorntv.it, 11 maggio 2016.
  8. ^ (EN) Zack Sharf, ‘Phantom Thread’ Breakout Vicky Krieps Had No Idea She Auditioned for a Paul Thomas Anderson Film, su IndieWire, 27 novembre 2017. URL consultato l'8 febbraio 2018.
  9. ^ (EN) Diana Lodderhose, Focus’ New Paul Thomas Anderson Pic Starring Daniel Day-Lewis Adds Lesley Manville & Vicky Krieps, su Deadline, 1º febbraio 2017. URL consultato il 2 febbraio 2017.
  10. ^ (EN) A. O. Scott, Daniel Day-Lewis Sews Up Another Great Performance in 'Phantom Thread', in The New York Times, 24 dicembre 2017, p. C6.
  11. ^ (EN) Dan Jolin, Review: Phantom Thread, in Empire. URL consultato il 2 aprile 2018.
  12. ^ (EN) David Edelstein, Phantom Thread Underscores the Great Tragedy of Daniel Day-Lewis’s Retirement, su Vulture. URL consultato il 2 aprile 2018.
  13. ^ (EN) Hilary Lewis, 'Phantom Thread' Named Best Film by Boston Society of Film Critics, in The Hollywood Reporter, 10 dicembre 2017. URL consultato il 16 dicembre 2017.
  14. ^ (EN) "Call Me By Your Name" and "The Shape of Water" lead 2017 nominees, su chicagofilmcritics.org, 10 dicembre 2017. URL consultato il 26 dicembre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN299693222 · ISNI (EN0000 0001 3329 7654 · LCCN (ENno2014058598 · GND (DE1049455711