Vicky Krieps

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vicky Krieps al Festival di Berlino 2018

Vicky Krieps (Lussemburgo, 4 ottobre 1983) è un'attrice lussemburghese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Krieps nasce il 4 ottobre 1983 a Lussemburgo, nel Granducato di Lussemburgo, da madre tedesca e padre lussemburghese.[1] È la nipote dell'ex presidente del Partito Operaio Socialista Lussemburghese e partigiano lussemburghese Robert Krieps (1922-1990).[1][2]

Dopo aver avuto le sue prime esperienze di recitazione al liceo, studia recitazione al Conservatoire de Luxembourg.[3] Nel 2004, terminati gli studi, partecipa per un anno a un progetto umanitario facendo volontariato nella scuola elementare di un villaggio sudafricano nei pressi di Knysna.[3] In seguito all'esperienza, decide di perseguire una carriera da attrice e si iscrive all'Università delle Arti di Zurigo.[4]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Inizia a recitare a teatro presso lo Schauspielhaus Zürich, mentre nel 2009 debutta sul grande schermo con un piccolo ruolo da comparsa nel film lussemburghese House of Boys. Dopo aver recitato in alcuni cortometraggi,[5] nel 2011 ottiene i suoi primi ruoli di supporto in tre film stranieri, il tedesco Wer wenn nicht wir, il britannico Hanna di Joe Wright e lo statunitense Anonymous di Roland Emmerich. Tra il 2012 e il 2013, torna in Europa, recitando nel film drammatico tedesco-norvegese Due vite e in una serie di film francesi, tra cui Möbius e Avant l'hiver.

L'anno seguente fa il suo debutto in un ruolo in lingua inglese con il thriller La spia - A Most Wanted Man. Tra il 2014 e il 2015 recita in una serie di film per la televisione tedesca, tra cui Elly Beinhorn - Alleinflug, nel suo primo ruolo da protagonista, quello della pioniera dell'aviazione tedesca Elly Beinhorn.[1] La fine del 2014 porta alla Krieps un altro ruolo da protagonista, nel film indipendente Das Zimmermädchen Lynn,[6] mentre l'anno seguente si fa notare nuovamente a livello internazionale recitando nel film Colonia, ambientato durante il golpe cileno del 1973 e interpretato da Emma Watson e Daniel Brühl.[7]

Grazie alla sua interpretazione in Das Zimmermädchen Lynn, l'attrice viene notata dal regista Paul Thomas Anderson,[8] che le offre il ruolo della co-protagonista del dramma Il filo nascosto, in cui recita al fianco di Daniel Day-Lewis.[9][10] Per la sua interpretazione, Krieps viene candidata a diversi premi e ottiene il riconoscimento da parte della critica internazionale.[11][12] Sempre nel 2017, compare ne Il giovane Karl Marx di Raoul Peck nel ruolo di Jenny von Westphalen, moglie del filosofo tedesco.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Ha una relazione con l'attore tedesco Jonas Laux, con cui ha una figlia, Elisa, e vive a Berlino.[1][2]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Documentario[modifica | modifica wikitesto]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (DE) Eric Leimann e Matthias Probst, Pionierin der Lüfte. Vicky Krieps als Elly Beinhorn, in Télécran, 2014, p. 38.
  2. ^ a b (EN) Kate Kellaway, Actor Vicky Krieps: 'I spent a whole day staring into greenery to avoid Daniel Day-Lewis', in The Guardian, 21 gennaio 2018.
  3. ^ a b (DE) Jean-Louis Scheffen, Vicky und der Schmetterling, in Télécran. (archiviato dall'url originale il 10 settembre 2016).
  4. ^ (DE) Theater der Künste (Archiv): Vicky Krieps, su Theaterderkuenste.ch. URL consultato il 09 aprile 2017.
  5. ^ (EN) Rick Wallace, Five Things You Didn’t Know About Vicky Krieps, su TVOvermind, 30 dicembre 2017.
  6. ^ (DE) Das Zimmermädchen Lynn: Vicky Krieps, Ingo Haeb - TV-Tipp am Sa, su arthouse-cinema.de, 15 ottobre 2016.
  7. ^ Chi è Vicky Krieps in 'Colonia', su news.popcorntv.it, 11 maggio 2016.
  8. ^ (EN) Zack Sharf, ‘Phantom Thread’ Breakout Vicky Krieps Had No Idea She Auditioned for a Paul Thomas Anderson Film, su IndieWire, 27 novembre 2017. URL consultato l'8 febbraio 2018.
  9. ^ (EN) Diana Lodderhose, Focus’ New Paul Thomas Anderson Pic Starring Daniel Day-Lewis Adds Lesley Manville & Vicky Krieps, su Deadline, 1 febbraio 2017. URL consultato il 2 febbraio 2017.
  10. ^ (EN) A. O. Scott, Daniel Day-Lewis Sews Up Another Great Performance in 'Phantom Thread', in The New York Times, 24 dicembre 2017, p. C6.
  11. ^ (EN) Dan Jolin, Review: Phantom Thread, in Empire. URL consultato il 02 aprile 2018.
  12. ^ (EN) David Edelstein, Phantom Thread Underscores the Great Tragedy of Daniel Day-Lewis’s Retirement, su Vulture. URL consultato il 02 aprile 2018.
  13. ^ (EN) Hilary Lewis, 'Phantom Thread' Named Best Film by Boston Society of Film Critics, in The Hollywood Reporter, 10 dicembre 2017. URL consultato il 16 dicembre 2017.
  14. ^ (EN) "Call Me By Your Name" and "The Shape of Water" lead 2017 nominees, su chicagofilmcritics.org, 10 dicembre 2017. URL consultato il 26 dicembre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN299693222 · ISNI (EN0000 0001 3329 7654 · LCCN (ENno2014058598 · GND (DE1049455711