Trivero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Trivero
comune
Trivero – Stemma Trivero – Bandiera
Trivero – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
ProvinciaProvincia di Biella-Stemma.svg Biella
Amministrazione
SindacoMario Carli (Lista civica Tutti per Trivero[1]) dal 30/05/2006
Territorio
Coordinate45°40′N 8°10′E / 45.666667°N 8.166667°E45.666667; 8.166667 (Trivero)Coordinate: 45°40′N 8°10′E / 45.666667°N 8.166667°E45.666667; 8.166667 (Trivero)
Altitudine739 m s.l.m.
Superficie29,47 km²
Abitanti5 601[2] (30-11-2017)
Densità190,06 ab./km²
Frazionivedi elenco
Comuni confinantiCamandona, Caprile, Crevacuore, Curino, Mezzana Mortigliengo, Mosso, Portula, Pray, Scopello (VC), Soprana, Strona, Vallanzengo, Valle Mosso, Valle San Nicolao
Altre informazioni
Cod. postale13835
Prefisso015
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT096070
Cod. catastaleL436
TargaBI
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climaticazona F, 3 182 GG[3]
Nome abitantitriveresi
Patronosanti Quirico e Giulitta
Giorno festivo16 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Trivero
Trivero
Sito istituzionale

Trivero (Tërvé o Trivé in piemontese) è un comune italiano sparso di 5.600 abitanti della provincia di Biella, in Piemonte, la cui casa municipale si trova in frazione Ronco. È un importante centro laniero ed è porta di accesso per la strada panoramica che attraversa l'Oasi Zegna.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La prima documentazione scritta che conferma l'esistenza di Trivero, si trova in un diploma del X secolo, Trivero era detto "Treveres" o "Triverium Bugellensium", nome che sanciva la dipendenza da Biella.[4] Fu donato dagli Imperatori del Sacro Romano Impero ai vescovi di Vercelli; nel XIII secolo la famiglia Bolgaro signori di Trivero, non riconoscendo l'autorità dei vescovi, consegnò il feudo al comune di Vercelli, che nel 1313 lo diede al suo vescovo Uberto Avogadro di Valdengo.[5]

L'episodio storico più significativo del periodo medioevale fu l'arrivo nella vicina Valsesia dell'eresiarca Fra Dolcino[6][7] e dei suoi seguaci, che sul Monte Rubello si difesero dagli attacchi delle truppe capitanate dal vescovo Raniero Avogadro di Pezzana, console di Vercelli. Dopo un lungo assedio il 23 marzo 1307 si scatenò la battaglia finale: Dolcino, la sua compagna Margherita da Trento e il luogotenente Longino Cattaneo[8]vennero catturati e condannati al rogo.

Nel 1379 Trivero si sottomise, come gli altri territori biellesi, al conte Amedeo VI di Savoia. Nel 1403 si consegnò al duca di Savoia, poi Carlo Emanuele I infeudò Trivero e il Mortigliengo a Giovanni Wilcardel, signore di Fleury, che divenne Marchese di Mortigliengo e Trivero il 3 marzo 1619. Ricondotto ai Savoia, venne venduto al Delfino di Cuneo con titolo comitale nel 1722, poi donato a Domenico Della Chiesa, conte di Cervignasco, nel 1797. L'anno dopo gli uomini di Trivero piantavano l'albero della libertà. In seguito il territorio tornò ai Savoia. Gli abitanti, come pervenuto dal censimento, nel 1861 erano 4.418.

Nel 1911 Ermenegildo Zegna, con i suoi fratelli, fondò un lanificio a Trivero. Nel giro di quarant'anni il marchio Zegna è diventato famoso in tutto il mondo per i tessuti di alta qualità. Il nome dell'imprenditore è anche legato alla costruzione della Panoramica Zegna, una strada che collega Trivero con la Valle Cervo e che, idealmente, arriva fino ad Andrate. Con il progetto di valorizzazione ambientale Oasi Zegna, i suoi discendenti proseguono il suo lavoro di tutela di un vasto territorio montano del biellese orientale. Ebbe a cuore il benessere delle maestranze e della popolazione triverese tutta: istituì una scuola di avviamento professionale[9], edificò un presidio ospedaliero, una piscina coperta, il centro sciistico di Bielmonte e un centro sociale, ricreativo e commerciale che porta il suo nome. Fu nominato Cavaliere del lavoro a 43 anni, e nel 1941 Conte di Monte Rubello.

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Barbato, Barbero, Barozzo, Baso, Bellavista, Botto, Brovarone, Bulliana, Castello, Caulera, Centro Zegna, Cereje, Dosso, Ferla, Ferrero, Fila, Giardino, Gioia, Grillero, Guala, Lora, Loro, Marone, Mazza, Mazzucco, Molino, Oro, Piana, Polto, Ponzone, Pramorisio, Pratrivero, Rivarolo, Ronco, Rondò, Roveglio, Sant'Antonio, Sella, Trabaldo, Vaudano, Vico, Villaggio Residenziale, Zoccolo[10]

Edifici di pregio[modifica | modifica wikitesto]

In frazione Bulliana si trova il santuario di Nostra Signora della Brughiera (assieme al santuario di Banchette uno dei maggiormente frequentati del biellese nord-orientale); vicino a Trivero si trova anche il Santuario del Mazzucco (in comune di Camandona), dedicato originariamente alla Madonna e a San Bernardo, e poi particolarmente a Sant'Anna.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[11]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il municipio (frazione Ronco)

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
28 aprile 1997 14 maggio 2001 Giovanni Foglia lista civica Sindaco [12]
14 maggio 2001 30 maggio 2006 Clara Mello Rella lista civica Sindaco [12]
30 maggio 2006 16 maggio 2011 Massimo Biasetti lista civica: tutti per Trivero Sindaco [12]
16 maggio 2011 in carica Massimo Biasetti lista civica: tutti per Trivero Sindaco [12]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Il comune fa parte della Comunità montana Val Sessera, Valle di Mosso e Prealpi Biellesi, mentre fino al 2010 apparteneva alla Comunità montana Valle di Mosso, abolita in seguito all'accorpamento disposto dalla Regione Piemonte nel 2009.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sindaco, sito istituzionale del comune www.comune.trivero.bi.it, consultato nel settembre 2014
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2017.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  4. ^ Trivero [1]
  5. ^ Storia di Trivero Copia archiviata, su centrocasalis.it. URL consultato il 24 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 9 ottobre 2014).
  6. ^ Fra Dolcino PDF Copia archiviata (PDF), su newgeo.it. URL consultato il 24 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 1º novembre 2014).
  7. ^ Fra Dolcino: nascita, vita e morte di un'eresia medievale [2]
  8. ^ Longino da Bergamo Copia archiviata, su bgpedia.it. URL consultato il 24 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2015).
  9. ^ L'istituto Professionale di Stato per i Servizi Alberghieri e Ristorativi “E. Zegna” Copia archiviata, su esploraeracconta.it. URL consultato il 25 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 24 ottobre 2014).
  10. ^ Comune di Trivero - Statuto.
  11. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  12. ^ a b c d http://amministratori.interno.it/

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN168229626
Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte