The Kissing Booth

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
The Kissing Booth
The Kissing Booth.png
Joel Courtney e Joey King in una scena del film
Titolo originaleThe Kissing Booth
Lingua originaleInglese
Paese di produzioneRegno Unito, Stati Uniti d'America
Anno2018
Durata105 min
Rapporto2,35 : 1
Generecommedia, sentimentale
RegiaVince Marcello
SoggettoBeth Reekles
SceneggiaturaVince Marcello
ProduttoreAndrew Cole-Bulgin, Ed Glauser, Vince Marcello e Michele Weisler
Casa di produzioneKomixx Entertainment
Distribuzione in italianoNetflix
FotografiaAnastas N. Michos
MontaggioPaul Millspaugh
Effetti specialiDelon Baatjes e Serena Ciralli
MusichePatrick Kirst
ScenografiaDave Arrowsmith
TruccoSam Jane Adams, Barry Du Bruin, Madelein Krugell, Barbara Lorenz, Shana Mans, Nadine Prigge, Nicole Roxburgh, Anike Schraverus e Christina Smith
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

The Kissing Booth è un film del 2018 diretto da Vince Marcello, basato sull'omonimo romanzo di Beth Reekles. Il film vede protagonisti gli attori Joey King, Jacob Elordi, Joel Courtney e Molly Ringwald.

The Kissing Booth è stato rilasciato su Netflix l'11 maggio 2018. Nonostante abbia ricevuto recensioni ampiamente negative da parte della critica, che ha ritenuto la trama e i temi trattati stereotipati e misogini, il film è stato definito un successo commerciale da Netflix grazie al grande consumo degli spettatori.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nati nello stesso giorno e nello stesso ospedale, Elle Evans e Lee Flynn sono migliori amici da tutta la vita. Per proteggere la loro amicizia, hanno stabilito delle regole da rispettare, tra le quali c'è quella che vieta i due di frequentare un parente dell'altro, pena la fine della loro amicizia. Tuttavia, Elle si innamora del fratello di Lee, Noah, conosciuto nella scuola per essere un rubacuori. A questo punto Elle deve fare una scelta: l'amicizia o l'amore.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno 2014, Vince Marcello è stato assunto per scrivere l'adattamento cinematografico del romanzo per giovani adulti di Beth Reekles, The Kissing Booth, pubblicato originariamente su Wattpad.[1] Nel novembre 2016 è stato annunciato l'acquisto da parte di Netflix dei diritti sul film, con Marcello dirigente della sceneggiatura.[2] Nel gennaio 2017, Joey King e Molly Ringwald hanno firmato per recitare nel film.[3]

Le riprese si sono svolte a Los Angeles, in California e a Città del Capo, in Sudafrica, tra gennaio e aprile 2017.[3]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato distribuito l'11 maggio 2018 su Netflix.[4][5] Secondo Netflix, uno spettatore su tre del film l'hanno rivisto, "che è il 30 percento più alto della media del tasso di riattivazione del film sul [servizio di streaming]."[6] Considerando il film un enorme successo per il servizio, il CCO Ted Sarandos ha definito il film "uno dei film più seguiti del paese e forse del mondo."[7]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

The Kissing Booth è stato stroncato dalla critica.[8] Sul sito web Rotten Tomatoes il film ha un punteggio di approvazione del 18% basato su 11 recensioni, un voto medio di 4,12/10, ed un consenso di un critico che recita "The Kissing Booth utilizza ogni cliché di rom nel prenotare con poca cura per ottenere un sentimento reale".[9]

Kate Erbland di IndieWire ha dato al film un voto di "D", aggiungendo che "Sfortunatamente, il rom-com del liceo è uno sguardo sessista e regressivo nei rapporti che evidenzia i peggiori impulsi del genere."[10] Ani Bundel di NBCNews ha criticato la "stereotipizzazione problematica della mascolinità e delle relazioni" del film e la mancanza di idee originali. "Sembra che sia stato scritto da qualcuno che ha semplicemente digerito tutto ciò che le è stato detto che il 'romanticismo' avrebbe dovuto essere del patriarcato e ha vomitato di nuovo verso di noi Quasi ogni cliché nel film si sente catapultato da un altro film, come una canzone fatta completamente di campioni da hit più noti."[8]

Nonostante sia considerato "sessista"[10][11] e "oggettivamente cattivo"[12][13] da diversi critici, The Kissing Booth è stato ampiamente consumato dal pubblico. Ted Sarandos, CCO di Netflix ha affermato il successo del film come un "film originale molto popolare" per il servizio di streaming.[12] I fattori che sono stati citati come ragioni per il successo di The Kissing Booth tra il pubblico includono la popolarità del romanzo originale su Wattpad, la relativa mancanza di commedie romantiche originali sulla piattaforma e la pubblicità della relazione off-screen degli attori King ed Elordi durante la produzione del film.[12]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Anno Premio Categoria Ricevente Risultato Note
2019 Nickelodeon Kids' Choice Awards Film preferito The Kissing Booth Candidato/a [14][15]
Attrice preferita Joey King Vincitore/trice

Citazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Gli adolescenti sfuggono alla pioggia entrando in un gazebo di vetro dove finiscono per flirtare. Questa è una citazione del film Tutti insieme appassionatamente (1965).
  • Uno dei ragazzi nello spogliatoio vede la vernice blu sul viso di Elle e si riferisce a lei come a un "un sexy Braveheart". Questa è una citazione del film Braveheart - Cuore impavido (1995).
  • Il protagonista ubriacatosi ad una festa per adolescenti si mette a ballare suggestivamente su un tavolo come nel film 10 cose che odio di te (1999).
  • La dichiarazione del discorso d'amore al ballo è un omaggio al film Notting Hill (1999).
  • Lee è travestita da "Black Swan" per Halloween. Questa è una citazione del film Il cigno nero (2010).

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Molto probabilmente nel mese di settembre 2020 uscirà il sequel, intitolato The Kissing Booth 2.[16]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Stuart Kemp, 'Zombie Prom' Scribe Hired To Pen Teenage Publishing Sensation Beth Reekles' 'The Kissing Booth', su hollywoodreporter.com, 10 giugno 2014. URL consultato il 27 luglio 2018.
  2. ^ (EN) Nancy Tartaglione, Netflix Orders ‘The Kissing Booth’; YA Adaptation To Be Produced By Komixx, su deadline.com, 30 novembre 2016. URL consultato il 27 luglio 2018.
  3. ^ a b (EN) Amanda N'Duka, Joey King & Molly Ringwald To Pucker Up In ‘The Kissing Booth’, su deadline.com, 30 gennaio 2017. URL consultato il 27 luglio 2018.
  4. ^ The Kissing Booth, su MYmovies.it. URL consultato il 27 luglio 2018.
  5. ^ Kylie Hemmert, The Kissing Booth Official Trailer Released, su ComingSoon.net, 1º maggio 2018. URL consultato il 19 maggio 2018.
  6. ^ Mia Galuppo, 'Set It Up' and the Rise of the Non-Studio Rom-Com, in The Hollywood Reporter, 20 giugno 2018. URL consultato il 21 giugno 2018.
  7. ^ Josef Adalian, Netflix Binge Factory, in Vulture, 10 giugno 2018. URL consultato il 21 giugno 2018.
  8. ^ a b Ani Bundel, Netflix's 'The Kissing Booth' is a runaway teen phenomenon that critics hate and adults have never heard of, su NBCNews, 3 luglio 2018. URL consultato il 10 luglio 2018.
  9. ^ The Kissing Booth (2018), in Rotten Tomatoes. URL consultato il 10 luglio 2018.
  10. ^ a b Kate Erbland, 'The Kissing Booth': Netflix's Teen Comedy Sensation Is Sexist and Outdated — Review, su IndieWire, 31 maggio 2018. URL consultato il 10 luglio 2018.
  11. ^ Tess Cagle, Netflix celebrates the male gaze with puzzlingly sexist teen flick, 'The Kissing Booth', su The Daily Dot, 14 maggio 2018. URL consultato il 10 luglio 2018.
  12. ^ a b c Dustin Rowles, Why Is The Objectively Bad Netflix Movie 'The Kissing Booth' So Insanely Popular?, su Uproxx, 21 giugno 2018. URL consultato il 10 luglio 2018.
  13. ^ Alison Foreman, 'The Kissing Booth' is the problematic, lazy dumpster fire dominating Netflix, su Mashable, 15 giugno 2018. URL consultato il 10 luglio 2018.
  14. ^ Nickelodeon Kids' Choice Awards 2019 Nominees: The Complete List, in Billboard, 26 febbraio 2019. URL consultato il 27 febbraio 2019.
  15. ^ The Kissing Booth - Awards, in IMDb.
  16. ^ Patrick Hipes, 'The Kissing Booth' Getting Netflix Sequel, in Deadline Hollywood, 14 febbraio 2019. URL consultato il 14 febbraio 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema