Sukhoi Su-26

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sukhoi Su-26
Un Sukhoi Su-26
Un Sukhoi Su-26
Descrizione
Tipo Aereo acrobatico
Equipaggio 1
Progettista URSS OKB 51 Sukhoi
Costruttore URSS
Russia Sukhoi
Data primo volo giugno 1984
Altre varianti Sukhoi Su-29
Sukhoi Su-31
Dimensioni e pesi
Tavole prospettiche
Lunghezza 6,83 m
Apertura alare 7,80 m
Altezza 2,89 m
Superficie alare 11,83
Peso a vuoto 700 kg
Peso carico 790 kg
Peso max al decollo 962 kg
Propulsione
Motore Un radiale Vedeneyev M-14P
Potenza 360 CV (270 kW)
Prestazioni
Velocità max 450 km/h
Velocità di crociera 295 km/h
Velocità di salita 1 080 m/min
Autonomia 800 km
Tangenza 4 000 m (12 120 ft)

dati estratti dal sito Sukhoi[1]

voci di aerei civili presenti su Wikipedia

Il Sukhoi Su-26 è un aereo monoposto acrobatico a elica progettato dall'OKB 51, già diretto dall'ingegnere Pavel Osipovič Suchoj, e sviluppato in Unione Sovietica negli anni ottanta.

Portato in volo pr la prima volta nel luglio del 1984, venne avviato alla produzione in serie dal 1988 e viene tuttora impiegato in ambito civile per voli acrobatici.

Storia del progetto[modifica | modifica wikitesto]

Sukhoi Su-26 è il primo modello civile della OKB Sukhoi. Il progetto ebbe inizio nel 1983. Il primo prototipo effettuò il primo volo nel giugno 1984.

Il Sukhoi Su-26 partecipò al Campionato di pilotaggio acrobatico dei paesi socialisti nell'agosto 1984 in Ungheria. La squadra acrobatica dell'URSS si esibì nel XIII campionato del mondo nell'agosto del 1986 nel Regno Unito impiegando solo aerei Sukhoi Su-26M e conquistando la Coppa delle Squadre e la Coppa di Nesterov (in russo: кубок Нестерова), inoltre i piloti russi conquistarono 16 medaglie su un totale di 33.

Dopo questa competizione da record, il Sukhoi Su-26M diventò uno dei leader mondiali nell'acrobazia sportiva e conquistò diversi gran premi e medaglie in numerosi campionati in tutto il mondo.

La russa Ljubov' Nemkova conquistò il titolo di campione mondiale assoluto con un SU-26M. Il russo Nicolai Nikitjuk diventò il campione d'Europa.
Più di 20 aerei Sukhoi Su-26M sono stati acquistati da squadre di Regno Unito, USA, Germania, Repubblica Sud-Africana, Australia. Più di 30 esemplari sono tuttora impiegati da associazioni sportive russe.
Nel 1990 la OKB Sukhoi cominciò i lavori di progettazione di un nuovo aereo acrobatico Sukhoi Su-29 sulla base del modello Su-26M

Varianti e versioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Su-26M (in russo: Су-26М) - il modello modernizzato di Sukhoi Su-26
  • Su-26MX (in russo: Су-26МХ) — la variante per l'esportazione del Su-26М
  • Su-26M2 (in russo: Су-26М2) — Su-26M col sistema del rintracciamento della traiettoria di volo.
  • Su-26M3 (in russo: Су-26М3)

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Due Su-26M di Red Bull Matadors nel volo
Su-26 pilotato dal lituano Jurgis Kairys
Regno Unito Regno Unito
utilizzò i Su-26 fino alla loro sostituzione con i Zivko Edge 540.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Su-26, 29, 31 Specifications

Velivoli comparabili[modifica | modifica wikitesto]

Francia Francia
Germania Germania
Stati Uniti Stati Uniti
URSS URSS

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]