Stay - Nel labirinto della mente

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Stay - Nel labirinto della mente
Stay01.jpg
Ryan Gosling in una scena del film
Titolo originaleStay
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2005
Durata99 min
Generethriller
RegiaMarc Forster
SoggettoDavid Benioff
SceneggiaturaDavid Benioff
FotografiaRoberto Schaefer
MontaggioMatt Chesse
Effetti specialiMark Bero, Wilfred Caban
MusicheAsche & Spencer, Damien Rice, Tom Scott
ScenografiaKevin Thompson
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

« Tra il mondo dei vivi e il mondo dei morti
c'è un luogo in cui non dovresti stare. »

(Tagline del film)

Stay - Nel labirinto della mente è un film del 2005 diretto da Marc Forster e interpretato da Ewan McGregor, Naomi Watts e Ryan Gosling.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film si apre con un incidente d'auto sul ponte di Brooklyn: viene mostrato un ragazzo, Henry Letham, seduto vicino ad un'auto in fiamme.

Il dottor Sam Foster, uno psichiatra, si trova per le mani il caso di Henry, seguito da una sua collega che ha avuto un crollo nervoso. Henry, sente delle voci nella sua testa e ha manie di persecuzione, addossandosi la colpa della morte dei propri genitori anche se questi, come scoprirà Sam, sembrerebbero essere ancora in vita. Inoltre Henry ha l'inquietante facoltà di prevedere discorsi futuri o eventi che devono ancora accadere.

Le cose peggiorano quando il giovane confida al dottore che ha organizzato il proprio suicidio per il sabato di quella stessa settimana, giorno del suo ventunesimo compleanno. Sam, la cui compagna Lila aveva tentato anni prima il suicidio, salvandosi solo grazie al suo aiuto, si sente obbligato a fermare a tutti i costi il ragazzo, ma a questo punto Henry scompare. Sam investiga sul suo passato e improvvisamente si ritrova egli stesso invischiato nelle stesse assurde allucinazioni di cui era preda il giovane.

Sam infatti riesce a parlare con la madre di Henry solo per scoprire in seguito dalla polizia che la donna è morta da tempo, conosce Athena, la ragazza di cui Henry è innamorato, ma quando si trova a rivivere più di una volta questa ed altre situazioni inizia a domandarsi se non siano tutte allucinazioni. Alla fine Sam, aiutato da Lila, ha un'intuizione relativa a dove Henry potrebbe tentare il suicidio. Raggiunto il ragazzo sul ponte di Brooklyn, lo trova con una pistola in mano, pronto per suicidarsi: Henry infila la pistola in bocca e fa partire un colpo, Sam non riesce ad impedirgli il gesto estremo.

A questo punto viene ripresa la scena iniziale dell'incidente: Henry era rimasto gravemente ferito in quell'incidente, mentre i suoi genitori erano morti. Sam, in realtà un medico, fa il possibile per salvare la vita di Henry, coadiuvato da Lila, che scopriamo essere un'infermiera. Tutti i personaggi che man mano sono stati presentati durante il film, altri non erano che spettatori dell'incidente, che fanno dei commenti mentre Sam e Lila sono attorno al corpo di Henry ferito. Purtroppo, nonostante gli forzi, non riescono a salvargli la vita, ed Henry muore.

L'intero avvicendarsi del film è quindi una proiezione mentale di Henry, basata sui volti delle persone che vede attorno a se' nel lasso di tempo che va dall'incidente fino al sopraggiungere della morte (nella mente di Henry, Sam diventa il suo psichiatra, e l'infermiera Lila una ex paziente nonché ragazza di Sam).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema