Pozzo di Gammazita: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
 
==La leggenda==
{{vedi anche|Gammazita}}
[[File:Catania Gammazita.jpg|thumb|Accesso al pozzo]]
 
Di lei si invaghì un soldato francese, le cui ''avances'' furono però disprezzate dalla giovane, che era già fidanzata. Proprio nel giorno del suo matrimonio, mentre Gammazita si recava come sempre a prendere l’acqua, il soldato la aggredì violentemente e la ragazza, vistasi preclusa ogni via di scampo, preferì gettarsi nel vicino pozzo piuttosto che cedere al disonore.
 
Versioni successive arricchiscono il racconto, romanzandolo e aggiungendo altri personaggi di contorno.<ref>''L'intervista'', anno XVII n.23, Catania 9 giugno 1935, pag. 9.</ref> In esse si fa preciso riferimento all'anno in cui si sarebbe svolto tale avvenimento, il [[1278]], e si racconta di donna [[Macalda Scaletta|donna Macalda Scaletta]], bellissima e orgogliosa vedova del signore di Ficara, che attirava la corte di tutti i cavalieri francesi e siciliani. Essa, tuttavia, innamoratissima del suo giovane paggio Giordano, sfuggiva a tutte le proposte amorose. Un giorno però Giordano vide la giovane Gammazita intenta a ricamare dinanzi alla soglia della sua casa e se ne innamorò perdutamente. L'amore dei due giovani destò le ire e la folle gelosia della perfida Macalda, che si accordò con il francese de Saint Victor per tendere loro un tranello: questi avrebbe dovuto far capitolare Gammazita e Macalda sarebbe stata sua.
 
De Saint Victor fece numerose imboscate, approfittando in particolare delle volte in cui Gammazita si recava ad attingere acqua alla vicina fonte. Un giorno riuscì infine ad afferrare la fanciulla, ma essa si divincolò dalla sua stretta e non vedendo altra via di scampo, per il suo onore preferì gettarsi nel vicino pozzo. Giordano, appreso quanto accaduto, in preda alla disperazione assalì il suo nemico, uccidendolo a pugnalate dinanzi al cadavere dell'amata.
Utente anonimo

Menu di navigazione