Sicko

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sicko
Sicko (film).jpg
Michael Moore in una scena del film
Titolo originale Sicko
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 2006
Durata 113 min
Rapporto 1,85:1
Genere documentario
Regia Michael Moore
Soggetto Michael Moore
Sceneggiatura Michael Moore
Produttore Michael Moore, Meghan O'Hara
Produttore esecutivo Kathleen Glynn, Bob Weinstein, Harvey Weinstein
Casa di produzione Dog Eat Dog Films, The Weinstein Company
Distribuzione (Italia) 01 Distribution
Fotografia Christoph Vitt
Montaggio Geoffrey Richman, Chris Seward, Dan Swietlik
Musiche Erin O'Hara
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Sicko è un film documentario del 2006 diretto da Michael Moore, presentato fuori concorso al 60º Festival di Cannes.[1]

Il film si concentra sui problemi della sanità statunitense, basata su un sistema che riserva le cure migliori alle classi più abbienti, e denuncia la sostanziale inesistenza di strutture sanitarie riservate agli indigenti, teoricamente previste in quasi tutti gli stati federali.

Il documentario ha subìto le aspre critiche dell'AMA (American Medical Association), una delle associazioni di medici statunitensi, ampiamente citata da Moore, per le azioni che negli anni cinquanta tentarono di collegare una eventuale estensione dei diritti sanitari ad un indirizzamento in senso socialista del paese.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Michael Moore in questo documentario analizza con un occhio critico il Sistema di assistenza sanitaria degli Stati Uniti d'America, introdotto nel 1971 per iniziativa dell'allora Presidente Richard Nixon. Sebbene ufficialmente questo sistema fosse stato introdotto con la nobile intenzione di garantire le migliori cure sanitarie del mondo oggi è di fatto in mano alle grandi e potenti lobby delle assicurazioni e del farmaco, divenute ricchissime grazie a scelte, talvolta attuate senza il minimo senso di umanità, negando il più possibile le cure mediche spesso vitali ai clienti o attuando minimi cavilli contrattuali. Gli enormi profitti furono spesso utilizzati per finanziare membri del Congresso e il presidente Bush: in una scena appaiono diversi membri del congresso seduti in fila sopra le cui teste appaiono targhette con l'importo del finanziamento ricevuto dalle case farmaceutiche per avere una legislazione favorevole. Grazie all'azione corruttiva, le assicurazione mediche e le case farmaceutiche hanno guadagnato, nel 2003, il totale controllo del mercato sanitario americano.

Nel corso del film verranno testimoniate alcune storie di persone coinvolte a vario titolo in questo sistema, dalle persone prive di copertura sanitaria costrette a lavorare ben oltre l'età pensionabile o a rinunciare a cure talvolta vitali abbandonate letteralmente sul bordo di una strada da taxi appositamente ingaggiati dagli ospedali, alle persone che, nonostante l'assicurazione con le più importanti compagnie americane, si vedono negare il rimborso delle cure nonostante la diagnosi di malattie anche molto gravi come il cancro. Questo inumano sistema verrà confermato anche da alcuni ex addetti ai lavori, tra i quali la dottoressa Linda Peeno che ha confessato spontaneamente il metodo di totale interesse al guadagno monetario da parte delle compagnie assicuratrici.

Per confrontare i sistemi esteri, il regista si recherà dapprima in Canada e poi nel Regno Unito, dove la sua ricerca di uffici per il pagamento delle cure otterrà l'ilarità di alcune persone, e quindi in Francia.

Tornato in patria, Moore racconterà le storie dei soccorritori volontari dell'attentato alle Torri Gemelle che non possono curare le malattie causategli dall'assistenza che hanno volontariamente prestato e pertanto priva di appositi strumenti protettivi. Per potergli offrire un'assistenza, Moore si reca nella base navale americana della Baia di Guantanamo, dove alcuni terroristi responsabili dell'attentato ricevono gratuitamente le migliori cure mediche. Non ottenendo risposta, si recherà all'Avana, dove i volontari verranno curati gratuitamente presso un ospedale locale (una delle donne del gruppo, andando in una farmacia dell'Avana per comprare un inalatore per l'asma che le occorre, scoprirà con rabbia e frustrazione che quella particolare medicina costa poche decine di centesimi, mentre in una qualunque delle farmacie in America, la stessa identica medicina, costa 120 dollari). Prima di lasciare l'isola, i volontari usciti dagli ospedali vengono invitati da una stazione locale dei vigili del fuoco e ricevuti con tutti gli onori. Commosso da questo gesto di fratellanza da un paese da sempre dipinto come nemico ed appellandosi al sacrosanto diritto di espressione, Moore dona in forma anonima un assegno di 12.000 dollari al gestore del maggior sito a lui critico (Moorewatch.com) per permettere al gestore dello spazio di pagare la costosa assicurazione della moglie malata senza dover chiudere. Grazie a questa donazione, la salute della donna è molto migliorata e il sito ha potuto continuare la propria attività esattamente come prima.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

  1. I'm Alone Without You, scritta ed eseguita da Tom Morello (The Nightwatchman)
  2. Baseball, scritta da Thomas Newman, tratta dal film In the Bedroom (2001) su cortesia di GreenStreet Films
  3. Loverly Spring, scritta da Thomas Newman, tratta dal film Lemony Snicket - Una serie di sfortunati eventi (2004) su cortesia di Paramount Pictures e DreamWorks Pictures
  4. Rejected scritta da Danny Winn ed eseguita da Danny Winn and the Earthlings per gentile concessione di Earthling Records
  5. Star Wars Main Title Theme scritta ed eseguita da John Williams (John T. Williams), per gentile concessione di Lucasfilm Ltd.
  6. Secret Pint scritta da Stuart Braithwaite, eseguita da Mogwai, per gentile concessione di Matador Records & PIAS Recordings
  7. Adagio for Strings scritta da Samuel Barber, eseguita dalla Brno Philharmonic Orchestra, per gentile concessione di G Schirmer, Inc.
  8. I'll Take You There scritta da Alvertis Isbell, eseguita da The Staple Singers, per gentile concessione di Concord Music Group, Inc.
  9. Sabre Dance composta da Aram Khachaturyan (anche Aram Khachaturian) eseguita da Brno Philharmonic Orchestra, per gentile concessione di G Schirmer, Inc.
  10. The Bad Beginning tratta da Lemony Snicket - Una serie di sfortunati eventi (2004), scritta da Thomas Newman, per gentile concessione della Paramount Pictures e della DreamWorks Pictures
  11. Chez Olaf tratta da Lemony Snicket - Una serie di sfortunati eventi (2004), scritta da Thomas Newman, per gentile concessione della Paramount Pictures e della DreamWorks Pictures
  12. (I've Got a) Golden Ticket tratta da Willy Wonka & the Chocolate Factory (1971), scritta da Leslie Bricusse and Anthony Newley eseguita da Jack Albertson and Peter Ostrum, per gentile concessione della Warner Brothers Pictures
  13. Christmas Eve Montage, scritta da Danny Elfman, tratta dal film Nightmare Before Christmas (1993) per gentile concessione della Buena Vista Pictures Distribution, Inc.
  14. Street Fighting Man scritta da Mick Jagger e Keith Richards, eseguita da The Rolling Stones, per gentile concessione della ABKCO Music and Records, Inc.
  15. Lucy tratta da Little Children (2006), scritta da Thomas Newman, per gentile concessoine della New Line Productions, Inc.
  16. The Baudelaire Orphans tratta da Lemony Snicket - Una serie di sfortunati eventi (2004), scritta da Thomas Newman, per gentile concessione della Paramount Pictures e della DreamWorks Pictures
  17. L'amour est bleu scritta da Pierre Cour e André Popp, eseguita da Vicky Leandros e Claude Denjean per gentile concessione Universal Music GmbH, su licenza della Universal Music Enterprises
  18. Le temps des cerises eseguita da Charles Trenet per gentile concessione della Arkadia Entertainment Corp. By Arrangement with Source/Q
  19. The 59th Street Bridge Song (Feelin' Groovy) scritta da Paul Simon, eseguita da Nana Mouskouri, per gentile concessione della Mercury Records France, su licenza della Universal Music Enterprises
  20. Una Musica Brutal scritta da Philippe Cohen-Solal (anche Phillippe Mauric Cohen Solal), Eduardo Makaroff (anche Eduardo Anibal Makaraoff) e Christoph H. Müller (anche Christoph Hermann Mueller), eseguita da Gotan Project pe gentile concessione di XL Recordings Ltd
  21. Je t'aime moi non plus scritta da Serge Gainsbourg, eseguita da Serge Gainsbourg e Jane Birkin per gentile concessione di Mercury France, su licenza della Universal Music Enterprises
  22. Beam scritta da John Powell, eseguita da Hans Zimmer per gentile concessione della Twentieth Century Fox Film Corporation
  23. Can't Sleep #2 tratta da In the Bedroom (2001), scritta da Thomas Newman, per gentile concessione della GreeneStreet Films
  24. I'll See You in C-U-B-A scritta da Irving Berlin, eseguita da the Austin Lounge Lizards (anche the Austin Lounge Lizzards) Courtesy of Austin Lounge Lizzards
  25. Ice Skating tratta da Abandon (2002), scritta da Clint Mansell, per gentile concessione della Paramount Pictures
  26. Ring tratta da The Astronaut Farmer (2006), eseguita Stuart Matthewman (anche Suart Matthewman) Produced by Stuart Matthewman (as Suart Matthewman) per gentile concessione della Warner Bros. Entertainment, Inc.
  27. Don't Be Shy scritta da Cat Stevens (anche Yusuf Islam), eseguita da Cat Stevens, per gentile concessione della Island Records Ltd., su licenza della Universal Music Enterprises
  28. Ce monde absurde scritta da Steve Barri e P.F. Sloan eseguita da Claude François (anche Claude Francois) per gentile concessione della Universal Records su licenza della Universal Music Enterprises

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Con un budget stimato di $ 9 milioni, il documentario incassa 24.540.079 dollari negli Stati Uniti e 33.105.392 dollari in tutto il mondo.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Official Selection 2007, festival-cannes.fr. URL consultato l'11 luglio 2011.
  2. ^ (EN) Box Office / business for Sicko (2007), IMDb.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema