Sistema sanitario degli Stati Uniti d'America

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lyndon Johnson firma la legge sull'assistenza sanitaria pubblica. Alla destra è visibile l'ex presidente Truman

Per sistema sanitario degli Stati Uniti d'America s'intende l'apparato, prevalentemente in mano privata, atto alla cura e all'assistenza sanitaria della popolazione civile degli Stati Uniti d'America.

I programmi assistenziali pubblici sono Medicare e Medicaid. Medicare è il programma nazionale di assistenza agli anziani (ultrasessantacinquenni), universalistico, in quanto indipendente dal reddito. Medicaid è un programma gestito dai singoli Stati (con un contributo federale che copre il 60% delle spese) e rivolto ad alcune fasce di popolazione a basso reddito (famiglie con bambini, donne in gravidanza, anziani e disabili). Benché le prime proposte per un sistema sanitario misto pubblico-privato risalgano a Franklin Delano Roosevelt (ma che, tuttavia, non passarono per l'opposizione della lobby medica), l'introduzione di un sistema di copertura universalistico, almeno negli scopi, per una gran parte di popolazione, risale alle riforme di Lyndon B. Johnson, rimaste intatte fino al recente ampliamento voluto da Barack Obama.

Dibattito e questioni politiche[modifica | modifica wikitesto]

Rapporto di molti paesi tra la spesa sanitaria e il prodotto interno lordo (anno 2006)

Copertura delle spese per i medicinali[modifica | modifica wikitesto]

Durante gli anni novanta, il prezzo dei medicinali divenne uno dei maggiori punti dell'agenda politica americana, dato il suo aumento esponenziale, visto che i cittadini scoprirono che né il governo né le compagnie private avevano intenzione di coprire il costo di queste medicine. Allo stato attuale, gli Stati Uniti sono il paese che spende di più per i propri medicinali. Nel 2003 il servizio sanitario nazionale copriva in media solamente il 17,7% delle spese totali.

Nel febbraio 2007 il governo statunitense prese posizione affermando che il prezzo delle medicine è alto perché in altri paesi il costo effettivo viene in maggior parte coperto dallo Stato, mentre in America è a totale carico del cliente. Inoltre, all'estero le compagnie si possono accordare, per questo motivo, con il governo, mentre negli Stati Uniti gli accordi sul prezzo dei medicinali sono proibiti per legge. Complessivamente, soltanto il 20% dei medicinali in vendita ha svolto per intero l'iter di approvazione del farmaco.

Dibattito[modifica | modifica wikitesto]

Gli Stati Uniti d'America sono una delle poche nazioni industrializzate a non avere una copertura sanitaria universale[1]. Questo è causa di un forte dibattito in America sulla possibilità di ampliare a tutti le cure sanitarie.

La riforma del 2010[modifica | modifica wikitesto]

Barack Obama

Il 25 marzo 2010 il presidente Barack Obama firma la legge della riforma sanitaria.[2] Tra i cambiamenti che si dovrebbero verificare con la riforma vi sono: l'aumento del numero di persone tutelate dal sistema sanitario (32 milioni in più), la diminuzione della spesa governativa per la sanità (pari al 15% del PIL nel 2008, il doppio della media delle nazioni facenti parte dell'OCSE)[3]. Inoltre si stima come la metà delle bancarotte individuali siano cagionate da spese mediche improvvise e non coperte da tutela assicurativa: tale fenomeno dovrebbe pertanto subire un decremento.[4]

I punti salienti della riforma[modifica | modifica wikitesto]

  • Divieto per le compagnie di assicurazione di negare la stipula di assicurazioni e l'assistenza per determinate patologie o sulla base di preesistenti condizioni di salute.[5]
  • Incentivi fiscali per il cittadino al fine di stipulare una polizza sanitaria.[6]
  • Sanzioni per il cittadino che non stipula una polizza assicurativa.[6]
  • Obbligo per i datori di lavoro di imprese con più di 50 dipendenti di contribuire alle spese per l'acquisto di tali polizze per i propri prestatori di lavoro.[6]
  • Ampliamento dei soggetti coperti dalla tutela di Medicaid.[6]
  • La possibilità per i giovani a carico della famiglia di utilizzare l’assicurazione sanitaria dei genitori.

Dal 2010 al 2017, dopo l'approvazione della legge, sono circa 23,5 milioni gli americani in più ad avere la copertura sanitaria.[7]

Proposte di abrogazione[modifica | modifica wikitesto]

Nel maggio 2017 il neo-presidente Donald Trump ha fatto approvare alla Camera dei Rappresentanti (con 217 sì e 213 no) la richiesta di abrogazione dell'Obamacare[8]. Tale proposta però, nonostante la maggioranza repubblicana all'interno del senato, fu respinta (con 55 no e 45 si[9])[10]. Successivamente, sempre sotto l'amministrazione Trump, è stata anche proposta un'abrogazione parziale dell'Obamacare ma l'iniziativa venne declinata al senato (con 51 no e 49 si)[11][12].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sanità Usa: la più costosa al mondo e tra le meno efficienti, in America 24, 18 giugno 2014. URL consultato il 19 luglio 2017.
  2. ^ Valentino Paolo, Sanità, la riforma ripassa alla Camera per sedici righe, Correre della Sera, 26 marzo 2010. URL consultato il 6 ottobre 2013.
  3. ^ rassegnastampa.unipi.it, http://rassegnastampa.unipi.it/rassegna/archivio/2009/06/15SI41081.PDF .
  4. ^ Valentino Paolo, Sanità, la riforma ripassa alla Camera per sedici righe, Correre della Sera, 26 marzo 2010. URL consultato il 6 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il ).
  5. ^ Mario Platero, Promossa la Sanità di Obama, Il Sole 24 Ore, 29 giugno 2012. URL consultato il 6 ottobre 2013.
  6. ^ a b c d Sanità Usa, la svolta di Obama ecco i contenuti della legge, Repubblica, 21 marzo 2010. URL consultato il 6 ottobre 2013.
  7. ^ (IT) Giuseppe Sarcina, corrispondente da Washington, Come funziona il sistema sanitario Usa con Obamacare? E cosa voleva fare Trump?, in Corriere della Sera. URL consultato il 19 luglio 2017.
  8. ^ Il Fatto Quotidiano, 4 maggio 2017, http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/05/04/usa-via-libera-della-camera-allabolizione-dellobamacare-vittoria-per-trump-che-il-24-maggio-vedra-papa-francesco/3563296/.
  9. ^ Usa, Senato boccia revoca Obamacare, su www.adnkronos.com. URL consultato il 27 luglio 2017.
  10. ^ Usa, il Senato respinge la revoca dell'Obamacare, in Repubblica.it, 26 luglio 2017. URL consultato il 27 luglio 2017.
  11. ^ Altra batosta per Trump sulla riforma sanitaria di Obama, il Senato boccia anche la versione “soft”, su LaStampa.it. URL consultato il 28 luglio 2017.
  12. ^ (EN) Robert Pear, Thomas Kaplan e Emily Cochrane, Health Care Debate: Obamacare Repeal Fails as McCain Casts Decisive No Vote, in The New York Times, 27 luglio 2017. URL consultato il 28 luglio 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]