Shota (personaggio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Shota
Shota.jpg
Saga La spada della verità
Lingua orig. Inglese
Autore Terry Goodkind
Editore Tor Books
1ª app. in Wizard's First Rule (romanzi)
Identity (serie televisiva)
Ultima app. in Confessor (romanzi)
Wizard (serie televisiva)
Editore it. Fanucci Editore
app. it. in La profezia del mago (romanzi)
L'identità (serie televisiva)
Interpretata da Danielle Cormack
Voci italiane
Specie Umana
Sesso Femmina
Abilità
  • Magia
  • Mutare forma
  • Profezia
  • Divinazione tramite l'acqua (nella serie TV)
Affiliazione Pozzo di Agaden

Shota è un personaggio secondario immaginario della saga fantasy La spada della verità, scritta dallo statunitense Terry Goodkind. Nell'omonima serie televisiva è interpretata da Danielle Cormack.

Aspetto e carattere[modifica | modifica wikitesto]

Il vero aspetto di Shota è quello di una donna molto bella con folti capelli ramati che arrivano alle spalle in onde, occhi a mandorla, labbra piene, pelle perfetta e lunghe unghie laccate. Emana spesso un leggero profumo di lavanda. Di fronte alle persone che non vuole ferire compare prendendo le sembianze delle loro madri, considerato da lei una gentilezza per far rivivere loro dei bei momenti. Si sente molto sola e vorrebbe che Richard restasse al suo fianco come compagno.

Nella serie televisiva ha avuto una relazione con Zedd.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nei romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Shota è una potente strega temuta anche dai maghi, che vive in un castello nel Pozzo di Agaden e ha il potere di mutare forma. Mentre il territorio del Pozzo è impervio e frequentato da strane creature oscure, la zona del castello è una splendita vallata in perenne primavera. Con lei vive Samuel, precedente Cercatore, caduto vittima della maledizione che distrugge il corpo e la mente di tutti i Cercatori che non sono stati in grado di risvegliare il "Potere della Lama Bianca" della Spada della Verità. I maghi la temono poiché come tutte le streghe ha il potere di vedere il futuro, cosa che durante il combattimento permette alle streghe di sapere in anticipo quale incantesimo userà l'avversario e sarà quindi in grado di rivolgerglielo contro

Shota riceve la visita di Richard Rahl e Kahlan Amnell, venuti a chiederle dov'è nascosto il terzo scrigno dell'Orden. Mentre i due attraversano il Pozzo di Agaden, Kahlan viene rapita dalla strega, che la intrappola con dei serpenti e prende l'aspetto dalla madre di Richard. Per mettere alla prova il Cercatore, la strega materializza un'illusione di Zedd, che l'attacca con il fuoco magico: proteggendo Shota con la spada, Richard dimostra di aver superato la prova e in cambio esprime il desiderio che Kahlan sia liberata, nonostante Shota lo avverta che la Depositaria e Zedd cercheranno di ucciderlo. La strega rivela poi loro che lo scrigno dell'Orden è nelle mani della regina Milena di Tamarang[1]. Dopo la sconfitta di Darken Rahl, Shota raggiunge Richard e Kahlan al villaggio del popolo del Fango e li avverte che il velo che separa il mondo dei viventi dal Mondo Sotterraneo è stato lacerato. La donna si dimostra furiosa quando scopre che i due vogliono sposarsi perché ha visto che la coppia avrà un figlio maschio con i poteri di entrambi: promette così di uccidere il bambino per fare in modo che i tempi oscuri dei Depositari non tornino mai più; Shota rivela anche a Richard che è il figlio di Darken Rahl e che Zedd è suo nonno[2]. Durante la battaglia contro l'imperatore Jagang e l'Ordine Imperiale, la strega vede nel futuro che, per entrare nel Tempio dei Venti e salvare così tutto il mondo dalla peste, Richard e Kahlan dovranno unirsi in matrimonio con altre persone e, essendole data la facoltà di scegliere la sposa di Richard, attira al Pozzo di Agaden Nadine, una ragazza proveniente dallo stesso villaggio del Cercatore, e la manda ad Aydindril per diventarne la moglie[3]: Shota spiega tutto questo a Kahlan quando la Depositaria si reca da lei in cerca di spiegazioni. Terminata l'epidemia, raggiunge Richard e Kahlan al villaggio del popolo del Fango, dove si sono appena sposati, per fare loro le congratulazioni: qui consegna a Kahlan una catenella d'oro con una pietra nera che consente a chi la indossa di non rimanere incinta[4].

Quasi due anni dopo Shota riceve una visita da Richard quando il ragazzo si ritrova a essere l'unico ad avere memoria di Kahlan. Non sapendo dove sia sua moglie, Richard chiede aiuto a Shota, ma neanche lei ricorda la donna: la strega, però, gli fornisce delle informazioni riguardo a una bestia di sangue creata dalle Sorelle dell'Oscurità per conto di Jagang con lo scopo di uccidere il Cercatore. Per proteggerlo dalla bestia Shota chiede a Richard di restare per sempre al Pozzo, ma lui rifiuta. In cambio della Spada della Verità, la strega gli rivela allora alcune cose che ha visto nel fluire del tempo e che potrebbero aiutarlo a trovare Kahlan: in particolare, deve scoprire che cos'è la Catena di fuoco, che si rivela infine essere un incantesimo che cancella dal mondo qualsiasi traccia di una persona[5]. Intanto, Shota segue Samuel che, dopo aver ottenuto la Spada della Verità tutta per sé, è scappato: la donna sospetta che il suo famiglio sia vittima dell'influenza di una strega del Vecchio Mondo, Sei. Decisa a far capire a Richard che deve guidare il suo esercito contro l'Ordine Imperiale, si reca in Galea e recupera la veggente Jebra Bevinvier, catturata durante l'invasione di Ebinissia, portandola con sé al Mastio per raccontare al Cercatore tutte le cose terribili compiute dall'Ordine sulla popolazione. Richard, alla fine, capisce che deve prendere una decisione in merito all'Ordine: apparendo a lui con le sembianze della madre, Shota gli rivela che tremila anni prima Baraccus, il Primo Mago ai tempi della grande guerra, andò nel Tempio dei Venti, confinato nel Mondo Sotterraneo, per liberare la magia Detrattiva lì sigillata e fare in modo che in futuro nascesse un altro mago guerriero. Baraccus compì quel gesto perché Lothain, il capo accusatore della corte dei maghi, era una spia del Vecchio Mondo convinta che la magia andasse estirpata e per questo aveva liberato dal Mondo Sotterraneo il potere di un tiranno dei sogni che potesse distruggere la magia: di conseguenza, Richard è il naturale contrappeso alla minaccia di Jagang, l'unico a poterlo fermare. Shota informa inoltre Richard che Baraccus gli ha lasciato il libro "Segreti del potere di un mago guerriero" per aiutarlo[6]. Dopo aver ucciso Sei prendendo le sembianze della madre della strega, colei che la donna teme di più, Shota si ritira nel Pozzo di Agaden[7].

Nella serie televisiva[modifica | modifica wikitesto]

Shota ha una visione che le mostra la morte di Richard a Khelabra nel giro di tre giorni e, presentandosi al Cercatore nei panni di una vecchia, cerca di dissuaderlo. Quando il ragazzo, però, non l'ascolta, Shota compie un incantesimo che scambia l'aspetto di Richard con quello di un giovane in procinto di sposarsi. Riacquistato il suo aspetto originario, Richard continua il suo viaggio con Kahlan e Zedd, ma incontrano Shota, che dice a Richard che, secondo le profezie, lui verrà tradito dalla persona della quale si fida di più, colei che veste di bianco, cioè Kahlan[8]. Tempo dopo, il sovrano di uno dei regni che si oppongono a Darken Rahl chiede a Shota di dargli il potere di proteggere il suo regno e la strega, interessata a sconfiggere Rahl perché non vuole essere dominata da lui, fa in modo che ogni notte il re si trasformi in un ferocissimo mostro che uccida i soldati nemici. Una volta sconfitti i D'Hariani, però, la maledizione non scompare e, nonostante le preghiere che le vengono rivolte, Shota si rifiuta di rimuoverla perché, se lo facesse, il regno verrebbe presto conquistato. Richard è così costretto a uccidere il re, ma il mostro si presenta nuovamente e Shota rivela a Zedd che a essere maledetto è lo scettro reale; gli mostra inoltre una visione dalla quale il mago scopre che esiste una seconda copia del libro delle ombre importanti[9]. Riuniti gli scrigni dell'Orden, Richard li attiva, facendosi contemporaneamente confessare da Kahlan; l'intervento di Darken Rahl e di Cara, però, interrompe il rituale e provoca la scomparsa del Cercatore. Catturata da Darken Rahl e senza poteri a causa del Rada Han, Shota incontra Kahlan, anch'essa prigioniera, nelle segrete del Palazzo del Popolo e le rivela che Richard non è morto come pensa, ma è finito cinquantotto anni nel futuro e che, per tornare indietro, deve ricreare le stesse condizioni che gli hanno fatto fare un viaggio nel tempo: deve cioè unire la magia dell'Orden, il tocco di una Depositaria e il potere dell'Agiel di una Mord Sith[10].

Dopo la sconfitta di Darken Rahl, Shota raggiunge Zedd mentre il mago si sta recando ad Aydindril e gli dice che, secondo una profezia, Richard non riuscirà a sconfiggere il Guardiano. Lo esorta quindi a nominare un nuovo Cercatore e, di fronte alle rimostranze di Zedd, gli fornisce tre segni futuri che gli dimostreranno che ha detto la verità[11]. Un mese dopo, Shota fa perdere a Zedd la memoria con un incantesimo per convincerlo a nominare un nuovo Cercatore che lei ha già trovato e ridona al mago la sua giovinezza. Gli fa poi credere che Richard e Kahlan lo abbiamo aggredito per impedirgli di nominare un nuovo Cercatore e gli fa usare la magia per recuperare la spada della verità e la bussola per trovare la pietra delle lacrime, indispensabile per fermare il Guardiano. Zedd, però, decide di non ascoltarla e se ne va, nominandosi nuovo Cercatore; Shota avverte così Richard e Kahlan dell'accaduto, e infine annulla l'incantesimo[12]. Quando Richard viene portato al Palazzo dei Profeti dalle Sorelle della Luce per diventare mago e c'è quindi bisogno di un nuovo Cercatore, Shota mostra a Zedd il candidato che ha trovato, un uomo di nome Leo[13].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Terry Goodkind, La profezia del mago, Fanucci Editore, 1999 [1994].
  2. ^ Terry Goodkind, Il guardiano delle tenebre, Fanucci Editore, 1999 [1995].
  3. ^ Terry Goodkind, La profezia della luna rossa, Fanucci Editore, 2001 [1997].
  4. ^ Terry Goodkind, Il tempio dei venti, Fanucci Editore, 2001 [1997].
  5. ^ Terry Goodkind, La catena di fuoco, Fanucci Editore, 2006 [2005].
  6. ^ Terry Goodkind, Fantasma, Fanucci Editore, 2007 [2006].
  7. ^ Terry Goodkind, Scontro finale, Fanucci Editore, 2008 [2007].
  8. ^ La spada della verità: episodio 1x07, Identity [L'identità].
  9. ^ La spada della verità: episodio 1x19, Cursed [La maledizione].
  10. ^ La spada della verità: episodio 1x22, Reckoning [La resa dei conti].
  11. ^ La spada della verità: episodio 2x01, Marked [Il marchio].
  12. ^ La spada della verità: episodio 2x05, Wizard [Il mago].
  13. ^ La spada della verità: episodio 2x09, Dark [L'oscurità].
Fantasy Portale Fantasy: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fantasy