Sandro Salvucci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sandro Salvucci
arcivescovo della Chiesa cattolica
Sandro Salvucci.jpg
Coat of arms of Sandro Salvucci.svg
Maior est caritas
 
TitoloPesaro
Incarichi attualiArcivescovo metropolita di Pesaro (dal 2022)
 
Nato3 aprile 1965 (57 anni) a Macerata
Ordinato diacono6 dicembre 1992 dall'arcivescovo Cleto Bellucci
Ordinato presbitero25 settembre 1993 dall'arcivescovo Cleto Bellucci
Nominato arcivescovo12 marzo 2022 da papa Francesco
Consacrato arcivescovo1º maggio 2022 dall'arcivescovo Piero Coccia
 

Sandro Salvucci (Macerata, 3 aprile 1965) è un arcivescovo cattolico italiano, dal 12 marzo 2022 arcivescovo metropolita di Pesaro.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Macerata, città capoluogo di provincia e sede vescovile, il 3 aprile 1965. Cresce a San Claudio, frazione di Corridonia, in provincia di Macerata e arcidiocesi di Fermo.[1]

Formazione e ministero sacerdotale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1984 consegue la maturità scientifica al liceo scientifico "Galileo Galilei" di Macerata. Dopo aver frequentato per due anni l'università, entra nel seminario arcivescovile di Fermo e frequenta i corsi di filosofia e teologia presso la sede locale dell'Istituto teologico marchigiano: qui ottiene, nel 1990, il baccalaureato in sacra teologia.

Trasferitosi a Roma come alunno dell'Almo collegio Capranica, specializza i suoi studi in teologia morale alla Pontificia Università Gregoriana, presso cui consegue la licenza in sacra teologia.

Il 6 dicembre 1992 è ordinato diacono, nella cattedrale di Fermo, dall'arcivescovo Cleto Bellucci, che il 25 settembre 1993 lo ordina anche presbitero, a San Claudio di Corridonia.[2]

Dopo l'ordinazione è vicario parrocchiale della parrocchia della Santissima Annunziata di Porto Sant'Elpidio, dal 1994 al 1998. Dal 1995 alla nomina episcopale svolge il servizio di insegnamento di vari corsi di teologia morale all'Istituto teologico marchigiano.[3] Dal 1998 al 2012 è direttore della pastorale vocazionale diocesana, mentre dal 2001 al 2006 è delegato episcopale per il diaconato permanente e, al contempo, direttore della casa diocesana di spiritualità "Villa Nazareth". Nel 2006 è nominato rettore del seminario arcivescovile di Fermo; ricopre l'incarico fino al 2014, quando diventa parroco dell'unità pastorale di Montegranaro, formata dalle parrocchie del Santissimo Salvatore, Santa Maria e San Liborio. Nel 2008 è, per un anno, amministratore parrocchiale della parrocchia di Sant'Alessandro di Fermo.[1]

È membro del collegio dei consultori, dal 2004 al 2012,[4] del consiglio presbiterale e del consiglio pastorale diocesano. Dal 2018 è anche animatore principale del Movimento diocesano di Fermo, espressione del servizio del Movimento dei focolari alle chiese locali.

Ministero episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 marzo 2022 papa Francesco lo nomina arcivescovo metropolita di Pesaro;[4] succede a Piero Coccia, dimessosi per raggiunti limiti di età.

Nel suo primo messaggio da arcivescovo ai fedeli dell'arcidiocesi di Pesaro invia un saluto ai suoi predecessori, il cardinale Angelo Bagnasco e l'arcivescovo Piero Coccia, ringraziando quest'ultimo "per l'accoglienza e per il testimone che mi passa con profonda riconoscenza per la saggezza e la dedizione con cui si è speso per la comunità ecclesiale e sociale".[5]

Il successivo 1º maggio riceve l'ordinazione episcopale, nella cattedrale di Pesaro, dall'arcivescovo Piero Coccia, co-consacranti l'arcivescovo Rocco Pennacchio e il vescovo Armando Trasarti. Durante la stessa celebrazione prende possesso dell'arcidiocesi.[6]

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

La genealogia episcopale è:

Stemma e motto[modifica | modifica wikitesto]

Coat of arms of Sandro Salvucci.svg
Blasonatura

Di rosso, alla banda d’argento, caricata di un ramo di palma di verde, accompagnata da tre spighe d’oro nel cantone sinistro del capo e da tre burelle ondate d’argento sormontate da una stella dello stesso, in punta.

Interpretazione
  • Il campo dello scudo è di colore rosso, che simboleggia la carità, virtù che viene ricordata anche nel motto, e quindi anche l'amore che Cristo dona per la nostra salvezza fino all'effusione del suo sangue.
  • Lo scudo è attraversato da una banda argentata, che indica la virtù della trasparenza, che il vescovo deve possedere per esercitare rettamente il proprio ministero.
  • Nello stemma sono presenti 3 onde argentate, che indicano il mare Adriatico che bagna il territorio dell'arcidiocesi di Pesaro, e sopra queste onde è posta una stella, che simboleggia la Vergine Maria, invocata come Stella Maris.
  • Inoltre nella parte superiore dello scudo sono rappresentate 3 spighe di grano, che rimandano alla terra di origine dell'arcivescovo, ma anche allo stemma comunale di Montegranaro, città nella quale mons. Salvucci ha svolto il suo ministero di parroco prima della sua nomina vescovile. Queste 3 spighe sono di colore oro, che simboleggia la virtù della fede, attraverso la quale è possibile comprendere il mistero dell'Eucarestia.

Motto[modifica | modifica wikitesto]

Il motto dell'arcivescovo Salvucci è "Maior est caritas", che in latino significa "La più grande è la carità" e fa riferimento all'inno alla carità di san Paolo presente nella Prima lettera ai Corinzi.

(LA)

«Nunc autem manet fides, spes, caritas, tria haec; maior autem ex his est caritas

(IT)

«Ora dunque rimangono queste tre cose: la fede, la speranza e la carità. Ma la più grande di tutte è la carità!»

(Prima lettera ai Corinzi 13,13)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Curriculum vitæ Sandro Salvucci (PDF), su fermodiocesi.it. URL consultato il 12 marzo 2022.
  2. ^ Filmato audio Arcidiocesi di Fermo, Annuncio della nomina di don Sandro Salvucci ad Arcivescovo di Pesaro, su YouTube, 12 marzo 2022, a 33 min 10 s. URL consultato il 14 marzo 2022.
  3. ^ Prof. don Sandro Salvucci. Docente di Teologia Morale, su teologiafermo.it. URL consultato il 12 marzo 2022.
  4. ^ a b Rinunce e nomine. Rinuncia e Nomina dell'Arcivescovo Metropolita di Pesaro (Italia), su press.vatican.va, Bollettino. Sala stampa della Santa Sede, 12 marzo 2022. URL consultato il 12 marzo 2022.
  5. ^ Don Sandro Salvucci è il nuovo Arcivescovo di Pesaro, su acistampa.com, 12 marzo 2022. URL consultato il 12 marzo 2022.
  6. ^ Il 1º maggio ordinazione e ingresso a Pesaro dell'Arcivescovo Sandro Salvucci, su ilnuovoamico.it, 19 marzo 2022. URL consultato il 21 marzo 2022.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) David M. Cheney, Sandro Salvucci, in Catholic Hierarchy. Modifica su Wikidata
  • Sandro Salvucci, su chiesacattolica.it, Conferenza Episcopale Italiana. URL consultato il 14 marzo 2022.
Predecessore Arcivescovo metropolita di Pesaro Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Piero Coccia dal 12 marzo 2022 in carica