Samsara (film 2011)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Samsara
Samsara mandala.jpg
Titolo originale Samsara
Paese di produzione USA
Anno 2011
Durata 102 minuti
Colore colore
Audio sonoro
Genere documentario
Regia Ron Fricke
Soggetto Ron Fricke, Mark Magidson
Sceneggiatura Ron Fricke, Mark Magidson
Produttore Mark Magidson, Myles Connolly (co-produttore), John Chandler Earle (co-produttore)
Produttore esecutivo Myles Connolly
Casa di produzione Magidson Films inc, Culver City, CA (USA)
Fotografia Ron Fricke
Montaggio Ron Fricke, Mark Magidson
Musiche Michael Stearns, Lisa Gerrard, Marcello De Francisci

Samsara è un film del 2011 diretto da Ron Fricke, che si può considerare il seguito di Baraka (1992), diretto dallo stesso Fricke..

Titolo[modifica | modifica wikitesto]

"Samsara" è una parola sanscrita che significa "l'infinito girare della ruota della vita" ed è il punto di partenza per i realizzatori, alla ricerca della sfuggente interconnessione che attraversa le nostre vite.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Girato in pellicola per un periodo di quasi 5 anni in più di 100 luoghi distribuiti in 25 paesi, Samsara, film senza dialogo o testo descrittivo, ci trasporta in luoghi sacri, zone sinistrate, siti industriali e meraviglie naturali sovvertendo le nostre aspettative di un documentario tradizionale e incoraggiando le nostre interpretazioni interiori, ispirati da immagini e musica che fondono l'antico con il moderno. Le scene più rappresentative del documentario raffigurano il dipinto tibetano tradizionale che mostra la ruota della vita e i regni del Samsara.

Realizzato con una 65 millimetri, mostra anche New Orleans dopo Katrina, giovani e vecchi immersi nell'immondizia alla ricerca di componenti elettronici, soldati feriti in battaglia, la danza tradizionale balinese, il Mont Saint-Michel, la Reggia di Versailles, l'Arches National Park nello Utah, le cascate Epupa, in Angola, i templi della valle di Bagan, in Myanmar, la danza delle mille mani a Pechino in Cina, le pitture rituali dei guerrieri africani, il performer francese Olivier de Sagazan, i musulmani in preghiera in varie moschee nel mondo, gli ebrei in preghiera dinnanzi al Muro del Pianto, la Kaʿba a La Mecca.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema