Siremar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da SIREMAR)
Jump to navigation Jump to search
Siremar
Logo
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà per azioni
Fondazione1975 a Palermo
Sede principaleTrapani
GruppoSocietà Navigazione Siciliana
SettoreTrasporti
ProdottiTrasporti marittimi
Dipendenti330
Sito web

La società Siremar (Sicilia Regionale Marittima) è una compagnia di navigazione, facente capo alla Società Navigazione Siciliana SPA, che assicura i collegamenti tra la Sicilia e le isole minori: le Eolie, Ustica, le Egadi, Pantelleria e le Pelagie con traghetti e aliscafi. Collega anche Napoli, le Eolie e Milazzo con traghetti.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Siremar nacque in seguito alla legge 169 del 19 maggio 1975 relativa alla riorganizzazione dei trasporti marittimi, con socio maggioritario la Tirrenia e minoritari i gestori precedenti delle linee di collegamento dalla Sicilia come la Si.Re.Na.[1]. Dipendeva dal Gruppo Tirrenia.

Nel settembre 2010 la società, interamente partecipata da Tirrenia, è stata posta in amministrazione straordinaria, con Commissario straordinario Giancarlo D'Andrea[2]. Con la privatizzazione di Tirrenia, nell'ottobre 2011 fu ceduta a Compagnia delle Isole S.p.A.[3], una società partecipata al 30,33% dalla Regione siciliana[4] e controllata dalla "Mediterranea Holding" dell'armatore napoletano Salvatore Lauro. Nell'accordo viene previsto che la società riceverà convenzioni statali, per le rotte di servizio pubblico, pari a 55,6 milioni l'anno per 12 anni[5].

Nel 2015 i giudici del Tar del Lazio hanno accolto i ricorsi presentati dalla “Società di navigazione siciliana Spa” azzerando l'aggiudicazione a Compagnia delle Isole, in quanto basata ”su un illegittimo aiuto di Stato consistente nel rilascio di una contro-garanzia bancaria da parte della Regione siciliana”[6].

Il 24 marzo 2016 l'amministratore delegato di Ustica Lines, Ettore Morace, ha annunciato che tramite la Società Navigazione Siciliana acquisirà la compagnia Siremar che gestirà insieme a Caronte & Tourist, operazione costata 55,1 milioni di euro. Questa si occuperà dei collegamenti con i traghetti mentre la Liberty Lines di quelli con gli aliscafi[7]. La cessione è ufficializzata ed è operativa dal 12 aprile 2016[8].

Rotte[modifica | modifica wikitesto]

La compagnia opera su cinque aree:

  • il settore delle Isole Eolie (con prolungamento su Napoli);
  • l'isola di Ustica;
  • il settore delle Isole Egadi;
  • l'isola di Pantelleria;
  • il settore delle isole Pelagie (Lampedusa e Linosa).

Isole Eolie[modifica | modifica wikitesto]

Isole Egadi[modifica | modifica wikitesto]

Ustica[modifica | modifica wikitesto]

  • Palermo ↔ Ustica (traghetto 2h 40m)

Pantelleria[modifica | modifica wikitesto]

Isole Pelagie[modifica | modifica wikitesto]

Flotta[modifica | modifica wikitesto]

Navi[modifica | modifica wikitesto]

In grado di trasportare contemporaneamente passeggeri, veicoli al seguito e veicoli di trasporto pesante.

Nome Tipo Stazza lorda Velocità in nodi Passeggeri Auto Note
Laurana Traghetto 10977 17 800 272
Sansovino Traghetto 10977 17 800 272
Paolo Veronese Traghetto 2894 16 673 93
Pietro Novelli Traghetto 2352 16 578 93
Antonello da Messina Traghetto 1555 16 737 70
Filippo Lippi Traghetto 1555 16.5 795 70
Simone Martini Traghetto 1494 16,5 797 70
Vesta Traghetto 1386 16,5 750 75
Sibilla Traghetto 994 16,5 700 60
Corsica Marina Seconda Traghetto 12.035 18 1.200 479 Noleggiato dalla Corsica Ferries - Sardinia Ferries dal 17/05/2018

Navi veloci[modifica | modifica wikitesto]

Traghetti di nuova generazione in grado di trasportare contemporaneamente passeggeri, veicoli al seguito e veicoli di trasporto pesante ad alte velocità.

Nome Tipo Stazza lorda Velocità in nodi Passeggeri Auto
Isola di Vulcano Traghetto veloce 1925 32 525 57
Isola di Stromboli Traghetto veloce 4460 28 800 168

L'unità veloce Isola di Vulcano è stata costruita presso il cantiere di Pietra Ligure, proprietà di Rodriquez Cantieri Navali, la cui sede è Messina. L'unità veloce Isola di Stromboli è stata costruita al cantiere navale De Poli a Pellestrina (provincia di Venezia) sotto licenza della Rodriquez Cantieri Navali.

Navi del passato[modifica | modifica wikitesto]

Alcune navi possedute dalla Siremar:

  • Caravaggio (1976-1981)
  • La Valletta (1976-1989)
  • Piero della Francesca (1980-2007), attualmente di proprietà di Traghetti delle Isole e rinominato Cossyra
  • Giotto (1980-1992)
  • Vittore Carpaccio (1992-2006), venduto ad Ustica Lines con il nome Gianni Morace e noleggiata per la sola stagione estiva nel 2008
  • Guizzo, noleggiato dalla Tirrenia dal 2002 al 2004 per la rotta estiva Mazara del Vallo - Pantelleria e venduto per demolizione nel 2012
  • Capricorn, noleggiato dalla Tirrenia per la rotta estiva da Napoli per le Eolie nell'agosto e nel settembre del 2006
  • Palladio, venduto per demolizione nel marzo del 2016
  • Giovanni Bellini (1985-2005) attualmente di proprietà Toremar

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La legge 169 del 1975[collegamento interrotto]
  2. ^ Copia archiviata, su siremaramministrazionestraordinaria.it. URL consultato il 12 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 20 aprile 2016).
  3. ^ Copia archiviata, su siremaramministrazionestraordinaria.it. URL consultato il 13 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 20 aprile 2016).
  4. ^ (EN) Error, su pti.regione.sicilia.it. URL consultato l'08 gennaio 2018.
  5. ^ Compagnie regionali in mezzo al guado - GENOVA Se la privatizzazione di - Il Sole 24 ORE, su www.ilsole24ore.com. URL consultato l'08 gennaio 2018.
  6. ^ (IT) Ex Siremar: Tar Lazio stoppa aggiudicazione a CDI | Il Giornale di Lipari, su www.giornaledilipari.it. URL consultato l'08 gennaio 2018.
  7. ^ Ustica Lines verso Siremar, di nuovo, in informazioni marittime :: napoli. URL consultato l'08 gennaio 2018.
  8. ^ La Siremar a Caronte&Tourist e Ustica Lines. URL consultato l'08 gennaio 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]