Riserva naturale di Fondo Toce

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Riserva naturale speciale Fondo Toce
Fondotoce canneti.jpg
Tipo di areaRiserva regionale
Codice WDPA64456
Codice EUAPEUAP0346
Class. internaz.Categoria IUCN IV: area di conservazione di habitat/specie
StatoItalia Italia
RegionePiemonte Piemonte
ProvinciaVerbano-Cusio-Ossola Verbano-Cusio-Ossola
ComuniVerbania
Superficie a terra365 ha
Provvedimenti istitutiviL.R. 51, 24.04.90
GestoreEnte di gestione delle aree protette del Ticino e del Lago Maggiore
PresidenteAdriano Fontaneto
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Riserva naturale speciale Fondo Toce
Riserva naturale speciale Fondo Toce

Coordinate: 45°56′17″N 8°29′40″E / 45.938056°N 8.494444°E45.938056; 8.494444

La riserva naturale speciale Fondo Toce (o riserva naturale speciale di Fondotoce [1] è un'area naturale protetta posizionata sul versante nord-occidentale del Lago Maggiore nel comune di Verbania, in Piemonte. È stata istituita dalla Regione Piemonte con legge regionale del 1990[2][3].

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

La riserva si estende su di una superficie di circa 365 ettari lungo la riva piemontese del Lago Maggiore, sul tratto terminale del fiume Toce e dell'omonima piana alluvionale[2]. Insieme a quelli di Dormelletto, i canneti di Fondotoce rappresentano uno degli ultimi esempi (nel novarese) di zona umida di transizione tra terra e acqua a prevalente vegetazione spontanea, costituita da canneti di cannuccia di palude[4][5].

Accesso[modifica | modifica wikitesto]

Per favorire l'avvicinamento dei visitatori è stato creato un facile sentiero pianeggiante, percorribile in un'ora circa[2].

Flora[modifica | modifica wikitesto]

Nella riserva il protagonista è il canneto di cannuccia di palude, tra i più estesi Lago Maggiore[2]. Questi canneti sono formati da una pianta alta anche 3-4 metri costituita da un fusto rigido ricoperto di foglioline e culminante con un'inflorescenza denominata pannocchia. L'importante ruolo ricoperto da tale tipo di pianta lacustre è da ascriversi alla sua funzione di filtro delle acque del lago: regimazione delle acque, depurazione e assorbimento equilibrato delle sostanze, anche nocive, introdotte nell'acqua[2][4][5].

A livello di flora, ad oggi sono state censite circa 240 specie: varie tipologie di salice, due rare felci rintracciabili esclusivamente nelle zone umide, e una ricca vegetazione acquatica nella quale si può annoverare la rara castagna d'acqua[2].

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

Questo luogo, grazie al ruolo svolto dai canneti, è caratterizzato da un alto grado di biodiversità ed è frequentato da diverse specie di animali: rettili, anfibi, mammiferi e insetti. Un ambiente ideale per la riproduzione di varie specie ittiche (lucci, carpe ecc.) e ornitologiche[2]. Molti uccelli, infatti, vengono in questa area per nidificare; altri sostano durante la migrazione; mentre altri ancora vi stazionano tutto l'anno. Sono state censite più di 120 specie differenti. Vi sono quelli acquatici (svassi, cigni, folaghe), che vengono qui a nidificare, e quelli migranti, come le rondini, che qui possono riposare e rifocillarsi.

Proprio qui ha sede anche il Centro studi sulle migrazioni di Fondotoce di importanza europea[6].

Aree collegate[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio è gestito dall'Ente di gestione delle aree protette del Ticino e del Lago Maggiore ed è protetto insieme al parco naturale della Valle del Ticino, al parco naturale dei Lagoni di Mercurago, alla riserva naturale speciale dei Canneti di Dormelletto e alla riserva naturale orientata di Bosco Solivo[7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La Riserva Naturale di Fondotoce: il paradiso di Verbania
  2. ^ a b c d e f g Riserva Naturale Speciale di Fondotoce, su lagomaggiore.net.
  3. ^ Elenco ufficiale delle aree protette (EUAP) 6º Aggiornamento approvato il 27 aprile 2010 e pubblicato nel Supplemento ordinario n. 115 alla Gazzetta Ufficiale n. 125 del 31 maggio 2010.
  4. ^ a b Gianni Farneti, 1000 oasi e parchi naturali da vedere in Italia, Milano, Rizzoli, 2011, p. 38, ISBN 9788858653739.
  5. ^ a b Parchi, Riserve, Oasi naturali, su veveri.it.
  6. ^ Ecosistemaverbano
  7. ^ Un gestore per le aree protette del Ticino e del Lago Maggiore, su parchiticinolagomaggiore.it.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]