Ripple

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Ripple è un sistema di trasferimento di fondi in tempo reale (RTGS), uno scambio valute e di spedizioni di denaro fornito dall'omonima società Ripple. Ripple viene chiamato per esteso Ripple Transaction Protocol, in sigla RTXP (traducibile in italiano come: Protocollo di transazione Ripple ) o semplicemente Protocollo Ripple[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

È stato messo in piedi come un protocollo internet open source distribuito, su di un libro mastro guidato dal consenso e su una valuta digitale chiamata Ripple col simbolo XRP[2]. Rilasciato nel 2012 con lo scopo di rendere possibili transazioni finanziarie gratuitamente e a livello globale di qualsiasi grandezza senza chargeback (contestazioni da parte dei titolari di una carta di credito), supporta "token" che rappresentano una valuta tradizionale (fiat), criptovalute, prodotti o qualsiasi altra unità di valore[3][4]

Ripple è realizzato attorno ad una base di dati pubblica e condivisa,[5] che usa un processo consensuale per pagamenti in un processo distribuito.[6] La rete è decentralizzata e può operare senza l'azienda Ripple[7] Tra i "validators" ci sono compagnie, internet service providers, e il Massachusetts Institute of Technology.[8][9] Usata da società come UniCredit, UBS e Santander, Ripple sta iniziando ad esser usata da banche e reti di pagamento come infrastruttura tecnologica.[10] American Banker spiega che "dal punto di vista delle banche, libri mastri distribuiti come il sistema di Ripple hanno maggiori vantaggi rispetto a cryptovalute come bitcoin", incluse prezzo e sicurezza.[11].

Concetto[modifica | modifica wikitesto]

XRP[modifica | modifica wikitesto]

XRP è la valuta nativa della rete Ripple ed esiste solamente in questi sistemi. XRP è divisibile in 6 posti decimali, e la più piccola unità è chiamata "drop" (goccia) con 1 milione di drop equivalente a 1 XRP.[12] Alla nascita furono creati 100 miliardi di XRP, con nessuna ulteriore creazione come da regole del protocollo.[13] Il sistema è stato progettato come un asset "scarso" che decrementa la sua disponibilità. Non dipende da terze parti per il rimborso, è l'unica valuta della rete Ripple che non comporta un rischio per la controparte, ed è l'unico asset nativo digitale.

Le altre valute della rete Ripple sono strumenti di debito ed esiste in forma di bilanci.[14] Agli utenti della rete Ripple non è richiesto di usare XRP come accantonamento del valore o come mezzo di scambio. Ad ogni profilo Ripple, tuttavia, è richiesto di aver una piccola "riserva" di 20 XRP.[15] ($43.09 al 31 dicembre 2017[16]). Lo scopo di questa richiesta è discussa nella sezione anti-spam del protocollo Ripple.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ https://gigaom.com/2014/09/24/two-us-banks-are-ready-to-embrace-the-ripple-protocol-allowing-instant-global-money-transfers/ Two US banks are ready to embrace the Ripple protocol, allowing instant global money transfers, GigaOM
  2. ^ Grafico Ripple (XRP), Criptovaluta, su it.tradingview.com.
  3. ^ https://www.wsj.com/articles/DJFVW00020131112e9bcncf1w?mod=undefined Ripple Labs Banks $3.5M for Open-Source Payments System and Virtual Currency, WSJ
  4. ^ https://www.coindesk.com/chris-larsen-ripple-is-http-for-money/ Chris Larsen: Ripple is HTTP for money , coindesk.com
  5. ^ (EN) Tech Showcase: Ripple Labs, Institute of International Finance.
  6. ^ Alec Liu, Beyond Bitcoin: a Guide to the Most Promising Cryptocurrencies, su Motherboard (beta) blogs, Vice Media Inc. (archiviato dall'url originale il 24 dicembre 2013).
  7. ^ (EN) First Bitcoin, now Google-backed OpenCoin: a new disintermediation threat for banks, su euromoney.com. URL consultato il 17 agosto 2017.
  8. ^ (EN) Ripple Unveils Strategy to "Become More Decentralized than Bitcoin", su cryptocoinsnews.com. URL consultato il 17 agosto 2017.
  9. ^ (EN) Ripple's Distributed Ledger Network Passes 50-Validator Milestone, su coindesk.com. URL consultato il 19 agosto 2017.
  10. ^ Nathaniel Popper, The rush to coin virtual money with real value, in The New York Times, The New York Times Company. URL consultato il 26 gennaio 2014.
  11. ^ Sarah Todd, Banks Can Cherry-Pick the Best Bits from Bitcoin: Report, in American Banker, 7 aprile 2015. URL consultato il 16 giugno 2015.
  12. ^ https://github.com/thelinuxkid/ripple/blob/master/ripple/jsonformat.py Ripple su GitHub Inc..
  13. ^ https://ripple.com/ Sito di Ripple.
  14. ^ Vitalik Buterin, Ripple is officially open source, in Bitcoin Magazine, Coin Publishing Ltd., 26 settembre 2013. URL consultato il 25 gennaio 2014.
  15. ^ Proposed change to Ripple reserve requirement, su Ripple blog, Ripple Labs Inc..
  16. ^ (EN) Cryptocurrency Market Capitalization, coinmarketcap.com. URL consultato il 3 giugno 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]