Monero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Logo di Monero

Monero (XMR[1][2]) è una criptovaluta creata nell'aprile 2014 che si focalizza sulla privacy, la decentralizzazione e la scalabilità. Il suo primo nome è stato BitMonero per poi divenire semplicemente Monero che in esperanto significa moneta.

A differenza di molte altre criptovalute che sono derivate dal Bitcoin, Monero si basa sul protocollo CryptoNote e possiede differenze algoritmiche significative sull'offuscamento della Blockchain.[3] L'architettura modulare del codice di Monero è stata elogiata da Wladimir J. van der Laan, un manutentore di Bitcoin Core.[4] Monero ha avuto una rapida crescita di capitalizzazione di mercato (da 5 milioni US$ a 185 milioni US$ )[5] e per volume di transazioni[6] durante il 2016, in parte dovuta all'adozione da parte dei più grandi mercati Darknet, tra cui AlphaBay e Oasis Market.[7] Nel 2017, Monero è la nona criptovaluta più scambiata con un mercato di capitalizzazione di oltre 1.500.000.000 di dollari.[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Grafico Monero (XMR), Criptovaluta, su it.tradingview.com.
  2. ^ Grafico Monero (XMR), Mark Cap, Indici, News, su it.investing.com.
  3. ^ Nope. You are confused. You should consider this great news because you are abou... | Hacker News, su news.ycombinator.com. URL consultato il 4 ottobre 2015.
  4. ^ Wladimir J. van der Laan, su http://bitcoin-development.narkive.com/. URL consultato il 29 settembre 2015.
  5. ^ Monero (XMR) Market Capitalization, su www.coinmarketcap.com. URL consultato il 5 settembre 2016.
  6. ^ http://monerostats.com/charts/?type=transactions
  7. ^ C. Aliens, AlphaBay and Oasis Markets to Begin Accepting Monero for Payments, su deepdotweb.com, 23 agosto 2016.
  8. ^ CryptoCurrency Market Capitalizations, su coinmarketcap.com. URL consultato il 18 aprile 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Economia Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia