Caro direttore, ci scrivo... : lettere del tragico ragioniere, raccolte da Paolo Villaggio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Caro direttore, ci scrivo... : lettere del tragico ragioniere, raccolte da Paolo Villaggio
Autore rag. Ugo Fantozzi (Paolo Villaggio)
1ª ed. originale 1993
Genere raccolta
Lingua originale italiano
Protagonisti Ugo Fantozzi
Altri personaggi Ragionier Filini, Pina Fantozzi, Mariangela Fantozzi, Signorina Silvani, Geometra Calboni, Megadirettore

Caro direttore, ci scrivo... : lettere del tragico ragioniere, raccolte da Paolo Villaggio è un libro scritto e pubblicato da Paolo Villaggio nel 1993 da parte della casa editrice Arnoldo Mondadori Editore.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dopo Le lettere di Fantozzi (1976), Paolo Villaggio scrive una nuova raccolta di tragiche lettere parlando ai suoi superiori per bocca del ragioniere Ugo Fantozzi. Villaggio nel narrare i vari episodi in maniera tragica e piena zeppa di errori d'italiano per non parlare dell'uso del congiuntivo, trae spunto dalle sceneggiature dei film precedenti girati con Neri Parenti: Superfantozzi (1986), Fantozzi va in pensione (1988), Ho vinto la lotteria di capodanno (1989), Fantozzi alla riscossa (1990) e Fantozzi in paradiso (1993).

Come al solito Fantozzi si ritrova perseguitato dai maniacali desideri di potere dei suoi Megadirettori e Megapresidenti Galattici, non solo ma anche dalle gite tragiche in vari posti d'Europa e altre imprese disastrose programmate dal Ragionier Filini, compagno di stanza e migliore amico di Fantozzi. La Signorina Silvani intanto è divenuta sempre più volgare e rozza a causa della cattiva educazione impartitale dal Geometra Calboni e il fatto di convivere con la Signora Pina la quale inizia a stancarsi del suo rapporto coniugale e con la nipotina Uga la quale ha superato la madre Mariangela nella bruttura e animalità rendono la vita del povero Fantozzi ormai impossibile; tanto che questi trova il tempo di lamentarsene con il suo Direttore Naturale.

Libri di Fantozzi[modifica | modifica wikitesto]