Prosecco (Trieste)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Prosecco
frazione
L’abitato di Prosecco visto dalla vedetta Italia
L’abitato di Prosecco visto dalla vedetta Italia
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Friuli-Venezia Giulia-Stemma.png Friuli-Venezia Giulia
Provincia Provincia di Trieste-Stemma.png Trieste
Comune Trieste-Stemma.png Trieste
Territorio
Coordinate 45°42′27″N 13°44′01″E / 45.7075°N 13.733611°E45.7075; 13.733611 (Prosecco)Coordinate: 45°42′27″N 13°44′01″E / 45.7075°N 13.733611°E45.7075; 13.733611 (Prosecco)
Altitudine 249 m s.l.m.
Abitanti 1 349[1] (dicembre 2011)
Altre informazioni
Cod. postale 34151
Prefisso 040
Fuso orario UTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Prosecco
Prosecco

Prosecco (Proseco in dialetto triestino, Prosek in sloveno) è una frazione del comune di Trieste. Si trova sull'altopiano carsico, lungo la strada provinciale 1, a metà strada circa tra le frazioni di Opicina e di Santa Croce.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il temine Prosecco significa bosco tagliato, dalle aree disboscate per la coltivazione della vite[2]; la frazione infatti è celebre per aver dato il nome ad uno dei vini più famosi al mondo, il prosecco.[3]

All'imbocco della frazione, provenendo da Trieste in località Contovello, si gode di un ampio panorama sulla città. A Prosecco inizia la strada Vicentina, detta anche Napoleonica, che si collega all'Obelisco di Opicina, fermata del tram omonimo. Anche questo percorso ciclopedonale offre un panorama su golfo e città, luogo privilegiato per assistere alla regata velica della Barcolana.

Subito dopo la frazione, prima dell'imbocco della Napoleonica, una strada permette di raggiungere il santuario mariano di Monte Grisa, che domina l'altopiano.
La chiesa del paese, racchiusa tra le case dell'abitato, è del 1637 ed è dedicata a san Martino.

La parte vecchia della località è abitata prevalentemente dalla comunità linguistica slovena (prima dell'annessione all'Italia, più del 92% della popolazione era di madrelingua slovena),[4] mentre la parte moderna, nota con il nome di Borgo San Nazario, costruita negli anni cinquanta e sessanta, è abitata da 766 residenti, in gran parte da esuli istriani e da loro discendenti, provenienti perlopiù da Capodistria e dintorni.

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa dedicata a San Martino di Tours viene documentata già nel 1466, e consacrata il 9 giugno del 1641 vescovo di Pedena in Istria e poi di Trieste Antonio Marenzi. Vengono conservati nel suo archivio documenti risalenti al 1754[5].

Persone legate a Prosecco[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Popolazione residente per rioni storici o comuni censuari - 12/2011 http://www.retecivica.trieste.it/new/default.asp?pagina=-&ids=51&id_sx=79&tipo=monoblocchi&tabella_padre=dx&id_padre=686
  2. ^ Prosecco, Percorsi in provincia di Trieste. URL consultato il 12 novembre 2016.
  3. ^ Fulvio Colombo, Prosecco perché? Le nobili origini di un vino triestino, Luglio editore, Trieste 2012
  4. ^ Spezialortsrepertorium der Oesterreichischen Laender. VII. Oesterreichisch-Illyrisches Kuestenland. Wien, 1918, Verlag der K.K. Hof- und Staatsdruckerei
  5. ^ San Martino Vescovo di Tours, Sancta ecclesia Tergestina. URL consultato il 12 novembre 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Fulvio Colombo, Prosecco, perché? Le nobili origini di un vino triestino, Luglio Editore, Trieste 2012, ISBN 978 8896940877.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]