Rozzol Melara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rozzol Melara
ATER Building in Trieste.jpg
Il complesso ATER del quartiere.
StatoItalia Italia
RegioneFriuli-Venezia Giulia Friuli-Venezia Giulia
ProvinciaTrieste Trieste
CittàTrieste-Stemma.png Trieste
Circoscrizione6
AltitudineDa 70 a 247 m s.l.m.
Abitanti4 000 ab.

Coordinate: 45°38′21″N 13°49′29″E / 45.639167°N 13.824722°E45.639167; 13.824722

Rozzol Melara è un quartiere di Trieste, delimitato a nord dal boschetto de "Il Cacciatore", a sud da via Cumano e piazzale "Alcide De Gasperi", a ovest da via delle Settefontane, via Vergerio, tratto di via Revoltella fino alla intersezione con via Domenico Rossetti, via Domenico Rossetti intersezione via Mameli, via dell'Eremo e infine via San Pasquale; a est con la rotonda stradale tra Via Marchesetti e via Forlanini. Inoltre è conosciuto per ospitare Largo Vincenzo Barsigliano ed il complesso residenziale popolare ATER comunemente chiamato anche come "Il quadrilatero" di Melara.

Il quadrilatero di Melara è stato progettato da un nutrito gruppo di professionisti triestini selezionato dall'Ordine degli Architetti e degli Ingegneri, coordinati da Carlo Celli dello studio Celli di Trieste e costruito tra il 1969 e il 1982 sotto le teorie socio-architettoniche di Le Corbusier. Il complesso, in stile brutalista, è formato da due corpi fabbrica a L del volume di 267.000 metri cubi che si estende su una superficie di 89.000 metri quadri e conta 648 appartamenti e circa 2.500 residenti. Nell'intento progettuale l'idea era quella di creare una sorta di "villaggio indipendente" fornito di tutti i bisogni primari (negozi, scuole, ecc.). Le chiavi dei primi appartamenti furono consegnate tra il 1979 e il 1981 soprattutto a coppie giovani. Il quadrilatero dista quattro chilometri dal centro di Trieste.

Panoramica del quadrilatero a Melara


Altri edifici[modifica | modifica wikitesto]

A Rozzol sorge la parrocchia di San Pio X e a Melara quella di San Luca Evangelista; entrambe le chiese furono costruite nella seconda metà del Novecento.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]