Pieve d'Alpago

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pieve d'Alpago
ex comune
Pieve d'Alpago – Stemma Pieve d'Alpago – Bandiera
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of Arms of Veneto.png Veneto
ProvinciaProvincia di Belluno-Stemma.png Belluno
ComuneAlpago-Stemma.png Alpago
Territorio
Coordinate46°10′N 12°21′E / 46.166667°N 12.35°E46.166667; 12.35 (Pieve d'Alpago)Coordinate: 46°10′N 12°21′E / 46.166667°N 12.35°E46.166667; 12.35 (Pieve d'Alpago)
Altitudine690 m s.l.m.
Superficie25,02 km²
Abitanti1 888[1] (31-12-2014)
Densità75,46 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale32010
Prefisso0437
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT025038
Cod. catastaleG638
TargaBL
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Cl. climaticazona F, 3 531 GG[2]
Nome abitantipievani o alpagoti
PatronoSanta Anna
Giorno festivo26 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Pieve d'Alpago
Pieve d'Alpago
Pieve d'Alpago – Mappa
Posizione dell'ex comune di Pieve d'Alpago all'interno della provincia di Belluno.
Sito istituzionale

Pieve d'Alpago (La Piéve in veneto[3]) è una frazione del comune italiano di Alpago in Veneto. È stata comune autonomo sino al 23 febbraio 2016, quando è confluito nel nuovo comune di Alpago, del quale adesso è un municipio insieme agli ex comuni di Farra d'Alpago e Puos d'Alpago.

Pieve, quale storico capoluogo della regione dell'Alpago, è inoltre sede amministrativa del nuovo comune.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

È consuetudine storica far risalire intorno all'anno 1000 la nascita, attorno a Chiese (pievi) sparse nelle campagne, di villaggi più o meno cospicui. La sopravvivenza dell'attuale toponimo Pieve, se da un lato conferma un'antica supremazia religiosa e civile sull'intera conca alpagota, dall'altro non è sufficiente a determinare con esattezza l'epoca in cui l'abitato che esso individua si sia formato. È certo, come hanno rivelato gli scavi archeologici delle località di Quers, Staol di Curago e Pian de la Gnela, che l'area fu abitata sin dalla protostoria, con floridi insediamenti che si situavano lungo antiche vie di comunicazione ad oggi ancora misteriose. I reperti rinvenuti nelle necropoli non solo testimoniano una continuità abitativa dalla preistoria sino all'Impero Romano ed oltre, ma offrono l'immagine di una comunità ricca, fiorente ed artisticamente evoluta. Recenti studi[senza fonte] sui reperti archeologici suggeriscono di inquadrare gli insediamenti preistorici in un vasto contesto economico-culturale che non si limitava all'area veneta, ma si spingeva oltre i confini nazionali nei territori dell'attuale Slovenia.

La storia medievale e moderna della Pieve d'Alpago è strettamente legata alle vicende della città di Belluno, ma le testimonianze su questo periodo sono esigue. Per secoli pare che un lungo torpore abbia avvolto il territorio, interrotto di quando in quando da qualche evento importante come l'investitura dell'Alpago, avvenuta a Pieve il 30 ottobre 1340, di Giacoma da Vivaro, vedova del famigerato Endrighetto che dal suo castello di Bongajo signoreggiava sulla piana sottostante. Restano a testimonianza del periodo le Chiese, in particolare la Parrocchiale di Santa Maria, più volte ricostruita e rimaneggiata: la composizione stilistica attuale è opera dell'architetto bellunese del XIX secolo Giuseppe Segusini. In essa è conservata una tela di Gaspare Diziani. Notevoli sono anche la Chiesa di Garna con il soffitto a cassettoni e la Villa Falin del XVII secolo.

Da un documento del 1662 si apprende che il Comune d'Alpago comprendeva 19 regole o villaggi, fra i quali Curago, Garna, Pieve, Plois, Tignes, Torch, Torres e Villa, facenti parte ancora oggi del Comune di Pieve d'Alpago[4].

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Posizione del comune di Pieve d'Alpago nella provincia di Belluno

Il comune aveva una superficie di 25,02 km² e comprendeva le frazioni di Curago, Garna, Paludi, Plois, Quers, Schiucaz, Tignes, Torch, Torres e Villa[6].

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
16-05-2011 soppressione Umberto Soccal lista civica Sindaco

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2014.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Torino, UTET, 2006, p. 583.
  4. ^ Sulle regole, i beni comunali, l'utilizzo del territorio ed altre notizie storiche: Aldo Collazzuol e Davide Davià, Boschi e pascoli d'Alpago, 1996
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ Comune di Pieve d'Alpago - Statuto (PDF), su incomune.interno.it.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN248721340 · GND (DE4536522-2 · WorldCat Identities (EN248721340