Pietro Mocenigo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pietro Mocenigo
PietroMocenigo.jpg
Doge di Venezia
Coat of arms of the House of Mocenigo.svg
In carica 14 dicembre 1474 –
23 febbraio 1476
Predecessore Nicolò Marcello
Successore Andrea Vendramin
Nome completo Pietro Mocenigo
Nascita Venezia, 1406
Morte Venezia, 23 febbraio 1476
Sepoltura Basilica dei Santi Giovanni e Paolo, Venezia
Dinastia Mocenigo
Religione Cattolico

Pietro Mocenigo (1406Venezia, 23 febbraio 1476) è stato il 70º doge della Repubblica di Venezia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era il primo degli otto figli (cinque maschi e tre femmine) di Leonardo di Pietro Mocenigo, fratello del futuro doge Tommaso, e di Franceschina di Michele Molin. Nel 1429 convolò a nozze con Laura di Bernardo Zorzi, dalla quale non ebbe figli[1].

Entrò in politica abbastanza tardi, dopo aver dedicato gli anni precedenti ai commerci. Nel 1438 fu eletto giudice del Proprio e nel 1439 fu nominato ufficiale di Notte per il sestiere di San Marco[1].

Morto il padre verso la fine del 1442, intraprese la carriera in marina; così, il 17 marzo dell'anno successivo, divenne sopracomito della flotta dell'Adriatico. Il 17 marzo 1443, mentre inseguiva dei corsari catalani, fece naufragio sulla spiaggia di Brindisi e fu imprigionato dall'autorità del posto; condotto a Napoli, venne liberato dopo l'intervento dell'ambasciatore veneziano[1].

Tonato a Venezia, partecipò alla zonta del Senato per quasi tutto il periodo 1444-49, ma tornò a imbarcarsi quando, il 24 agosto 1449, fu eletto capitano della muda di Beirut[1].

Fu uno dei più grandi ammiragli della Serenissima, combattendo contro i turchi conquistò Smirne nel 1472 e annesse Cipro alla Repubblica nel 1475. Nel 1470 fu eletto ammiraglio contro i turchi quando, perduta Negroponte, l'Italia stessa era minacciata. In 12 giorni Venezia costruì 73 galere che, al suo comando, cambiarono le sorti della guerra da lui condotta per quattro anni.[2][3]

Fu eletto doge il 14 dicembre 1474. Sotto il suo dogato iniziò la coniazione della lira d'argento, che in suo ricordo venne chiamata mocenigo.

Tomba di Pietro Mocenigo.

Il suo breve dogato si concluse il 23 febbraio 1476, quando Mocenigo si spense per la malaria contratta durante una campagna militare. La sua tomba è oggi nella Chiesa dei Santi Giovanni e Paolo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Giuseppe Gullino, MOCENIGO, Pietro, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 75, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2011. URL consultato il 18 settembre 2019. Modifica su Wikidata
  2. ^ Federigo Stefani e Federico Odorici, Tavola II, in Pompeo Litta (a cura di), Famiglie celebri d’Italia. Mocenigo di Venezia, Ed. Luciano Basadonna, 1868 - 1872. Coriolano Cippico e Kiril Petkov, The Deeds of Commander Pietro Mocenigo in Three Books (English translation), Italica Pr, 2014, ISBN 978-1-59910-295-5.
  3. ^ Giuseppe Gullino, Mocenigo, Pietro, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 75, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN24448988 · ISNI (EN0000 0001 2209 5037 · LCCN (ENnr90009880 · GND (DE1013357809 · CERL cnp01296205 · WorldCat Identities (ENnr90-009880