Galeazza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Galea.

Galeazza
Armada galleass.png
Galeazza spagnola.
Altri nomiGaleaza (es.)
Galleass (en.)
Caratteristiche costruttive
Lunghezza50 m
Larghezza8 m
Caratteristiche di trasporto
Propulsionemista (remi e vela)
Rematori64-92
Numero alberi3 (4 le più grandi)
Tipo di velaquadra e latina

La galeazza è un tipo di galea esclusivamente da guerra, costruita a Venezia a partire dal XV secolo e usata principalmente nel Mar Mediterraneo a partire dal XVI secolo. Si differenziava dalla comune galea sottile per le maggiori dimensioni, il gran numero di artiglierie e la possibilità, esclusiva tra le galee, di effettuare il tiro laterale. Il rapporto lunghezza:larghezza era 6:1 o 5:1.

Queste navi, utilizzate per la prima volta dai Veneziani di Sebastiano Venier nella battaglia di Lepanto, rappresentarono una sorta di ibrido tra la galea e il galeone e furono considerate per diversi anni un'unità fondamentale nelle flotte più potenti[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Galeazza, circa 1600 - disegno del XIX secolo.

La galeazza sviluppò dal modello della galea grossa d'uso mercantile, da tempo non più convenienti in seguito alla riduzione dei traffici mediterranei. Poiché venivano convertite per l'uso militare dovevano essere tendenzialmente alte e larghe (anziché leggere); montavano un elevato numero di cannoni, che venivano posizionati per la maggior parte lungo i lati (al di sopra dei livello dei remi) e nei castelli di prua e poppa (sia sopra che al medesimo livello del ponte di voga).

Il modello della galeazza venne sviluppato nell'Arsenale della Repubblica di Venezia, in una data imprecisata ma certo successiva al termine della Terza guerra turco-veneziana (la pace con il sultano Solimano il Magnifico venne firmata nel 1540[2]), durante la riorganizzazione degli ordinamenti militari marittimi per mano dell'ammiraglio Cristoforo da Canal.[3] Le prime furono costruite/trasformate da galere grosse di mercato, verso il 1550, per poter disporre di navi che potevano superare in potenza di fuoco le galee ordinarie, senza dipendere esclusivamente dalla forza del vento per il movimento e con un pescaggio limitato. Le prime galeazze, probabilmente costruite in segreto, non videro mai la guerra, bruciando nel grande incendio dell'Arsenale del 1569[4], ma subito dopo il Capomastro Francesco Bressan e dei suoi “Proti e Marangoni”, rinforzarono lo scafo di alcune Galee grosse giacenti inutilizzate in Arsenale, vi montarono castelli di prua e poppa riducendo i remi da 50 a 48 per lato, e le coprì con un ponte di coperta. Probabilmente già in questo caso vennero apportate tutte le migliorie già adottate sulle Galee sottili (come ad esempio la remata a scaloccio), con tempi e modi molto svelti, perché era imminente e prevista una guerra contro gli ottomani, però delle 12 messe in essere quell'anno, solo 6 si dimostrarono (forse anche perché ricavate da scafi molto vecchi), capaci di prendere il mare con la flotta.

Le acque poco profonde, le coste frastagliate, il clima mite e i venti debolmente variabili del Mediterraneo permisero alle galee e alle galeazze di sopravvivere fino agli inizi del XVIII secolo anche se dopo il 1620 circa (e in maniera molto più evidente dopo il 1650) la comparsa di vascelli e fregate, capaci di navigare bene in bolina e di tenere il mare per periodi molto lunghi, trasportando al contempo un armamento molto superiore, ne determinarono la brusca diminuzione di importanza. Accresciuta dal fato che dopo il 1574 il Mediterraneo conobbe un periodo piuttosto prolungato in cui non furono combattute grandi battaglie tra flotte, ma continue operazioni di guerra di corsa e contro guerra di corsa, in cui la Galera conservava ancora un ruolo importante, mentre la Galeazza, naviglio da battaglia più che da guerra, meno.

Comunque questo tipo di naviglio rimase molto diffuso nella marina veneziana, anche quando altre marine lo avevano sostituito (per esempio con le fregate "remiere", ovvero capaci di utilizzare i remi per muoversi e manovrare in assenza di vento), o abolito (per concentrarsi su nuove tipologie). Nonostante la loro mole, pesantezza, difficoltà a manovrare e all'elevatissimo numero di uomini richiesto (fino a 500), la loro aura d'invincibilità guadagnata a Lepanto portò la Serenissima a sviluppare ulteriormente tale progetto: ne furono costruite ancora per tutto il XVII secolo e al principio del XVIII, con dei miglioramenti relativi alla diversa forma della prua, più alta e simile a quella dei vascelli e della poppa, che dalla forma tonda passò al dritto e nelle ultime Galeazze "riformate" addirittura a uno specchio di poppa.

Operazioni di rilievo[modifica | modifica wikitesto]

Vennero costruite relativamente poche galeazze ma ebbero comunque molta importanza.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La galeazza, normalmente, era dotata di 3 alberi a vele quadre e latine o, specie sulle più vecchie, latine (le più grandi avevano 4 alberi), castello di prua, castello di poppa (questo modello era già stato sviluppato nella caracca e successivamente nel galeone del Mediterraneo) e due ponti. Poteva portare dai 32 ai 46 banchi di rematori (remi a scalaccio dopo il 1570, pare che la remata fosse rimasta su alcune ancora a terzarolo o addirittura con sistema misto fino a Lepanto o poco prima) e montare, in genere, 36 grossi cannoni, più altri di minor dimensione.

Celebri galeazze[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mattingley, p. 420.
  2. ^ André Clot, Solimano il Magnifico, Milano, Rizzoli, 1986, ISBN 88-17-36093-7, SBN IT\ICCU\CFI\0027728. p. 137
  3. ^ Zorzi, p. 317.
  4. ^ Pasquale Ventrice, L'Arsenale di Venezia e i cantieri navali della marina, in Il contributo italiano alla storia del Pensiero: Tecnica, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2013.
  5. ^ Zorzi, p. 352.
  6. ^ Petacco 2005, p. 32.
  7. ^ Petacco 2005, p. 178.
  8. ^ Mattingley, p. 265 e 385.
  9. ^ Mattingley, pp. 320-323.
  10. ^ Mattingley, p. 420 e 443.
  11. ^ Víctor Minués Visiones de la monarquía hispánica
  12. ^ Les pavillons de la Marine sous l’Ancien Régime

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE7712774-2