Photinia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Photinia
Photinia fraseri A.jpg
Photinia Glansmispel × fraseri
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Rosidae
Ordine Rosales
Famiglia Rosaceae
Sottofamiglia Amygdaloideae
Tribù Maleae
Sottotribù Malinae
Genere Photinia
Lindl.
Specie

vedi testo

Photinia è un genere di circa 40-60 specie di piccoli alberi e grandi arbusti, ma la tassonomia è recentemente variata notevolmente, con i generi Heteromeles, Stranvaesia e Aronia talvolta inclusi in Photinia.

Fanno parte della famiglia delle rose (Rosaceae) e sono legate alla mela. Il nome del genere botanico deriva dalla parola greca photeinos per brillante e si riferisce alle foglie spesso lucide. La maggior parte delle specie sono sempreverdi, ma si verificano anche specie decidue. Il piccolo frutto a forma di mela ha una dimensione da 4 a 12 mm e forme in grandi quantità. Maturano in autunno e spesso rimangono appesi sul cespuglio fino all'inverno. I frutti sono usati come cibo dagli uccelli, che espellono i semi con i loro escrementi e quindi distribuiscono la pianta.

La gamma naturale di queste specie è limitata all'Asia temperata calda, dall'Himalaya ad est al Giappone e al sud all'India e alla Thailandia. Tuttavia, sono stati ampiamente coltivati in tutto il mondo come piante ornamentali per i loro fiori bianchi e frutti rossi.

Il nome scientifico Photinia è anche ampiamente usato come nome comune. Un altro nome a volte usato è "bacca di Natale", ma questo nome è fonte di confusione, poiché viene comunemente applicato alle piante di diversi generi tra cui Heteromeles, Lycium, Schinus e Ruscus. Il nome "photinia" continua ad essere utilizzato anche per diverse specie di piccoli alberi nelle montagne del Messico e dell'America centrale che erano state precedentemente incluse nel genere Photinia.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Photinia × fraseri, che mostra il colore rosso della nuova crescita in contrasto con le foglie più vecchie verde lucido

Le fotinie crescono in genere da 4 a 15 m di altezza, con una corona solitamente irregolare di rami angolari; i rami sono spesso (non sempre) spinosi. Le foglie sono alternate, intere o finemente dentate, che variano tra le specie da 3 a 15 cm in lunghezza e 1,5–5 cm in larghezza; la maggior parte delle specie è sempreverde ma molte sono decidue. I fiori sono prodotti all'inizio dell'estate in densi corimbi terminali; ogni fiore ha 5–10 mm di diametro, con cinque petali bianchi arrotondati; hanno un profumo delicato, simile al biancospino. Il frutto è un piccolo pomo, con 4–12 mm di diametro, colore rosso brillante e simile a bacche, prodotto in grandi quantità, maturando in autunno e spesso persistendo bene in inverno. Il frutto viene consumato dagli uccelli, tra cui tordi, waxwings e storni; i semi sono dispersi nei loro escrementi. Le specie di Photinia vengono talvolta utilizzate come piante alimentari dalle larve di alcune specie di Lepidotteri tra cui lo smeraldo comune, la spina piumata e il carattere ebraico setaceo.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni botanici includono anche le specie strettamente nordamericane Heteromeles arbutifolia in Photinia - come Photinia arbutifolia . Il genere Stranvaesia è così simile nella morfologia alla Photinia che a volte le sue specie sono state incluse al suo interno,[2][3] ma i recenti dati molecolari[4] indicano che i due generi non sono correlati. Il genere Aronia è stato incluso in Photinia in alcune classificazioni[5] ma recenti dati molecolari confermano che questi generi non sono strettamente correlati. Altri parenti stretti includono il firethorns (Pyracantha), i cotoneasters (Cotoneaster) e i biancospini (Crataegus).

Diverse specie sono state spostate nel genere separato Stranvaesia tra cui P. amphidoxa, P. davidiana, P. nussia e P. tomentosa.

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Fiore di una cultivar di arbusto ornamentale

Le fotinie sono arbusti ornamentali molto popolari, coltivati per il loro frutto e fogliame. Sono disponibili numerosi ibridi e cultivar; molte delle cultivar sono selezionate per le loro giovani foglie straordinariamente luminose in primavera e in estate. I più ampiamente piantati sono:

  • Photinia × fraseri ( P. glabra × P. serratifolia ) - photinia punta rossa, bacche di Natale[6]
  • Photinia × fraseri 'Red Robin' - probabilmente la più piantata di tutte, questa cultivar ha ottenuto il premio al merito da giardino della Royal Horticultural Society[6][7]
  • Photinia × fraseri 'Little Red Robin', una pianta simile a 'Red Robin', ma nana di statura con una massima altezza / diffusione di circa 2-3 piedi
  • Photinia × fraseri 'Camilvy'
  • Photinia × fraseri 'Curly Fantasy'
  • Photinia × fraseri 'Super Hedger' - un ibrido più recente con una forte crescita verticale
  • Photinia × fraseri 'Pink Marble' noto anche come 'Cassini', una nuova cultivar con nuova crescita tinta rosa-rosa e un margine variegato bianco-crema sulle foglie
  • Photinia × fraseri 'Robusta'[8]
  • Photinia 'Redstart' (Stranvaesia davidiana × P. × fraseri)
  • Photinia 'Palette' (parentela sconosciuta)
  • Photinia davidiana 'Fructu Luteo' (frutto giallo)
  • Photinia davidiana 'Prostrata' (una forma a bassa crescita)

Tossicità[modifica | modifica wikitesto]

Alcune varietà di Photinia sono tossiche a causa della presenza di glicosidi cianogeni nei vacuoli del fogliame e delle cellule della frutta.[9] Quando le foglie vengono masticate, questi composti vengono rilasciati e vengono rapidamente convertiti in acido cianidrico (HCN) che blocca la respirazione cellulare. La quantità di HCN prodotta varia considerevolmente tra i taxa ed è generalmente maggiore nelle foglie giovani.[10] I ruminanti sono particolarmente colpiti dai glicosidi cianogeni perché il primo stadio del loro sistema digestivo (il rumine) offre condizioni migliori per la liberazione di HCN rispetto allo stomaco dei vertebrati monogastrici.[11]

Elenco delle specie[modifica | modifica wikitesto]

  • Photinia anlungensis
  • Photinia arguta (syn. Pourthiaea arguta )
  • Photinia beauverdiana (syn. Pourthiaea beauverdiana )
  • Photinia beckii
  • Photinia benthamiana (syn. Pourthiaea benthamiana )
  • Photinia berberidifolia
  • Photinia bergerae
  • Photinia blinii
  • Bodinia di Photinia
  • Photinia calleryana (syn. Pourthiaea calleryana )
  • Photinia callosa
  • Photinia chihsiniana
  • Photinia chingiana
  • Photinia chingshuiensis (syn. Pourthiaea chingshuiensis )
  • Photinia crassifolia
  • Photinia fokienensis
  • Photinia glabra - Photinia giapponese
  • Photinia glomerata
  • Photinia hirsuta
  • Photinia impressivena
  • Photinia integrifolia
  • Photinia komarovii
  • Photinia kwangsiensis
  • Photinia lanuginosa
  • Photinia lasiogyna
  • Photinia lasiopetala
  • Photinia lochengensis
  • Photinia loriformis
  • Photinia lucida (syn. Pourthiaea lucida )
  • Photinia megaphylla
  • Photinia niitakayamensis
  • Photinia obliqua
  • Photinia parvifolia (syn. Pourthiaea parvifolia )
  • Photinia pilosicalyx
  • Photinia podocarpifolia
  • Photinia prionophylla
  • Photinia prunifolia
  • Photinia raupingensis
  • Photinia schneideriana
  • Photinia serratifolia (syn. Photinia serrulata )
  • Photinia stenophylla
  • Photinia tsaii
  • Photinia tushanensis
  • Photinia villosa (syn. Pourthiaea villosa )
  • Photinia zhejiangensis

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ J.B. Phipps, Heteromeles and Photinia (Rosaceae subfam. Maloideae) of Mexico and Central America [collegamento interrotto], in Canadian Journal of Botany, vol. 70, n. 11, 1992, pp. 2138–62, DOI:10.1139/b92-266.
  2. ^ J.E. Vidal, Notes sur quelques Rosacées Asiatique (II) (Photinia, Stranvaesia), in Adansonia, vol. 5, 1965, pp. 221–237.
  3. ^ C. Kalkman, The Malesian species of the subfamily Maloideae (Rosaceae), in Blumea, vol. 21, 1973, pp. 413–442.
  4. ^ C.S. Campbell, R.C. Evans e D.R. Morgan, Phylogeny of subtribe Pyrinae (formerly the Maloideae, Rosaceae): Limited resolution of a complex evolutionary history, in Plant Systematics and Evolution, vol. 266, 1–2, 2007, pp. 119–145, DOI:10.1007/s00606-007-0545-y.
  5. ^ K.R. Robertson, J.B. Phipps e J.R. Rohrer, A synopsis of genera in Maloideae (Rosaceae), in Systematic Botany, vol. 16, n. 2, 1991, pp. 376–394, DOI:10.2307/2419287.
  6. ^ a b Copia archiviata, su apps.rhs.org.uk. URL consultato il 26 May 2013 (archiviato dall'url originale il 21 giugno 2013).
  7. ^ Royal Horticultural Society, July 2017, p. 78, https://www.rhs.org.uk/plants/pdfs/agm-lists/agm-ornamentals.pdf. URL consultato il 25 April 2018.
  8. ^ GardensOnline Pty Ltd, www.gardensonline.com.au, https://www.gardensonline.com.au/gardenshed/plantfinder/show_1860.aspx. URL consultato il 24 febbraio 2020.
  9. ^ Merck Veterinary Manual, https://web.archive.org/web/20070711100027/http://www.merckvetmanual.com/mvm/htm/bc/ttox04.htm. URL consultato il 5 maggio 2011 (archiviato dall'url originale l'11 luglio 2007).
  10. ^ K.A. Jacobs, F.S. Santamour, Jr., G.R. Johnson, M.A. Dirrs, Differential Resistance to Entomosporium Leafspot Disease and Hydrogen Cyanide Potential in Photinia (PDF), in J. Environ. Hort., vol. 14, n. 3, September 1996, pp. 154–7. URL consultato il 13 maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  11. ^ Lester R. Vough, E. Kim Cassel, Copia archiviata (PDF), South Dakota State University, 2004–2006. URL consultato il 4 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 31 maggio 2013).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica