Philippe Barbarin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Philippe Xavier Ignace Barbarin
cardinale di Santa Romana Chiesa
Philippe Barbarin.jpg
Coat of arms of Philippe Barbarin.svg
Qu'ils soient un
 
TitoloCardinale presbitero della Santissima Trinità al Monte Pincio
Incarichi attualiArcivescovo emerito di Lione (dal 2020)
Incarichi ricoperti
 
Nato17 ottobre 1950 (70 anni) a Rabat
Ordinato diacono6 giugno 1976
Ordinato presbitero17 dicembre 1977 dal vescovo Robert Marie-Joseph François de Provenchères
Nominato vescovo1º ottobre 1998 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato vescovo22 novembre 1998 dall'arcivescovo Philibert Randriambololona, S.I.
Elevato arcivescovo16 luglio 2002 da papa Giovanni Paolo II
Creato cardinale21 ottobre 2003 da papa Giovanni Paolo II
 

Philippe Xavier Ignace Barbarin (Rabat, 17 ottobre 1950) è un cardinale e arcivescovo cattolico francese, dal 6 marzo 2020 arcivescovo emerito di Lione.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureatosi in filosofia alla Sorbona di Parigi, nel 1973 ha iniziato a frequentare il seminario dei Carmelitani conseguendo la laurea in teologia.

Ha ricevuto l'ordine sacro il 17 dicembre 1977 per la diocesi di Créteil. Il 1º ottobre 1998 è stato nominato vescovo di Moulins da papa Giovanni Paolo II, ricevendone l'ordinazione episcopale il 22 novembre 1998.

Il 16 luglio 2002 è stato promosso arcivescovo metropolita di Lione, nonché primate delle Gallie.

Elevato al rango di cardinale da papa Giovanni Paolo II nel concistoro del 21 ottobre 2003, con il titolo della Santissima Trinità al Monte Pincio, è membro della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti e della Congregazione per gli istituti di vita consacrata e le società di vita apostolica.

Il 31 dicembre 2002 gli è stato conferito il titolo di cavaliere della Legion d'onore ed è attualmente membro della Commissione dottrinale dei vescovi francesi.

È uno dei cardinali che ha celebrato la Messa tridentina dopo la Riforma liturgica.

Il 21 luglio 2013 è stato colpito da doppio attacco cardiaco sull'aereo che lo portava da Lione a Rio de Janeiro dove si sarebbe tenuta la Giornata mondiale della gioventù. Sottoposto a triplo bypass, è rientrato a Lione il 20 agosto successivo.[1][2]

Il 6 marzo 2020 papa Francesco ha accolto la sua rinuncia al governo pastorale dell'arcidiocesi di Lione.[3] Il 28 giugno si è congedato dall'arcidiocesi con una messa in cattedrale. In seguito ha assunto l'incarico di cappellano della casa generalizia delle Piccole sorelle dei poveri a Saint-Pern.

Procedimenti giudiziari[modifica | modifica wikitesto]

Nel febbraio 2019 è stato condannato in primo grado di giudizio a sei mesi di carcere con la condizionale per aver coperto gli abusi sessuali di padre Bernard Preynat nei confronti di un gruppo scout.[4] Le indagini su Preynat sono state chiuse senza accuse per il cardinale, ma le vittime, utilizzando una procedura diretta della legislazione francese che permette di saltare le indagini preliminari, hanno deciso di accusare anche Barbarin e alcuni suoi collaboratori per non essere intervenuto pur essendo a conoscenza dei fatti.[5] Il 30 gennaio 2020 la Corte d'appello di Lione, pur confermando che Barbarin fosse a conoscenza degli abusi, ha riformato la sentenza di primo grado e lo ha prosciolto, stabilendo che il reato di omessa denuncia è caduto in prescrizione.[6][7]

Genealogia episcopale e successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

La genealogia episcopale è:

La successione apostolica è:

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Legion d'Onore
— 31 dicembre 2002
Ufficiale dell'Ordine Nazionale al Merito - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine Nazionale al Merito
— 8 maggio 2007
Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore
— 8 aprile 2012

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo di Moulins Successore BishopCoA PioM.svg
André Bernard Michel Quélen 1º ottobre 1998 - 16 luglio 2002 Pascal Roland
Predecessore Arcivescovo metropolita di Lione Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Louis-Marie Billé 16 luglio 2002 - 6 marzo 2020 Olivier de Germay
Predecessore Primate delle Gallie Successore PrimateNonCardinal PioM.svg
Louis-Marie Billé 16 luglio 2002 - 6 marzo 2020 Olivier de Germay
Predecessore Cardinale presbitero della Santissima Trinità al Monte Pincio Successore CardinalCoA PioM.svg
Louis-Marie Billé dal 21 ottobre 2003 in carica
Controllo di autoritàVIAF (EN100443115 · ISNI (EN0000 0001 2145 4050 · LCCN (ENno2001101034 · GND (DE139139494 · BNF (FRcb11890118w (data) · BAV (EN495/350543 · WorldCat Identities (ENlccn-no2001101034