Paul Cullen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Paul Cullen
cardinale di Santa Romana Chiesa
CardinalPaulCullen.jpg
Template-Cardinal (Metropolitan Archbishop).svg
Ponit animam pro amicis
 
Incarichi ricoperti
 
Nato29 aprile 1803, Prospect
Ordinato presbitero19 aprile 1829 dal cardinale Pietro Caprano
Nominato arcivescovo8 gennaio 1850 da papa Pio IX
Consacrato arcivescovo24 febbraio 1850 dal cardinale Castruccio Castracane degli Antelminelli
Creato cardinale22 giugno 1866 da papa Pio IX
Deceduto24 ottobre 1878, Dublino
 

Paul Cullen (Prospect, 29 aprile 1803Dublino, 24 ottobre 1878) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico irlandese.

Era figlio di prime nozze di un ricco fattore, Hugh Cullen e di Judith Maher. Il padre aveva avuto 16 figli, di cui Paul era il sesto.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studiò a Carlow e successivamente a Roma ove nel 1829 fu ordinato sacerdote. Gran studioso delle lingue ebraica, greca antica e latina, pubblicò numerose opere importanti in queste discipline. Durante la Grande Carestia irlandese che colpì il suo paese natìo fra il 1845 ed il 1849, Cullen si adoperò molto per portare assistenza dall'estero ai connazionali colpiti dal flagello.

L'8 gennaio 1850 fu nominato arcivescovo di Armagh e fu consacrato in Roma il 24 febbraio dello stesso anno. Il 6 aprile 1850 fu trasferito all'arcidiocesi di Dublino.

Papa Pio IX lo elevò al rango di cardinale nel concistoro del 22 giugno 1866, con il titolo di cardinale presbitero di San Pietro in Montorio. Divenne così il primo cardinale irlandese.

Convocato per il conclave del 1878, giunse a Roma che papa Leone XIII era già stato eletto.

Morì il 24 ottobre 1878 all'età di 75 anni.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) David Cheney, Paul Cullen, su Catholic-Hierarchy.org. Modifica su Wikidata
  • (EN) CULLEN, Paul, su The Cardinals of the Holy Roman Church.
Controllo di autoritàVIAF (EN73861970 · ISNI (EN0000 0000 6129 7953 · LCCN (ENn79092578 · GND (DE116757884 · BNF (FRcb11967525h (data) · BAV ADV10144892 · CERL cnp00584884