Pazzi in Alabama

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pazzi in Alabama
Pazzi in Alabama.jpg
Melanie Griffith in una scena del film
Titolo originaleCrazy in Alabama
Paese di produzioneStati Uniti
Anno1999
Durata111 min
Generecommedia, drammatico
RegiaAntonio Banderas
SoggettoMark Childress
SceneggiaturaMark Childress
ProduttoreMeir Teper
Casa di produzioneColumbia Pictures
FotografiaJulio Macat
MontaggioMaysie Hoy, Robert C. Jones
MusicheMark Snow
ScenografiaCecilia Montiel
Interpreti e personaggi
Premi

« A volte per trovare la libertà devi perdere la testa. »

(Tagline del film)

Pazzi in Alabama (Crazy in Alabama) è un film del 1999 diretto da Antonio Banderas, debutto alla regia dell'attore, tratto dal romanzo Estate di follia di Mark Childress.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1965 un ragazzino è testimone dei cambiamenti e delle tensioni razziali della piccola cittadina dell'Alabama in cui vive. Una donna gli cambierà la vita insegnandogli cosa significhi essere liberi: sua zia Lucille, madre di sei figli, che scappa dopo aver ucciso e decapitato il marito violento e manesco. Lucille andrà a Hollywood, portando con sé la testa del marito in una cappelliera e il sogno di diventare una star del cinema.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema