Papiro Abbott

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


Il Papiro Abbott è un antico papiro egizio datato al regno di Ramesse IX (XX dinastia egizia).

Il papiro riporta la trascrizione di una indagine sui saccheggi ad alcune tombe reali e comprende sia il resoconto dell'ispezione delle tombe stesse che il verbale d'interrogatorio di un saccheggiatore.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il papiro è il resoconto di un'ispezione a delle sepolture reali e nobiliari, verifica effettuata inseguito ad una denuncia di profanazione con furto da parte di due scribi ed di una lite tra il sindaco di Tebe di nome Pa-si-er ed il responsabile della necropoli reale, chiamato Pa-ur-aa.

Papiro Abbott

L'ispezione durò quattro giorni e venne effettuata:

  • dal XVIII al XXI giorno
  • nel terzo mese dell'Inondazione, chiamato Akhet
  • nel 16º anno di regno di Ramesse IX

ovvero dal 3 al 6 ottobre dell'anno 1116 a.C.[1]

L'argomento è ripreso in parte anche con la medesima grafia, nel Papiro Amherst.

Contenuto[modifica | modifica wikitesto]

Primo giorno[modifica | modifica wikitesto]

Nel primo giorno, una decina di funzionari effettuarono l'ispezione nella necropoli di Dra Abu el-Naga spingendosi sino a Deir el-Bahari e controllarono le sepolture di alcuni sovrani:

Vennero ispezionate anche altre tombe di privati e di quattro cantatrici della Casa delle Divine Spose di Amon.

Secondo giorno[modifica | modifica wikitesto]

Nel secondo giorno, i funzionari si recarono nella Valle delle Regine ma le tombe furono trovate intatte nonostante che l'artigiano Peikharu si dichiarasse colpevole del reato di violazione e furto della tomba della regina Iside

Terzo giorno[modifica | modifica wikitesto]

Nel terzo giorno, il responsabile della necropoli di Tebe, Pa-ur-aa denuncio' al Visir i due scribi che avevano comunicato la notizia delle profanazioni di tombe al Sindaco di Tebe invece che al Visir stesso e con una dettagliata relazione dimostro' che la notizia era infondata.

Quarto giorno[modifica | modifica wikitesto]

Nel quarto giorno, il Visir preso atto dell'infondatezza della notizia, archivio' il caso. Nel papiro vi è anche scritta anche una lista di nomi di ladri sottoposti a processo ma questa lista venne redatta in anni successivi, nel XIX anno di regno di Ramses XI ovvero nel 1095 a.C. circa.

Storia moderna del papiro[modifica | modifica wikitesto]

Di provenienza sconosciuta, il papiro venne acquistato nel 1857 da Sir Abbott e si trova oggi al British Museum di Londra.[1]

Lungo 220 cm. circa e largo 46 cm. circa, scritto in ieratico, con il titolo dei paragrafi in inchiostro rosso, ha avuto diverse traduzioni ma quella più in uso rimane quella di Eric Peet del 1930.[2]

Importanza storica[modifica | modifica wikitesto]

Dal racconto scaturisce la grande rivalità' tra il responsabile della necropoli ed il sindaco di Tebe che cerco' di screditarlo politicamente per mezzo dei due scribi.

Ma il documento è stato molto studiato sia per capire il tragitto effettuato durante l'ispezione sia per poter individuare le sepolture ancora ignote.

Nel papiro, ad esclusione della tomba AN-B di Amenofi I, le sepolture sono definite "mr" ovvero tomba con sovrastruttura piramidale[3] ed almeno due sono dei veri e propri complessi come la piramide di Antef II e quella di Montuhotep II.

Le tombe a piramide non devono essere confuse con le piramidi canoniche dell'Antico Regno perché più simili alle Piramidi nubiane.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Gian Luca Franchino, Alla ricerca della tomba di Amenhotep I, pag.101
  2. ^ Gian Luca Franchino, Alla ricerca della tomba di Amenhotep I, pag. 102
  3. ^ Peter Jànosi, Le piramidi, pag.121

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]