Mu (Miti di Cthulhu)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Mu è un continente immaginario che fa la sua comparsa anche nel Ciclo di Cthulhu di Howard Phillips Lovecraft. Tale continente appare in molte storie dell'autore e di alcune scritte da Lin Carter.

Mu nel Ciclo di Cthulhu[modifica | modifica wikitesto]

Il continente perduto di Mu sembra essere situato tra la Nuova Zelanda e il Cile, nel Pacifico. Su Mu regnava la stirpe di Cthulhu ed era abitato da umani primitivi (sembra che sia qui che l'uomo abbia fatto la sua prima apparizione). Si parlava il Naacal. Gli abitanti di tale continente adoravano innumerevoli dei, ma tra questi apparivano tre figli di Cthulhu: Ghatanothoa, Zoth-Ommog e Ythogtha, oltre a Shub-Niggurath e Cthulhu stesso. Cthulhu e Ghatanothoa sprofondarono negli abissi insieme ai loro continenti.

Su Mu troneggiava il monte di basalto Yaddith-Gho. Sulla sua cima risiede una fortezza di pietra costruita dai funghi di Yuggoth. Dentro la fortezza risiede un'immensa botola che sigilla l'entrata all'interno della montagna, dove probabilmente Ghatanothoa risiede.

Le Tavole di Zanthu, scritte da dall'alto sacerdote di Ythogtha, Zanthu appunto, offrono la miglior spiegazione alla scomparsa delle isole. Secondo tali scritti l'alto sacerdote scatenò l'ira dei Grandi Antichi tentando di evocare Ythogtha per sfidare il potere di Ghatanothoa. Per vendetta, i Grandi Antichi distrussero Mu e la affondarono sotto i mari.

Sembra che gli abitanti di Mu abbiano avuto rapporti con gli antichi egizi nel periodo di Nephren-Ka/Nyarlathotep/Faraone Nero.