Arkham

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Arkham (disambigua).
Arkham
Arkham, Massachusetts.gif
Pianta della città di Arkham
Tipo Città
Creazione
Ideatore Howard Phillips Lovecraft
Appare in Ciclo di Cthulhu
Caratteristiche immaginarie
Stato Massachusetts

Arkham è un'immaginaria città del Massachusetts inventata dallo scrittore Howard Phillips Lovecraft che viene citata nei suoi racconti e in quelli dei suoi epigoni. È sede della Miskatonic University, spesso centro nevralgico di molti dei racconti di Lovecraft.

Arkham nell'opera di Lovecraft[modifica | modifica wikitesto]

La posizione precisa di Arkham è sconosciuta, anche se probabilmente sorge non lontano dalle cittadine di Innsmouth e Dunwich. Ad ogni modo, dai racconti di Lovecraft si evince che si trova a nord di Boston, probabilmente nella contea di Essex.

Le principali caratteristiche di Arkham sono i tetti a mansarda delle sue abitazioni e l'insieme di oscure leggende che la circondano da secoli. Episodi come le misteriose sparizioni di bambini (presumibilmente assassinati in sacrifici rituali) e altri terribili avvenimenti sono accettati come parte della vita quotidiana dai cittadini di Arkham.

Il quotidiano più importante della città è l'Arkham Advertiser, distribuito anche nella vicina Dunwich. Fino al 1880, questo giornale era noto come Arkham Gazette.

La reale posizione di Arkham è stata a lungo oggetto di dibattito. Ad ogni modo è evidente che Lovecraft, nell'ideare questa città, pensò a Salem, famosa in tutti gli Stati Uniti per la caccia alle streghe del 1691.

Il manicomio di Arkham appare per la prima volta nel racconto La cosa sulla soglia e potrebbe essere stato ispirato dalla casa di cura chiamata "Danvers State Insane Asylum" di Danvers. Il manicomio appare anche nei racconti Il modello di Pickman e La maschera di Innsmouth.

Apparizioni[modifica | modifica wikitesto]

Nelle opere di Lovecraft[modifica | modifica wikitesto]

Arkham viene citata per la prima volta nel racconto breve Un'illustrazione e una vecchia casa (1920). Arkham appare altresì:

In altre opere letterarie[modifica | modifica wikitesto]

Arkham appare anche nei racconti dei Miti di Cthulhu di autori successivi alla morte di Lovecraft. Tra di loro:

  • Bloch, Robert. "The Creeper in the Crypt" (1937)
  • Brennen, Joseph Payne. "Forringer's Fortune" (1975)
  • Brunner, John. "Concerning the Forthcoming Inexpensive Paperback Translation of the Necronomicon of Abdul Alhazred" (1992)
  • Campbell, Ramsey
    • "The Tomb Herd" (1986)
    • "The Tower from Yuggoth" (1986)
  • Jens, Tina L. "In His Daughter's Darkling Womb" (1997)
  • Lumley, Brian. The Transition of Titus Crow (1975)
  • Price, Robert M. "Wilbur Whateley Waiting" (1987)
  • Shea, Michael. The Color out of Time (1984)
  • Smith, Clark Ashton. "Sono una strega" (19??)
  • Thompson, C. Hall. "The Will of Claude Ashur" (1947)
  • Wilson, F. Paul. "The Barrens" (1990)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri luoghi di finzione ideati da Howard Phillips Lovecraft:

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]