Incantesimo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Incantesimo (disambigua).
La maga Alcina dell'Orlando furioso, che con l'aiuto di un incantesimo si fa apparire bella

L'incantesimo è la concentrazione di energie volitive verso un preciso scopo, che si prefigge di alterare l'andamento naturale degli eventi o la volontà delle persone.[1]

Uso del termine[modifica | modifica wikitesto]

Quasi ogni tradizione magica, e persino religiosa organizzata, ha le sue idee precise rispetto a questo aspetto pratico del lato mistico della vita. Alcuni respingono addirittura anche solo l'idea di potersene servire, ma spesso sono comunque diffusi gesti o rituali scaramantici con lo scopo più o meno intenzionale di favorire il fatto che un certo desiderio si avveri.

L'incantesimo può essere veicolato da parole o da strumenti dedicati a tale scopo, come sigilli, amuleti, talismani, pentacoli, erbe e piante, olii, incensi, rituali, bacchette magiche, ecc. con a volte il supporto di invocazioni di divinità o entità varie, oppure di evocazioni.

Dal punto di vista strettamente etimologico l'incantesimo dovrebbe richiedere l'uso della voce, la ripetizione di parole più o meno in rima, una cantilena, ecc. Esso deriva infatti dal latino incantare con il significato di «cantare formule magiche».[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dizionario Garzanti, 1998.
  2. ^ Incantare, su garzantilinguistica.it.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 29717 · LCCN (ENsh85022700 · GND (DE4190550-7
Mitologia Portale Mitologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia