Milly D'Abbraccio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Milly D'Abbraccio
Milly d'Abbraccio 006.jpg
Dati biografici
Nome di nascitaEmilia Cucciniello[1]
NazionalitàItalia Italia
Dati fisici
Altezza175 cm
Peso65 kg
Etniacaucasica
Occhiverdi
Capellibiondi
Seno naturaleno
Misure110-80-100
Dati professionali
Altri pseudonimiMilly, Milli D'Abbraccio, Milli Mou
Film girati36 film
Sito ufficiale

Milly D'Abbraccio, pseudonimo di Emilia Cucciniello (Avellino, 3 novembre 1964), è un'ex attrice pornografica italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Nata ad Avellino, è figlia e nipote d'arte: il suo ramo materno è costituito da artisti teatrali napoletani. È inoltre la sorella dell'attrice teatrale Mariangela D'Abbraccio. Il nonno era violinista nell'orchestra del Teatro San Carlo, la nonna pittrice e la madre regista.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver vinto nel 1978 il concorso Miss Teenager Italy, nel 1979 incide il 45 giri Superman Supergalattico con il nome di Milli Mou[2] e inizia a lavorare in televisione nelle trasmissioni Galassia 2 di Gianni Boncompagni e Vedette con lo stesso pseudonimo. Lavora inoltre al cinema e in teatro con ruoli minori. Ha partecipato alle selezioni di Miss Italia 1985.[3]

Decide nel 1989 di passare alla carriera di attrice pornografica e poi di accettare le offerte di Riccardo Schicchi entrando così a far parte del gruppo di attrici pornografiche di Diva Futura.[1] Nel marzo 1990 ha partecipato come concorrente alla trasmissione televisiva Colpo Grosso, condotta da Umberto Smaila, sfidando Antonio Zequila. Ha proseguito l'attività nel cinema porno fino al 2005.

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2008 si è candidata con la lista dei Socialisti per l'allora X municipio di Roma[1] (oggi è il VII municipio) alle elezioni amministrative dello stesso anno,[4] ma ha conseguito solamente 19 voti e non è stata eletta.[5]

Nel 2011, l'ex attrice pornografica annuncia la propria candidatura a sindaco di Monza alle elezioni amministrative dell'anno successivo.[6] Tuttavia, successivamente decide di ritirare la candidatura a Monza per candidarsi a Torre del Greco.[7]

Altre attività[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2010 ha lavorato nel mondo della musica in veste di produttrice.[8] Da giugno 2012[9] esercita la professione di escort.[10][11]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2010 ha dichiarato di essere lesbica.[12] È, inoltre, l'ex cognata del cantante Enrico Ruggeri, essendo questi stato fidanzato con la sorella di Milly, Mariangela.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia tradizionale[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia pornografica[modifica | modifica wikitesto]

  • Sweet & Perverse Milly, regia di Christoph Clark (1989)
  • Amore, non uccidermi, regia di Pietro Nardi (1990)
  • Proposta oscena, regia di Gerard Damiano (1991)
  • La dottoressa, regia di Mario Bianchi (1991)
  • L'ultimo innocente, regia di Pietro Nardi (1992)
  • Animalità, regia di Phil Weber (1992)
  • Amiche del cazzo, regia di Mario Bianchi (1992)
  • Vedo nudo, regia di Mario Bianchi (1993)
  • Taboo di una moglie perversa - Milly P.R. porca e scatenata, regia di Mario Bianchi (1993)
  • A culo nudo, regia di Tony Yanker (1994)
  • Belle pazze scatenate - Le ragazze pon pon, regia di Mario Bianchi (1994)
  • Strane sensazioni bestiali - Animalità, regia di Mario Bianchi (1994)
  • Il fuoco della Trasgressione, regia di Riccardo Schicchi (1994)
  • Doppio contatto anale, regia di Mario Bianchi (1995)
  • Una famiglia per pene, regia di Mario Bianchi (1996)
  • Le depravazioni di Milly, regia di Mario Bianchi (1996)
  • C'era una volta il... bordello, regia di Franco Lo Cascio (1997)
  • Inchiesta a luci rosse, regia di Franco Lo Cascio (1997)
  • Paolina Borghese ninfomane imperiale, regia di Franco Lo Cascio (1998)
  • La moglie bugiarda, regia di Franco Lo Cascio (1998)
  • AnaXtasia - La principessa stuprata, regia di Franco Lo Cascio (1999)
  • Sex Animals (2000)
  • La professoressa di lingue, regia di Steve Morelli (2001)
  • L'onorevole, regia di Steve Morelli (2002)
  • L'avvocata del diavolo, regia di Michael Bernini (2002)
  • L'educatrice, regia di Steve Morelli (2005)

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • 1979 – Superman supergalattico/Zip (CGD, 10145, con lo pseudonimo Milli Mou)
  • 2018 – Parole Parole feat. Brandon Lowe (Community Musik Records) - pubblicato solo in formato digitale
  • 2019 – 20 Gocce di dolore (Community Musik Records) - pubblicato solo in formato digitale

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Roma, Milly D'Abbraccio si candida, su Corriere.it, 15 marzo 2008. URL consultato il 24 ottobre 2018.
  2. ^ Superman Supergalattico, su discogs.com.
  3. ^ Lista di partecipanti a Miss Italia, su La7.it. URL consultato il 24 ottobre 2018.
  4. ^ Milly tappezza Roma, su Corriere.it, 10 aprile 2008. URL consultato il 24 ottobre 2018.
  5. ^ La storia raccontata da Giorgio Dell'Arti, su Cinquantamila.it, 2 dicembre 2011. URL consultato il 24 ottobre 2018.
  6. ^ Monza, la pornostar Milly D'Abbraccio candidata alle elezioni, su Monzatoday.it, 17 dicembre 2011. URL consultato il 24 ottobre 2018.
  7. ^ Milly D'Abbraccio: Io sindaco nel Napoletano, su TGcom24, 1º marzo 2012. URL consultato il 24 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 14 febbraio 2019).
  8. ^ X Factor, Anna Tatangelo vs Milly D’Abbraccio: arriva la querela della pornostar, in Fanpage, 22 settembre 2010.
  9. ^ Pornostar, politica, ora è una escort: la parabola di Milly D'Abbraccio, su Linkiesta, 19 giugno 2012. URL consultato il 12 ottobre 2018.
  10. ^ Milly D'Abbraccio – Le Iene Show, su Mediaset.it, 24 febbraio 2013. URL consultato il 24 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 5 novembre 2018).
  11. ^ Il festival di Sanremo, un affare per le escort, su Wired.it. URL consultato il 12 ottobre 2018.
  12. ^ Milly D'Abbraccio fa coming out: “Sono lesbica”, su DireDonna, 15 settembre 2010. URL consultato il 12 ottobre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN169260011 · BNE (ESXX4933267 (data)