Madonna col Bambino (Giovanni Bellini Castello Sforzesco)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Madonna col Bambino
Giovanni bellini, madonna col bambino, 1460-65.JPG
AutoreGiovanni Bellini
Data1460-1465
Tecnicatempera su tavola
Dimensioni78×50 cm
UbicazionePinacoteca del Castello Sforzesco, Milano

La Madonna col Bambino è un dipinto tempera su tavola (78x50 cm) di Giovanni Bellini, databile al 1460-1465 circa e conservata nella Pinacoteca del Castello Sforzesco a Milano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'opera, firmata sul cartiglio appeso lungo il parapetto (IO[HANN]ES B[ELLI]N[US] F.), viene datata al periodo giovanile dell'artista, quando vivo era il confronto con il cognato Andrea Mantegna dal quale trasse numerosi spunti stilistici. Alcuni storici hanno espresso dubbi sulla paternità della tavola, per i tratti arcaici del panneggio e delle aureole, però il restauro del 1999 ha confermato l'autenticità, fin dall'antico, della firma. Forse questo retaggio antico dell'opera è spiegabile con l'influsso del padre Jacopo, all'epoca ancora presente.

La tavola faceva parte delle collezioni del principe Luigi Alberico Trivulzio, che nel 1935 fu oggetto di una delle più importanti transazione d'arte in Italia. Contesa fra Torino e Milano, venne poi destinata alla città lombarda salvo alcuni pezzi, come un ritratto virile di Antonello da Messina, oggi alla Galleria Sabauda.

Descrizione e stile[modifica | modifica wikitesto]

La Madonna, vestita di un inconsueto mantello rosa, tiene il Bambino appoggiato su una balaustra, oltre la quale penzola un lembo della veste proiettandosi "oltre il confine", verso lo spettatore. I loro sguardi non si incontrano, come di consueto in questo tipo di iconografia, ma la loro intimità familiare è sottolineata dai gesti che intrecciano tra loro. Gesù tiene infatti in mano un frutto, simbolo del Peccato originale e quindi della sua Passione espiativa. Maria sembra quasi voler sottrarglielo e il suo sguardo pensoso e malinconico sottintende la prefigurazione del destino tragico del figlio.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV., La Pinacoteca del Castello Sforzesco a Milano, Skira, Milano 2005. ISBN 88-7624-260-0
  • Mariolina Olivari, Giovanni Bellini, in AA.VV., Pittori del Rinascimento, Scala, Firenze 2007. ISBN 88-8117-099-X

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]