Ritratto dell'ambasciatore Gabriel de Luetz d'Aramont

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ritratto dell'ambasciatore Gabriel de Luetz d'Aramont
Ritratto dell ambasciatore Gabriel de Luetz d Aramont Tiziano Vecellio 1541 1542 oil on canvas 76 x 74 cm.jpg
AutoreTiziano Vecellio
Data1541-1542
Tecnicaolio su tela
Dimensioni76×74 cm
UbicazionePinacoteca del Castello Sforzesco, Milano

Il Ritratto dell'ambasciatore Gabriel de Luetz d'Aramont è un dipinto olio su tela (76x74cm) di Tiziano Vecellio, datato al 1541-1542 e conservato nella Pinacoteca del Castello Sforzesco a Milano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'opera è il ritratto che Tiziano realizzò per Gabriel de Luetz d'Aramont, ambasciatore francese presso la Sublime Porta.

Descrizione e stile[modifica | modifica wikitesto]

San Sebastiano nel Giudizio Universale di Michelangelo nella Cappella Sistina: si noti il fascio di frecce nella mano sinistra.

L'impostazione della figura dell'ambasciatore è a mezzo busto, vestito in abito scuro diplomatico, impreziosito da una collana d'oro, con sguardo distaccato, nell'atto di tenere nella mano destra un fascio di frecce, a simboleggiare con tutta probabilità i rapporti conflittuali che intercorrevano ancora nell'evo moderno tra gli stati cristiani di cui de Luetz era ambasciatore di uno dei regni più influenti, ed il mondo arabo d'oltremare.

Sul tema delle frecce, alcuni storici dell'arte hanno fatto dei raffronti con la posa del san Sebastiano dipinto da Michelangelo nel Giudizio Universale della Cappella Sistina, artista quest'ultimo che Tiziano ammirava moltissimo. Inoltre, l'evidente similitudine tra le frecce ed i pennelli di un pittore, fanno sì che il Tiziano stesso si personificasse nel ritratto dell'ambasciatore, come "ambasciatore d'arte" egli stesso, anche a fronte della somiglianza fisica tra il ritratto ed alcuni autoritratti del Tiziano della medesima epoca.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV., La Pinacoteca del Castello Sforzesco a Milano, Skira, Milano 2005. ISBN 88-7624-260-0