Martirio di santo Stefano (Daniele Crespi)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Martirio di santo Stefano
Daniele crespi, martirio di s. stefano, post 1622, 01.JPG
AutoreDaniele Crespi
Data1622
TecnicaOlio su tela
Dimensioni226×165 cm
UbicazionePinacoteca del Castello Sforzesco, Milano

Il Martirio di Santo Stefano è un dipinto ad olio su tela eseguito dal pittore lombardo Daniele Crespi, esposto alla pinacoteca del Castello Sforzesco di Milano.

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il dipinto doveva in origine servire come pala d'altare per la chiesa di Santa Maria delle Grazie di Novara[1]. La della scena si articola su tre piani: il primo dove santo Stefano viene martirizzato dai suoi aguzzini, un secondo della folla retrostante che assiste alla scena ed un terzo posto nella parte superiore del quadro dove sono raffigurati Cristo e Dio. La composizione della scena, considerata più accademica rispetto agli standard del Crespi, mostra dei parallelismi con le opere di Giuseppe Vermiglio[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Basso, Natale, p. 159.
  2. ^ Basso, Natale, p. 161.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marco Albertario, Elena Caldara, Rodolfo Martini e Valter Palmieri, La Pinacoteca del Castello Sforzesco, a cura di Laura Basso, Paolo Natale, Milano, Skira, 2005.