Porta Giovia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonima porta di Milano di epoca romana, vedi Porta Giovia (romana).
Porta Giovia
Localizzazione
StatoItalia Italia
CittàCoA Città di Milano.svg Milano
Informazioni generali
TipoPusterla
CostruzioneXII secolo (?)
Demolizione(?)
Mappa

Coordinate: 45°28′12.76″N 9°10′46.46″E / 45.470212°N 9.179572°E45.470212; 9.179572

Porta Giovia fu una delle porte minori (o pusterle) poste sul tracciato medievale delle Mura di Milano, verso nord-ovest. Prendeva il nome dall'antica Porta Giovia romana.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sorgeva in uno spazio delle mura rafforzato militarmente con la costruzione della Rocca Giovia (1358-1368), scomparendo nella struttura insieme con la vicina Pusterla delle Azze. Della pusterla da allora non è rimasta più traccia, neppure sui documenti.

Già nel 1288 tuttavia Bonvesin de la Riva non la menziona nell'elenco delle porte della città, che fa nel suo De magnalibus Mediolani.[1]

In questa località i Visconti, attorno alla Rocca originaria, costruirono un vero e proprio Castello di Porta Giovia, che venne distrutto nel periodo della Repubblica Ambrosiana e ricostruito sulle rovine dagli Sforza, divenendo quello che è oggi conosciuto come Castello Sforzesco.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bonvesin de la Riva, De Magnalibus Mediolani (1288), Pontiggia ed. Bompiani, 1974 - Capitolo II, capo VI