Macchi M.C.206

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Macchi M.C.206
Macchi MC.206 in costruzione dopo il bombardamento alleato 1943.jpg
Particolare del Macchi MC.206 in costruzione dopo il bombardamento alleato del 1943
Descrizione
Tipo aereo da caccia
Equipaggio 1
Progettista Mario Castoldi
Costruttore Italia Aeronautica Macchi
Esemplari 1
Sviluppato dal M.C.202
Dimensioni e pesi
Lunghezza 9,335 m
Apertura alare 12,142 m
Altezza 3,25 m
Superficie alare 21,0
Peso a vuoto 2 578 kg
Peso carico 3 650 kg
Propulsione
Motore un Daimler-Benz DB 605 A
Potenza 1 475 CV (1 085 kW) al decollo
Prestazioni
Velocità max 640 km/h
Armamento
Mitragliatrici 2 calibro 12,7 mm
Cannoni 3 calibro 20 mm
Note sec. altra fonte prevedeva il:
Daimler-Benz DB 603 da 1 750 CV con 700 km/h[1]

Dati tratti da I velivoli Macchi dal 1912 al 1963[2]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il Macchi M.C.206 è stato un aereo aereo monomotore ad elica italiano da caccia ad ala dritta progettato da Mario Castoldi e costruito dalla Aeronautica Macchi dalla seconda metà della seconda guerra mondiale.

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Macchi M.C.205.

Storia del progetto[modifica | modifica wikitesto]

Il prototipo ebbe uno sviluppo molto travagliato, tanto che alla fine diventò coevo al successivo progetto del M.C.207 dal quale differiva per la diversa impostazione e struttura delle ali e per l'armamento previsto.[3]

L'unico esemplare costruito fu prima danneggiato da un incidente in fabbrica e poi distrutto da un bombardamento alleato nel 1943, insieme al M.C.207.[3]

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Il Modello M.C.206 era motorizzato, come inequivocabilmente chiarisce il disegno originale dell'ing. Mario Castoldi con il Daimler-Benz DB 605.[4][5]

Rispetto al precedente M.C.205, aveva un'ala dalla superficie alare incrementata a 21 m², mentre la velocità massima, secondo la motorizzazione prevista, era di 640 o 700 km/h.

Differenze tra i vari modelli del caccia M.C.[6][7]
titolo misura C.205V
1 serie
C.205V
3 serie
C.205N
MM499
C.205N
MM500
C.206 C.207 C.202
Apertura alare m 10,58 10,58 11,25 11,25 12,142 12,142 10,58
Lunghezza m 8,85 8,85 9,549 9,549 9,335 9,735 8,85
Superficie alare 16,80 16,80 19,00 19,00 21,00 21,00 16,80
Diametro elica m 3,050 3,050 3,050 3,050 3,050 3,150 3,050
Peso a vuoto kg 2 568 2 581 2 695 2 759 2 578 3 292 2 357
Peso totale kg 3 268 3 408 3 621 3 794 3 650 4 340 2 937
Potenza motore hp 1 250 1 250 1 250 1 250 1 250 1 510 1 250

Armamento[modifica | modifica wikitesto]

L'armamento previsto per i due progetti sviluppati quasi in contemporanea era:

M.C.206
2 mitragliatrici calibro 12,7 mm in fusoliera e 3 cannoncini calibro 20 mm, uno situato nel mozzo dell'elica e gli altri due sulle ali.[4][5]
M.C.207
quattro cannoncini alari calibro 20 mm come chiarisce il disegno in scala 1:50 dell'ing. Mario Castoldi.[8][9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Thomson 1963, pp. 192.
  2. ^ Abbate e Lazzati 1963, pp. 145.
  3. ^ a b (EN) Raptor_Fulcrum, Aermacchi C.207 - Italian aircraft, World of Warplanes North American official forum. URL consultato il 30 luglio 2015.
  4. ^ a b Mario Castoldi, Aer. Macchi C.206 scala 1:50 (JPG), www.egamers.it.
  5. ^ a b Mario Castoldi, Aer. Macchi C.206 spaccato in scala (JPG), www.egamers.it.
  6. ^ Mario Castoldi, Tavola sinottica (JPG), www.egamers.it.
  7. ^ Mario Castoldi, Disegni dello sviluppo dei: Macchi Castoldi caccia (PNG), www.egamers.it.
  8. ^ Mario Castoldi, Aer. Macchi C.207 scala 1:50 (JPG), www.egamers.it.
  9. ^ Mario Castoldi, Aer. Macchi C.207 spaccato in scala (JPG), www.egamers.it.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]