Luigi Martinucci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Luigi "Gigi" Martinucci (Galatina, 5 agosto 1968) è un direttore della fotografia italiano.

Luigi Martinucci (2009)

Tra i numerosi film per cui ha lavorato come direttore della fotografia, anche Private (miglior fotografia Buenos Aires International Festival of Indipendent Cinema), film che era stato scelto per rappresentare l'Italia all'Oscar per il miglior film straniero successivamente rifiutato dall'Academy of Motion Picture Arts and Sciences perché non recitato in italiano.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Lungometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Documentari[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • La custode, regia di Enzo Casucci (1997)
  • Essi vivono, regia di Davide Pepe (1998)
  • Da nero a nero, regia di Anna de Manincor (1999)
  • Una prova, regia di Giovanni Galletta (1999)
  • Non è successo niente, regia di Giovanni La Parola (1999)
  • Effetto Zeigarnik, regia di Vito Palmieri (1999)
  • Lacrymae, regia di Maria Martinelli (1999)
  • La festa dei desideri, regia di Vito Palmieri (2000)
  • Never Keep souvenirs of a murder, regia di Anna de Manincor (2000)
  • Ypotesi, regia di Gianni De Blasi (2000)
  • Anarchie – quel che resta di libertè, egalitè, fraternitè, regia di Andrea Adriatico (2000)
  • Biodegradabile, regia di Lucio Pellegrini (2000)
  • Bocca di rosa, regia di Riccardo Marchesini (2000)
  • Il primo pensiero, regia di Giovanni Galletta (2000)
  • Massimo rispetto, regia di Giacomo D'Urzi (2001)
  • La sua gamba, regia di Francesco Costabile (2001)
  • Hollow, regia di Luigi Cecinelli (2001)
  • Appunti per un film su zio Vania, regia di Marco Bellocchio (2002)
  • D-Nite, regia di Gianni de Blasi (2002)
  • Pugni, regia di Andrea Adriatico (2002)
  • Die for me, regia di Anna de Manincor (2002)
  • La tempesta, regia di Igor Borghi (2002)
  • L'albero dei mattoni, regia di Roberto Naccari (2003)
  • Unconventional toys, regia di Matteo Rovere (2004)
  • Le sirene, regia di Francesco Colangelo (2005)
  • L'ultimo passo, regia di Francesco Colangelo (2005)
  • Q isola, regia di Alessandro Lunardelli (2005)
  • La casetta nel bosco, regia di Maurizio Finotto (2009)
  • l'anniversario, regia di Maurizio Finotto (2009)
  • Academy girl, regia Silvia Morani (2011)
  • Three colors, regia Silvia Morani (2012)
  • Firmeza, regia di Asia Argento (2012)
  • Sick of love, regia di Silvia Morani (2013)
  • Celestial, regia di Silvia Morani (2013)

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Si prega di non discutere di casa di bambola, regia di Pietro Babina (Teatrino Clandestino) (2000)
  • Iliade, regia di Pietro Babina (Teatrino Clandestino) (2002)
  • Sporting life, regia di Anna de Manincor (Zimmer frei) (2003)
  • Madre e assassina, regia di Pietro Babina (teatrino Clandestino) (2004)
  • Cenere, regia di Chiara Muti (2005)
  • Ridono ancor i sassi della città, regia di Elena Bucci (Ravenna festival) (2006)
  • Il sogno di Ludwig, regia di Chiara Muti (Ravello festival) (2007)
  • Il regno di rucken, regia di Chiara Muti (2007)
  • La ciociara, regia di Roberta Torre (2011)

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Premi[modifica | modifica wikitesto]

  • Miglior fotografia premio Kodak festival Visione Italiane Bologna 1999 per Da nero a nero
  • Miglior fotografia Festival Videocorto di Nettuno 2001 per Il primo pensiero
  • Miglior fotografia festival un ciak per l'ambiente Milano 2003 per Die for me
  • Miglior fotografia premio Kodak video clipped the radio stars. 2004 per Peter Pan sindrome
  • Miglior fotografia Concorso Internazionale Inventa un Film 2004 per Pugni
  • Miglior fotografia Palermo film festival 2005 per Le sirene
  • Miglior fotografia Buenos aires International festival of indipendent cinema 2005 per Private
  • Nomination miglior fotografia Premio 35mm 2005 per Private
  • Premio AIC 2012 Miglior Cinematografia per la fiction Non smettere di sognare

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]