Lucignolo (programma televisivo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lucignolo/Lucignolo 2.0
Logo del programma Lucignolo/Lucignolo 2.0
Anno 2003-2008, 2012 come Lucignolo
2013-in corso come Lucignolo 2.0
Genere Attualità, Intrattenimento, Gossip
Durata 180 min
Produttore Studio aperto 2003-2007
Videonews 2008, 2013-in corso
Presentatore Maurizio Trombini (2003-2006)
Maurizio Trombini, Melita Toniolo (2007-2008)
Enrico Ruggeri, Marco Berry (2013-in corso)
Rete Italia 1 (2003-2008, 2013-in corso)
Italia 2 (2012)
Mediaset Extra (repliche - 2013-in corso)
Sito web Sito ufficiale

Lucignolo è stato un rotocalco televisivo andato in onda su Italia 1 dal 2003 al 2007, come rubrica del telegiornale Studio aperto, e nel 2008 sotto la testata giornalistica Videonews. Il 13 ottobre 2013 il programma è stato ripristinato con il nome di Lucignolo 2.0.

Il programma è un settimanale di approfondimento che tratta diversi argomenti di attualità del mondo dei giovani, fatto di eccessi e follie, di mode e manie, di divertimento e di ribellione. Il tutto è commentato da una voce fuori campo, chiamata esattamente come il titolo del programma televisivo (la voce è Maurizio Trombini).

Storia[modifica | modifica sorgente]

Fin dalla sua nascita è andato in onda in seconda serata in primavera. Da giugno fino ad agosto il programma va in onda in prima serata con il titolo di Lucignolo Bellavita e si incentra di più sul gossip e intrattenimento, ma l'attualità è comunque trattata in forma minore. Il brano musicale della sigla è la canzone Smoke on the Water dei Deep Purple.

Se prima il programma era nato come rubrica del telegiornale Studio aperto, nell'estate del 2008 subisce un cambio di testata: la trasmissione diventa indipendente e passa sotto la guida della testata giornalistica autonoma Videonews (diretta da Claudio Brachino). Viene confermata anche in questa edizione come inviata Melita Toniolo che ha svolto, proprio come nell'edizione 2007, il ruolo di "Diavolita". Nuove figure aggiuntive sono invece quella del maestro di seduzione che è stato interpretato da Roberto Mercandalli (concorrente del Grande Fratello 8) e delle Luci's Angels Lisa Dalla Via, la gatta del metrò, e Marianne Puglia, Miss Venezuela, le quali hanno posato per l'omonimo calendario 2008. Inoltre, come annunciato dal direttore del programma, Claudio Brachino, in ogni puntata è stato proposto un ospite speciale che ha condotto la serata insieme a Lucignolo. La prima puntata ha avuto come ospite Anna Falchi, la seconda Belén Rodríguez, la terza Alba Parietti, la quarta Beppe Braida, la quinta Ainett Stephens, la sesta Aída Yéspica, la settima Pino Campagna e l'ottava e ultima puntata Elenoire Casalegno. Nelle ultime tre puntate di questa edizione, per la prima volta nella storia di trasmissioni di questo tipo, sono stati scelti una partitura e un artista classici per la sigla finale: il Chiaro di luna di Beethoven nella particolarissima esecuzione del pianista Nazzareno Carusi in riva al mare di Marina di Ravenna. A fine stagione, il programma viene cancellato dal palinsesto di Italia 1.

Nell'estate 2010 ne è stato prodotto uno spin-off, curato da Mario Giordano e Giovanni Toti, rispettivamente ex direttore e direttore in carica di Studio Aperto, cambiando formula e trasformando il suo nome in Mitici '80, prodotto dallo stesso Studio Aperto insieme a News Mediaset. Il programma, basato sulla comparazione degli anni ottanta con il periodo contemporaneo, è stato condotto da Sabrina Salerno con la collaborazione, per la realizzazione di alcuni servizi, di Melita Toniolo e Raffaella Fico.

Il programma è stato ripristinato il 13 ottobre 2013 su Italia 1 con il nome di Lucignolo 2.0 ed è andato in onda in diretta la domenica per la prima volta alle 21:30, in prima serata. Novità di questa edizione sono Miki e Fabrizio Pisu. Ogni settimana, in collegamento in diretta da una piazza, Pisu metterà in scena una sorta di flash mob. Inoltre, un inviato trascorrerà 24 ore nelle principali piazze italiane, per fare la cronaca, in presa diretta, di tutto ciò che accade.[1] A causa degli scarsi risultati d'ascolto, il programma è ricorso a semplici aggiustamenti: al posto della storica voce di Maurizio Trombini, è stata scelta la conduzione affidata a Enrico Ruggeri e Marco Berry.[2]

La sigla attuale della trasmissione è "All Sparks" del gruppo Britannico Editors.

Ascolti[modifica | modifica sorgente]

Ascolti 2013[modifica | modifica sorgente]

Puntata Messa in onda Telespettatori Share
1 13 ottobre 2013 915.000 4,97%[3]
2 20 ottobre 2013 1.277.000 5,28%[4]
3 27 ottobre 2013 1.341.000 5,95%[5]
4 3 novembre 2013 1.459.000 7,04%[6]
5 10 novembre 2013 1.369.000 6,48%[7]
6 17 novembre 2013 1.622.000 8,51%[8]
7 24 novembre 2013 1.483.000 7,43%[9]
8 1º dicembre 2013 1.825.000 8,76%[10]
9 8 dicembre 2013 1.344.000 6,57%[11]

Ascolti 2014[modifica | modifica sorgente]

Puntata Messa in onda Telespettatori Share
1 12 gennaio 2014 1.364.000 6,26%[12]
2 19 gennaio 2014 1.443.000 6,68%[13]
3 26 gennaio 2014 1.563.000 7,10%[14]
4 2 febbraio 2014 1.360.000 5,83%[15]
5 9 febbraio 2014 1.370.000 6,21%[16]
6 16 febbraio 2014 1.188.000 5,70%[17]
7 23 febbraio 2014 1.257.000 5,84%[18]
8 2 marzo 2014 1.106.000 5,01%
9 9 marzo 2014 1.226.000 5,90%
10 16 marzo 2014 1.037.000 5,31%[19]
11 23 marzo 2014 1.059.000 4,59%
12 30 marzo 2014 1.127.000 5,39%
13 6 aprile 2014 965.000 4,86%
14 13 aprile 2014 991.000 4,89%

Parodie[modifica | modifica sorgente]

Nell'edizione 2007/2008 di Quelli che il calcio una parodia di Lucignolo (in questo caso "Cugignolo") viene fatta da Albertino di Radio DeeJay ma non è la prima in assoluto, perché ne esiste già una fatta da Fabio Alisei de Lo Zoo di 105 chiamata "Scrocchignolo". Un'altra parodia, chiamata "Cirignolo", è stata realizzata dal programma comico Super Ciro.

Mercato legato a Lucignolo[modifica | modifica sorgente]

Videogiochi[modifica | modifica sorgente]

Premi e Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Il programma ha ricevuto due candidature al Telegatto.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Lucignolo 2.0: niente Diavolita, ma Mike, Fabrizio Pisu e interazione con lo spettatore (VIDEO). URL consultato il 21 ottobre 2013.
  2. ^ Lucignolo 2.0 cambia in corsa e rinnega se stesso: la paura del flop spacciata per evoluzione. URL consultato il 21 ottobre 2013.
  3. ^ Ascolti tv domenica 13 ottobre 2013. URL consultato il 14 ottobre 2013.
  4. ^ Ascolti tv domenica 20 ottobre 2013. URL consultato il 21 ottobre 2013.
  5. ^ Ascolti tv domenica 27 ottobre 2013. URL consultato il 28 ottobre 2013.
  6. ^ Ascolti tv domenica 3 novembre 2013. URL consultato il 4 novembre 2013.
  7. ^ Ascolti tv domenica 10 novembre 2013. URL consultato l'11 novembre 2013.
  8. ^ Ascolti tv domenica 17 novembre 2013. URL consultato il 18 novembre 2013.
  9. ^ Ascolti tv domenica 24 novembre 2013. URL consultato il 25 novembre 2013.
  10. ^ Ascolti tv domenica 1º dicembre 2013. URL consultato il 2 dicembre 2013.
  11. ^ Ascolti tv domenica 8 dicembre 2013. URL consultato il 9 dicembre 2013.
  12. ^ Ascolti tv domenica 12 gennaio 2014. URL consultato il 13 gennaio 2014.
  13. ^ Ascolti tv domenica 19 gennaio 2014. URL consultato il 20 gennaio 2014.
  14. ^ Ascolti tv domenica 26 gennaio 2014. URL consultato il 27 gennaio 2014.
  15. ^ Ascolti tv domenica 2 febbraio 2014. URL consultato il 3 febbraio 2014.
  16. ^ Ascolti tv domenica 9 febbraio 2014. URL consultato l'11 febbraio 2014.
  17. ^ Ascolti tv domenica 16 febbraio 2014. URL consultato il 17 febbraio 2014.
  18. ^ Ascolti tv domenica 23 febbraio 2014. URL consultato il 25 febbraio 2014.
  19. ^ Ascolti tv domenica 23 febbraio 2014. URL consultato il 25 febbraio 2014.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione