Lorenzo Ghizzoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lorenzo Ghizzoni
arcivescovo della Chiesa cattolica
Coat of arms of Lorenzo Ghizzoni.svg
In sapientia crucis pax
Titolo Ravenna-Cervia
Incarichi attuali Arcivescovo metropolita di Ravenna-Cervia
Vicepresidente della Conferenza episcopale dell'Emilia-Romagna
Incarichi ricoperti Vescovo ausiliare di Reggio Emilia-Guastalla
Nato 3 aprile 1955 (62 anni) a Cognento
Ordinato presbitero 14 settembre 1979 dal vescovo Gilberto Baroni
Nominato vescovo 7 febbraio 2006 da papa Benedetto XVI
Consacrato vescovo 29 aprile 2006 dal vescovo Adriano Caprioli
Elevato arcivescovo 17 novembre 2012 da papa Benedetto XVI

Lorenzo Ghizzoni (Cognento, 3 aprile 1955) è un arcivescovo cattolico italiano, dal 17 novembre 2012 arcivescovo metropolita di Ravenna-Cervia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Cognento, frazione di Campagnola Emilia, in provincia di Reggio Emilia e diocesi di Reggio Emilia-Guastalla, il 3 aprile 1955.

Entra nel seminario minore di Reggio Emilia e frequenta gli studi superiori presso il liceo pubblico cittadino; dopo aver conseguito l'esame di maturità studia teologia nello studio teologico interdiocesano.

Il 14 settembre 1979 è ordinato presbitero dal vescovo Gilberto Baroni.

Prosegue gli studi presso la Pontificia Università Gregoriana a Roma, conseguendo la licenza in diritto canonico e in psicologia.

Rientrato in diocesi nel 1984, riceve la cattedra di diritto canonico nel seminario diocesano di Reggio Emilia-Guastalla e di psicologia nell'Istituto di Scienze Religiose della stessa città. Dal 1984 al 1994 è vicecancelliere della curia diocesana. Dal 1986 al 1996 è direttore del Servizio Diocesano Vocazioni. Dal 1987 è difensore del vincolo nelle cause matrimoniali del tribunale ecclesiastico. È docente all'Istituto Superiore per Formatori sponsorizzato dalla Pontificia Università Gregoriana. Dal 1992 è vicedirettore del Centro Nazionale Vocazioni. Dal 1994 al 2006 è rettore del seminario vescovile di Reggio Emilia. Dal 1998 è assistente diocesano dei Giuristi Cattolici.

Il 17 febbraio 2006 papa Benedetto XVI lo nomina vescovo ausiliare di Reggio Emilia-Guastalla e vescovo titolare di Ottana[1]; riceve l'ordinazione episcopale il 29 aprile successivo, nella basilica della Madonna della Ghiara, dal vescovo Adriano Caprioli, coconsacranti i vescovi Luciano Monari e Giovanni Paolo Gibertini, O.S.B. È nominato inoltre lo stesso giorno vicario generale della diocesi di Reggio Emilia-Guastalla.

Il 27 maggio 2010 è eletto membro del Consiglio per gli affari economici della Conferenza Episcopale Italiana.

Il 17 novembre 2012 è nominato arcivescovo metropolita di Ravenna-Cervia da papa Benedetto XVI[2]; succede a Giuseppe Verucchi, dimessosi per raggiunti limiti di età. Il 20 gennaio 2013 prende possesso canonico dell'arcidiocesi, nella cattedrale di Ravenna. Il 29 giugno successivo riceve il pallio, nella basilica di San Pietro in Vaticano, da papa Francesco.

Nel settembre 2017 è designato referente della Conferenza Episcopale Italiana per la Pontificia commissione per la tutela dei minori[3].

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Priore per la Romagna e Grand'Ufficiale dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme - nastrino per uniforme ordinaria Priore per la Romagna e Grand'Ufficiale dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo titolare di Ottana Successore BishopCoA PioM.svg
- 17 febbraio 2006 - 17 novembre 2012 Piotr Sawczuk
Predecessore Arcivescovo metropolita di Ravenna-Cervia Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Giuseppe Verucchi dal 17 novembre 2012 in carica
Predecessore Gran priore per l'Italia-Romagna dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme Successore Croix de l Ordre du Saint-Sepulcre.svg
Giuseppe Verucchi dal 17 novembre 2012 in carica
Predecessore Vicepresidente della Conferenza Episcopale dell'Emilia-Romagna Successore Mitra heráldica.svg
Antonio Lanfranchi dal 5 ottobre 2015 in carica